Licenziamento giustificato e ingiustificato

Licenziamento giustificato e ingiustificato per dirigenti e dipendenti

Il licenziamento è l’atto con il quale il datore di lavoro palesa la propria volontà di recedere dal rapporto di lavoro con un dipendente. Il licenziamento ha effetto dal momento in cui il lavoratore ne viene a conoscenza e perché questo sia valido non è necessario il concorso della volontà del lavoratore.

Quado si parla di licenziamento è bene distinguere tra giustificato e ingiustificato. Il licenziamento di un lavoratore dipendente è giustificato se avviene per giusta causa o per giustificato motivo, in mancanza di questi elementi si parla di licenziamento ingiustificato.

Quando il licenziamento si riferisce ad un dirigente, invece, si parla di licenziamento ingiustificato solo se il datore di lavoro recede dal contratto violando il principio di buona fede, ovvero tenendo comportamenti pretestuosi e al limite della discriminazione.

Ma cosa succede in caso di licenziamento ingiustificato? Il licenziamento ingiustificato di un lavoratore dipendente costituisce l’ipotesi di responsabilità contrattuale. Le conseguenze che si prefigurano sono diverse in base al numero di dipendenti assunti nell’azienda, poiché il licenziamento ingiustificato è sanzionato in modi diversi dall’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e dalla Legge 108/90, a seconda delle dimensioni occupazionali dell’impresa.

Licenziamento giustificato e ingiustificato: quando si applica l’articolo 18

L’articolo 18 si applica alle aziende con più di 15 dipendenti nell’unità produttiva (5 se l’impresa è agricola) e alle aziende che contano più di 15 dipendenti nel territorio comunale, a prescindere dal numero di dipendenti delle singole unità produttive. L’applicazione dell’articolo 18 si estende anche alle aziende che hanno oltre 60 dipendenti in ambito nazionale.

In tutti questi casi, se il dipendente impugna il licenziamento e il Giudice del Lavoro ne riconosce l’illegittimità, l’imprenditore ha l’obbligo di reintegrare il lavoratore nel suo posto di lavoro. Al dipendente viene inoltre pagato lo stipendio e versati i contributi per tutto il periodo in cui è stato assente a causa del licenziamento illegittimo.

Il dipendente può inoltre richiedere un’indennità pari a 15 mensilità di retribuzione, incluse tredicesima, quattordicesima e trattamento i fine rapporto.

Licenziamento giustificato e ingiustificato: applicazione della Legge 108/90

Per quanto riguarda la Legge 108/90, questa viene applicata alle aziende con un numero di dipendenti compreso tra 15 e 60, e a quelle che contano meno di 16 addetti nelle singole unità di produzione. Nel caso di imprese agricole, la disciplina si applica a quelle che hanno meno di sei addetti assunti nelle singole unità produttive.

In questi casi, a fronte di licenziamento ingiustificato, il datore di lavoro può scegliere se riassumere il dipendente o corrispondergli un’indennità economica con un importo variabile a seconda dei casi e della dimensione dell’azienda.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento in prova quando è illegittimo Licenziamento in periodo di prova: quando è previsto il recesso ad nutum Il principio secondo il quale è possibile licenziare un lavoratore solo in caso di giusta causa o giustificato motivo non vale per i soggetti assunti in prova. Durante il periodo di prova, infatti, entrambe le parti possono recedere dal contratto in qualunque momento e non so...
Modulo lettera motivazioni licenziamento: quali caratteristiche deve avere Il modulo lettera motivazioni licenziamento è l’atto con cui il datore di lavoro comunica al dipendente le cause per le quali ha deciso di porre fine al rapporto lavorativo. Risulta utile seguire alcune regole nella sua preparazione, al fine di non ricevere ulteriori richieste di chiarimento da parte dell’ex dipendente, e soprattutto per risultare ...
Licenziamento orale: cos’è? Quali le conseguenze? Il licenziamento orale è nullo Il licenziamento orale, o verbale, si verifica quando il lavoratore viene allontanato dal proprio posto di lavoro senza che la cessazione del rapporto gli sia comunicata, dal datore di lavoro, con un atto scritto. Dato che per legge il datore di lavoro deve comunicarlo in forma scritta, il licenziamento verbale è ...
Licenziamento per malattia: legittimo se danneggia l’azienda Assenza per malattia: quando può essere causa di licenziamento Con la sentenza n. 18678 del 4 settembre 2014, la Corte di Cassazione ha preso in esame la questione delle ripetute assenze per malattia, un problema che interessa molte aziende italiane. Sono molti infatti i dipendenti che si dichiarano malati nei giorni immediatamente precedenti o su...
Giusta causa licenziamento e dimissioni: quando è prevista? Cos’è la giusta causa e quando si verifica In materia di rapporti di lavoro, la giusta causa è l’evento che consente a una delle due parti di recedere anticipatamente dal contratto senza fornire alcun preavviso. La nozione di giusta causa non è però determinata esplicitamente dalla normativa vigente. L'art. 2119 del Codice Civile, infatti, si l...
Licenziamento Dirigente per Giusta Causa Licenziamento del dirigente per giusta causa: cos’è Nella giurisprudenza italiana il licenziamento di un dirigente è disciplinato diversamente rispetto a quello degli altri dipendenti. Regolato dalle norme del Codice Civile e dalla contrattazione collettiva, il licenziamento del dirigente è strettamente legato al ruolo che questo ha all’interno de...
Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani Criteri di scelta per licenziamento collettivo Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindac...
Licenziamento in Gravidanza: quando è vietato? La legge cerca di tutelare le lavoratrici incinte e le neo mamme, infatti l'azienda non può licenziarle se non in casi straordinari. Vediamo quali sono e quando è possibile il licenziamento in gravidanza o di una lavoratrice che ha appena partorito. Licenziamento in gravidanza o di una neo mamma: quando è vietato  Il datore di lavoro non può lice...
Licenziamento Giustificato e Ingiustificato