Licenziamento Dirigente per Giusta Causa

Licenziamento del dirigente per giusta causa: cos’è

Nella giurisprudenza italiana il licenziamento di un dirigente è disciplinato diversamente rispetto a quello degli altri dipendenti. Regolato dalle norme del Codice Civile e dalla contrattazione collettiva, il licenziamento del dirigente è strettamente legato al ruolo che questo ha all’interno dell’azienda.

Alla figura del dirigente sono, infatti, attribuiti compiti che hanno una forte incidenza sulla gestione dell’azienda e le prerogative associate si basano in larga parte sul rapporto di fiducia con il datore di lavoro. Il carattere fiduciale del rapporto tra datore di lavoro e dirigente fa si che questo abbia potere decisionale e una larga autonomia di scelta nello svolgimento del proprio lavoro.

Licenziamento dirigente per giusta causa: normative di riferimento

Per il licenziamento dei dirigenti si fa riferimento alla disciplina contenuta negli articoli 2118 e 2119 del Codice Civile e alla tutela disposta dalla contrattazione collettiva tramite la nozione di Giustificatezza di Licenziamento. I dirigenti sono infatti esclusi dalle tutele per i licenziamenti individuali, definite dalla legge n. 604/1966.
Tale esclusione non è però totale, poiché l’articolo l’art. 2 della legge n. 108 del 1990 stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di comunicare in forma scritta il licenziamento al dirigente. L’obbligo di comunicare per iscritto il licenziamento non implica però che il datore di lavoro sia tenuto a fornire al dipendente anche le motivazioni che hanno portato alla conclusione del rapporto.

In proposito si registrano punti di vista divergenti, alcune sentenze della Corte Suprema fanno riferimento esclusivamente all’obbligo di comunicazione scritta del licenziamento, mentre altre stabiliscono che solo la presenza di una motivazione scritta permette al dirigente di impugnare il licenziamento.
Licenziamento dirigente per giusta causa: quando è nullo

Ma allora quando è nullo il licenziamento di un dirigente? Il licenziamento del dirigente è nullo se viene comunicato solo in forma orale o se alla base vi sono motivi illeciti. L’articolo art. 3 della legge n. 108/1990 stabilisce, infatti, che il licenziamento discriminatorio è nullo e comporta, anche per i dirigenti, l’applicazione dell’articolo 18 della legge n. 300/1970.

Il licenziamento del dirigente è nullo per motivo illecito se si verifica una discriminazione razziale, di lingua, di handicap, di sesso oppure basato sulle convinzioni personali o sull’orientamento sessuale.
Il licenziamento non è considerato nullo se a causarlo è un motivo di rappresaglia o ritorsione che porta una reazione ingiusta da parte del datore di lavoro. Ricordiamo infine che in caso di licenziamento per giusta causa (escludendo quindi i casi di nullità) la fine del rapporto avviene in tronco e senza preavviso.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani Criteri di scelta per licenziamento collettivo Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindac...
Licenziamento in Gravidanza: quando è vietato? La legge cerca di tutelare le lavoratrici incinte e le neo mamme, infatti l'azienda non può licenziarle se non in casi straordinari. Vediamo quali sono e quando è possibile il licenziamento in gravidanza o di una lavoratrice che ha appena partorito. Licenziamento in gravidanza o di una neo mamma: quando è vietato  Il datore di lavoro non può lice...
Licenziamento per malattia: legittimo se danneggia l’azienda Assenza per malattia: quando può essere causa di licenziamento Con la sentenza n. 18678 del 4 settembre 2014, la Corte di Cassazione ha preso in esame la questione delle ripetute assenze per malattia, un problema che interessa molte aziende italiane. Sono molti infatti i dipendenti che si dichiarano malati nei giorni immediatamente precedenti o su...
Giusta causa licenziamento e dimissioni: quando è prevista? Cos’è la giusta causa e quando si verifica In materia di rapporti di lavoro, la giusta causa è l’evento che consente a una delle due parti di recedere anticipatamente dal contratto senza fornire alcun preavviso. La nozione di giusta causa non è però determinata esplicitamente dalla normativa vigente. L'art. 2119 del Codice Civile, infatti, si l...
Licenziamento discriminatorio e ritorsivo Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai...
Licenziamento giustificato e ingiustificato Licenziamento giustificato e ingiustificato per dirigenti e dipendenti Il licenziamento è l’atto con il quale il datore di lavoro palesa la propria volontà di recedere dal rapporto di lavoro con un dipendente. Il licenziamento ha effetto dal momento in cui il lavoratore ne viene a conoscenza e perché questo sia valido non è necessario il concorso ...
Guida al licenziamento collettivo Cos’è il licenziamento collettivo Il licenziamento collettivo è l’atto con cui un’impresa opera una significativa riduzione del personale per motivi di crisi, di ristrutturazione aziendale o in vista della chiusura dell’attività. Disciplinato dalla legge n. 223 del 1991, il licenziamento collettivo si realizza attraverso una complessa procedura...
Licenziamento illegittimo Jobs Act: cosa è cambiato? Illegittimo licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti previsto dal Jobs Act ha cambiato profondamente l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, nella fattispecie per il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo. Applicate ai soggetti assunti dopo il 1° marz...
Licenziamento dirigente per giusta causa