Licenziamento illegittimo Jobs Act: cosa è cambiato?

Illegittimo licenziamento per giusta causa e giustificato motivo

Il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti previsto dal Jobs Act ha cambiato profondamente l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, nella fattispecie per il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo.

Applicate ai soggetti assunti dopo il 1° marzo 2015, le nuove normative introdotte dal Jobs Act hanno una nuova possibilità di conciliazione in caso di licenziamento illegittimo. Ma vediamo nel dettaglio tutti i cambiamenti introdotti dal Jobs Act.

Il diritto al reintegro sul posto di lavoro rimane in caso il licenziamento sia stato intimato in forma orale, risulti discriminatorio o sia riconducibile ad altri casi di nullità. In caso di licenziamento per motivi disciplinari (giusta causa o giustificato motivo soggettivo) il reintegro è previsto solo se in giudizio viene dimostrata l’insussistenza del fatto materiale posto alla base del licenziamento.

Procedura di conciliazione

In caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo e in tutti i casi di licenziamento disciplinare in cui nono sia dimostrata l’insussistenza del fatto, al posto del reintegro del lavoratore, previsto dall’articolo 18, è previsto un indennizzo economico.

Nuova procedura di conciliazione

Un’altra novità introdotta dalla riforma è la procedura di conciliazione prevista dall’articolo 6 della legge 183/2014. Il datore di lavoro può offrire al dipendente un’indennità risarcitoria in cambio della rinuncia all’impugnazione del licenziamento.

Il risarcimento deve avere un importo pari a una mensilità per ogni anno di servizio, con un minimo di 2 e un massimo di 18 mensilità. La somma non è soggetta a contribuzione previdenziale e non viene calcolata ai fini dell’imponibile IRPEF del lavoratore.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento in prova quando è illegittimo Licenziamento in periodo di prova: quando è previsto il recesso ad nutum Il principio secondo il quale è possibile licenziare un lavoratore solo in caso di giusta causa o giustificato motivo non vale per i soggetti assunti in prova. Durante il periodo di prova, infatti, entrambe le parti possono recedere dal contratto in qualunque momento e non so...
Licenziamento disciplinare nullo quando generico Licenziamento disciplinare nullo se non viene indicato il fatto specifico Un’azienda può licenziare un dipendente per aver tenuto una condotta illecita (licenziamento disciplinare) solo se la contestazione mossa non è generica. La legge stabilisce infatti che, prima di espellere un dipendente, il datore è tenuto a metterlo al corrente delle ragion...
Visite Fiscali 2017 e licenziamento per malattia Il lavoratore dipendente che, nonostante la malattia, sia stato trovato fuori di casa non può essere licenziato automaticamente. Tuttavia vi sono una serie di casi in cui il datore di lavoro ha il pieno diritto di interrompere il rapporto con il dipendente. Vediamoli insieme. Visite Fiscali 2017, cosa si rischia se non si è reperibili? Il lavo...
Licenziamento discriminatorio e ritorsivo Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai...
Licenziamento discriminatorio Che cos'è licenziamento discriminatorio Il licenziamento discriminatorio è la cessazione del rapporto di lavoro per motivi contrari ai diritti fondamentali dell’uomo garantiti dalla Costituzione. Si tratta quindi di un licenziamento illegittimo poiché le ragioni che stanno alla base della recessione dal contratto di lavoro sono censurabili. Dis...
Differenza giusta causa e giustificato motivo Quando si parla di licenziamento, fondamentale è comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo. Cerchiamo di porre in evidenza gli aspetti tecnici pertinenti e che possono rappresentare un orientamento per dipendenti e datori di lavoro. Per comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo è necessario fare riferimento ...
Licenziamento giustificato e ingiustificato Licenziamento giustificato e ingiustificato per dirigenti e dipendenti Il licenziamento è l’atto con il quale il datore di lavoro palesa la propria volontà di recedere dal rapporto di lavoro con un dipendente. Il licenziamento ha effetto dal momento in cui il lavoratore ne viene a conoscenza e perché questo sia valido non è necessario il concorso ...
Licenziamento Disciplinare Licenziamento Disciplinare cos’è Regolato dall’art. 7 dello Statuto dei lavoratori, il licenziamento disciplinare può avvenire solo per motivi legati al comportamento individuale del lavoratore, come ad esempio condotta colposa o manchevole. In linea di massima si parla di licenziamento disciplinare quando il datore di lavoro deicide di recide...
Licenziamento