Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani

Criteri di scelta per licenziamento collettivo

Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindacati, che consentano di individuare i lavoratori da licenziare. Cercando, in ogni caso, di creare ai dipendenti il minor danno possibile.

Licenziamento collettivo criteri di scelta: quali sono? Le linee guida per la selezione dei lavorati da licenziare variano da azienda a azienda, spesso si tengono in considerazione la presenza di figli, e gli anni di anzianità di servizio. Ma queste non sono le uniche condizioni accettabili.

Licenziamento collettivo criteri di scelta cassazione: prima i lavoratori vicini alla pensione

È considerato, infatti, un legittimo criterio di scelta la prossimità al pensionamento del lavoratore. Lo ha detto di recente la cassazione con la sentenza n. 13794/15 dello scorso 3 luglio. Una possibilità aperta, però, solo se è possibile formare una graduatoria rigida e senza margine di discrezionalità per il datore di lavoro. Condizione che consentirà di evitare eventuali discriminazioni.

In altre parole, l’azienda deve avere una linea predeterminata entro cui muoversi, senza la possibilità di scegliere arbitrariamente chi licenziare. La vicinanza alla pensione è stata considerata dalla Corte un valido criterio oggettivo, che permette di definire, a parità di condizioni, quale soggetto subisce il minore danno dal licenziamento. Decisione presa alla luce del fatto che più si è vicini alla pensione, tanto più velocemente si potrà sostituire il reddito da lavoro con l’assegno pensionistico.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento per fine appalto: quando è illegittimo? Cos’è il licenziamento per fine appalto Il licenziamento per fine appalto rientra nella categoria del giustificato motivo oggettivo, ossia tra i provvedimenti di licenziamento alla base dei quali risiede un motivo legato alla riorganizzazione aziendale. In caso di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo la legge prevede l’obbligo di rip...
Licenziamento per assenza ingiustificata Cos’è il licenziamento per assenza ingiustificata Il licenziamento disciplinare si verifica in seguito a una scorretta condotta del lavoratore, talmente grave da compromettere il vincolo fiduciario che si è instaurato con il datore di lavoro. Questa particolare tipologia di licenziamento si distingue in due categorie: per giusta causa e per giusti...
Licenziamento giustificato e ingiustificato Licenziamento giustificato e ingiustificato per dirigenti e dipendenti Il licenziamento è l’atto con il quale il datore di lavoro palesa la propria volontà di recedere dal rapporto di lavoro con un dipendente. Il licenziamento ha effetto dal momento in cui il lavoratore ne viene a conoscenza e perché questo sia valido non è necessario il concorso ...
Giusta causa licenziamento e dimissioni: quando è prevista? Cos’è la giusta causa e quando si verifica In materia di rapporti di lavoro, la giusta causa è l’evento che consente a una delle due parti di recedere anticipatamente dal contratto senza fornire alcun preavviso. La nozione di giusta causa non è però determinata esplicitamente dalla normativa vigente. L'art. 2119 del Codice Civile, infatti, si l...
Licenziamento senza preavviso: quando è possibile? Licenziamento senza preavviso da parte del datore di lavoro I Contratti Collettivi Nazionali di categoria (Ccnl) stabiliscono per ogni livello di inquadramento un periodo di preavviso che, sia i dipendenti che i datori di lavoro, sono tenuti ad osservare prima di recedere, in modo unilaterale, dal contratto. Il periodo di preavviso, che varia i...
Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Legge Fornero La Riforma Fornero e il Jobs Act hanno modificato le sanzioni previste in caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo. La regolamentazione, che in origine era identica a quella prevista per il licenziamento disciplinare, oggi si diversifica in base alla d...
Licenziamento discriminatorio e ritorsivo Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai...
Licenziamento Dipendenti Licenziamento dipendenti privati per giusta causa Il licenziamento di un dipendente è considerato legittimo solo se i motivi che hanno condotto alla recessione del contratto rientrano nei caso di giusta causa o giustificato motivo, come previsto dallo Statuto dei lavoratori e dalla legislazione italiana. Il licenziamento per giusta causa si ha ...
licenziamento collettivo criteri di scelta