Come Licenziarsi? 3 consigli utili per non correre rischi

Lasciare il posto di lavoro non significa necessariamente bruciare i rapporti e tagliare i ponti con il proprio capo e i colleghi, anche se, di solito, tra i motivi scatenanti vi sono mobbing o situazioni lavorative pessime. Tuttavia, ecco alcuni utili consigli per capire come licenziarsi senza correre rischi e senza fare passi falsi.

Come Licenziarsi dal Lavoro: 3 consigli utili

Le motivazioni che possono spingere un dipendente dal dare le dimissioni dal posto di lavoro sono molteplici. In linea generale, possono essere di due tipi:

  • dimissioni personali poiché legate all’ambito famigliare, ad esempio un imminente trasferimento in un’altra regione, al cambio di lavoro o per motivi di salute;
  • dimissioni per giusta causa, dovute a una situazione lavorativa che, divenuta insostenibile, porta il lavoratore, a non poter più proseguire in modo sereno il lavoro, neanche temporaneamente. Le motivazioni possono essere diverse: dal mancato pagamento della retribuzione all’aver subito molestie sessuali nei luoghi di lavoro, dalle modificazioni  (in peggio) delle mansioni al mobbing, dallo spostamento da una sede all’altra senza una reale motivazione fino al comportamento ingiurioso del capo ecc…

Detto questo, vediamo tre consigli utili per lasciare il posto di lavoro in modo tranquillo e sereno.

1.Valutare il rischio e le opportunità

Se si sta prendendo in considerazione l’idea di cambiare lavoro ci saranno dei motivi validi, tuttavia, prima di prendere qualunque decisione è necessario capire e interrogarsi su quanto siano validi. Facendo ciò non bisogna imporsi di tornare sui propri passi rimanendo in un luogo che non ci motiva o non ci soddisfa intellettualmente, ma significa valutare in modo analitico e puntuale i rischi e le future opportunità di carriera.

Uno dei rischi maggiori sta non solo nella ricerca (a volte piuttosto lunga e non facile) di un nuovo impiego, ma anche nel dispendio economico che il cambio di lavoro può comportare, infatti il mestiere dei propri sogni potrebbe non essere lì ad aspettarci nel momento in cui siamo disponibili. Questa riflessione è particolarmente importante per chi ha determinate spese da pagare (un mutuo o altro).

2.Non smettere di lavorare dopo il preavviso

A mano a mano che si avvicina il termine del rapporto di lavoro, si ha chiaramente la sensazione di essere più liberi. Questo non significa però che bisogna smettere di lavorare o svolgere le proprie mansioni in modo superficiale o poco professionale.  Un atteggiamento del genere è eticamente scorretto.

É chiaro che sicuramente risulta più difficile rimanere concentrati sugli obiettivi a lungo termine di un progetto, dato che, nel giro di pochi giorni non ci riguarderà più. Quindi per ovviare a tutto ciò è possibile suddividere il lavoro restante in obiettivi a breve termine legando i risultati a delle scadenze precise. Inoltre è ‘importante mantenere la comunicazione con la direzione e i collaboratori fino alla fine.

3.Cancellare ogni propria traccia

Prima di andare via in modo definitivo dall’ufficio è necessario ripulire la propria postazione di lavoro da qualunque cosa (anche i file personali nel pc!). Attenzione a non toccare dati aziendali sensibili o buttare documenti ancora importanti per l’azienda.

 

Licenziamento Giusta Causa

Cause licenziamento individuale Cause licenziamento individuale per giustificato motivo o giusta causa Il licenziamento individuale è l’atto con cui il datore di lavoro mette fine al rapporto che lo lega al proprio dipendente. Disciplinato dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento individuale può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo (soggettivo e oggettivo)....
Licenziamento discriminatorio Che cos'è licenziamento discriminatorio Il licenziamento discriminatorio è la cessazione del rapporto di lavoro per motivi contrari ai diritti fondamentali dell’uomo garantiti dalla Costituzione. Si tratta quindi di un licenziamento illegittimo poiché le ragioni che stanno alla base della recessione dal contratto di lavoro sono censurabili. Dis...
Guida al licenziamento collettivo Cos’è il licenziamento collettivo Il licenziamento collettivo è l’atto con cui un’impresa opera una significativa riduzione del personale per motivi di crisi, di ristrutturazione aziendale o in vista della chiusura dell’attività. Disciplinato dalla legge n. 223 del 1991, il licenziamento collettivo si realizza attraverso una complessa procedura...
Licenziamento Dipendenti Licenziamento dipendenti privati per giusta causa Il licenziamento di un dipendente è considerato legittimo solo se i motivi che hanno condotto alla recessione del contratto rientrano nei caso di giusta causa o giustificato motivo, come previsto dallo Statuto dei lavoratori e dalla legislazione italiana. Il licenziamento per giusta causa si ha ...
Licenziamento discriminatorio e ritorsivo Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai...
Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Legge Fornero La Riforma Fornero e il Jobs Act hanno modificato le sanzioni previste in caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo. La regolamentazione, che in origine era identica a quella prevista per il licenziamento disciplinare, oggi si diversifica in base alla d...
Licenziamento illegittimo Jobs Act: cosa è cambiato? Illegittimo licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti previsto dal Jobs Act ha cambiato profondamente l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, nella fattispecie per il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo. Applicate ai soggetti assunti dopo il 1° marz...
Licenziamento per malattia: quando è legittimo? La legge stabilisce che il dipendente malato non può essere licenziato. Tuttavia, vi sono due casi che prevedono il licenziamento per malattia: nel momento in cui l'assenza supera la durata massima prevista dal contratto collettivo; se, nonostante l'assenza sia inferiore al suddetto limite, questa provochi un grave pregiudizio per l'org...
licenziamento ad nutum