Guida al licenziamento collettivo

Cos’è il licenziamento collettivo

Il licenziamento collettivo è l’atto con cui un’impresa opera una significativa riduzione del personale per motivi di crisi, di ristrutturazione aziendale o in vista della chiusura dell’attività.

Disciplinato dalla legge n. 223 del 1991, il licenziamento collettivo si realizza attraverso una complessa procedura, alla quale prendono parte anche le rappresentanze sindacali. Questa può essere attivata solo se l’impresa, che conta più di 15 dipendenti, decide di licenziarne almeno 5 nell’arco di 120 giorni.

Allo stesso tempo perché vi sia un licenziamento collettivo è necessario che l’azienda benefici di strumenti di integrazione salariale, come ad esempio la Cassa Integrazione, e ciò nonostante non ritenga di poter garantire il reimpiego di tutti i lavoratori sospesi.

Licenziamento collettivo criteri di scelta

Il datore di lavoro non può scegliere liberamente chi licenziare, ma deve attenersi a delle normative di legge che stabiliscono i criteri ai quali il datore deve attenersi per redigere la lista dei dipendenti interessati.

L’individuazione dei lavoratori da licenziare deve avvenire tenendo conto dei carichi di famiglia (ovvero l’impatto che il licenziamento può avere in relazione alla presenza di un coniuge a carico e del numero dei figli), dell’anzianità del lavoratore e delle esigenze tecniche e organizzative dell’impresa.

È possibile però che all’interno degli accordi tra impresa e sindacati, le parti stabiliscano dei criteri diversi da quelli previsti dalla legge per la selezione dei dipendenti. In questo vaso, anche se si derogano i principi di legge, sarà comunque necessario rispettare i principi di non discriminazione e razionalità. Nello specifico è necessario che i criteri adottati siano coerenti con le ragioni aziendali che sono alla base del licenziamento collettivo.

I lavoratori licenziati collettivamente vengono inseriti nelle liste di mobilità. L’iscrizione alle liste è volta ad agevolare il reinserimento nel mercato del lavoro, favorendo una ricollocazione dei soggetti definita sulla base del loro profilo professionale. In attesa della nuova occupazione, i lavoratori collocati in mobilità hanno diritto a un’indennità di disoccupazione.

Licenziamento collettivo Jobs Act: sanzioni

In caso di violazione delle regole previste per i licenziamenti collettivi, è rappresentata dal Jobs dalla possibilità del Giudice di disporre il reintegro dei lavoratori. Tale regola è stata tuttavia profondamente modificata dal D.Lgs. n. 23/2015 che però si riferisce tendenzialmente solo ai licenziamenti relativi ai lavoratori assunti, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, a partire dal 7 marzo 2015.

Con l’introduzione del Jobs Act, in questi casi si applicano le stesse sanzioni previste in caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento senza preavviso: quando è possibile? Licenziamento senza preavviso da parte del datore di lavoro I Contratti Collettivi Nazionali di categoria (Ccnl) stabiliscono per ogni livello di inquadramento un periodo di preavviso che, sia i dipendenti che i datori di lavoro, sono tenuti ad osservare prima di recedere, in modo unilaterale, dal contratto. Il periodo di preavviso, che varia i...
Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Legge Fornero La Riforma Fornero e il Jobs Act hanno modificato le sanzioni previste in caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo. La regolamentazione, che in origine era identica a quella prevista per il licenziamento disciplinare, oggi si diversifica in base alla d...
Licenziamento orale: cos’è? Quali le conseguenze? Il licenziamento orale è nullo Il licenziamento orale, o verbale, si verifica quando il lavoratore viene allontanato dal proprio posto di lavoro senza che la cessazione del rapporto gli sia comunicata, dal datore di lavoro, con un atto scritto. Dato che per legge il datore di lavoro deve comunicarlo in forma scritta, il licenziamento verbale è ...
Differenza giusta causa e giustificato motivo Quando si parla di licenziamento, fondamentale è comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo. Cerchiamo di porre in evidenza gli aspetti tecnici pertinenti e che possono rappresentare un orientamento per dipendenti e datori di lavoro. Per comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo è necessario fare riferimento ...
Licenziamento discriminatorio Che cos'è licenziamento discriminatorio Il licenziamento discriminatorio è la cessazione del rapporto di lavoro per motivi contrari ai diritti fondamentali dell’uomo garantiti dalla Costituzione. Si tratta quindi di un licenziamento illegittimo poiché le ragioni che stanno alla base della recessione dal contratto di lavoro sono censurabili. Dis...
Cause licenziamento individuale Cause licenziamento individuale per giustificato motivo o giusta causa Il licenziamento individuale è l’atto con cui il datore di lavoro mette fine al rapporto che lo lega al proprio dipendente. Disciplinato dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento individuale può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo (soggettivo e oggettivo)....
Licenziamento per fine appalto: quando è illegittimo? Cos’è il licenziamento per fine appalto Il licenziamento per fine appalto rientra nella categoria del giustificato motivo oggettivo, ossia tra i provvedimenti di licenziamento alla base dei quali risiede un motivo legato alla riorganizzazione aziendale. In caso di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo la legge prevede l’obbligo di rip...
Visite Fiscali 2017 e licenziamento per malattia Il lavoratore dipendente che, nonostante la malattia, sia stato trovato fuori di casa non può essere licenziato automaticamente. Tuttavia vi sono una serie di casi in cui il datore di lavoro ha il pieno diritto di interrompere il rapporto con il dipendente. Vediamoli insieme. Visite Fiscali 2017, cosa si rischia se non si è reperibili? Il lavo...
licenziamento collettivo