Licenziamento in Gravidanza: quando è vietato?

La legge cerca di tutelare le lavoratrici incinte e le neo mamme, infatti l’azienda non può licenziarle se non in casi straordinari. Vediamo quali sono e quando è possibile il licenziamento in gravidanza o di una lavoratrice che ha appena partorito.

Licenziamento in gravidanza o di una neo mamma: quando è vietato 

Il datore di lavoro non può licenziare la lavoratrice dall’inizio della gravidanza e fino al compimento di un anno di età del bambino.

Allo stesso modo la legge tutela anche il padre, non permettendo l licenziamento del lavoratore per la durata del congedo di paternità e fino al compimento di un anno di età del figlio.

È inoltre dichiarato illegittimo il licenziamento causato dal congedo per malattia del bambino da parte della lavoratrice o del lavoratore.

Licenziamento in gravidanza o di una neo mamma: quando è possibile

Vediamo ora le situazioni in cui invece il licenziamento in gravidanza o di una neo mamma è ammesso. I casi sono sostanzialmente per la cessazione dell’attività o il licenziamento per giusta causa.

Cessazione dell’attività

Nel caso in cui l’intera azienda chiuda è possibile licenziare la dipendente neo madre o ancora in gravidanza. Di conseguenza è dichiarato illegittimo se avviene per la cessazione della sola attività a cui era adibita la lavoratrice. Lo stesso discorso vale se il licenziamento viene comunicato nel corso della gravidanza ma con efficacia al termine del periodo in cui la dipendente è tutelata dalla legge.

Tale sentenza della Cassazione si pone in contrasto con un altro orientamento secondo cui il licenziamento è legittimo anche se la chiusura non coinvolga l’intera azienda, ma solo il reparto in cui appunto opera la lavoratrice.

Licenziamento per giusta causa

È possibile licenziare la lavoratrice incinta o neo mamma se ha commesso una colpa grave. In questo caso si parla di licenziamento per giusta causa, effettuato senza  preavviso.

Altre ipotesi di licenziamento in gravidanza

La legge prevede altri casi in cui è possibile licenziare la futura o neo mamma, quali:

  • scadenza del contratto a tempo determinato;
  • ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice era stata assunta;
  • assunzione in prova con esito negativo.

 

Licenziamento Giusta Causa

Giusta causa licenziamento e dimissioni: quando è prevista? Cos’è la giusta causa e quando si verifica In materia di rapporti di lavoro, la giusta causa è l’evento che consente a una delle due parti di recedere anticipatamente dal contratto senza fornire alcun preavviso. La nozione di giusta causa non è però determinata esplicitamente dalla normativa vigente. L'art. 2119 del Codice Civile, infatti, si l...
Differenza giusta causa e giustificato motivo Quando si parla di licenziamento, fondamentale è comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo. Cerchiamo di porre in evidenza gli aspetti tecnici pertinenti e che possono rappresentare un orientamento per dipendenti e datori di lavoro. Per comprendere la differenza giusta causa e giustificato motivo è necessario fare riferimento ...
Licenziamento illegittimo per sproporzione della pena Licenziamento disciplinare illegittimo in caso di pena eccessiva Di recente la Cassazione è tornata a pronunciarsi sul tema del licenziamento illegittimo per sproporzione della pena. Con la sentenza n. 8928 del 5 maggio, infatti, la Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, ha dichiarato illegittimo il licenziamento di un dipendente che si è all...
Licenziamento per assenza ingiustificata Cos’è il licenziamento per assenza ingiustificata Il licenziamento disciplinare si verifica in seguito a una scorretta condotta del lavoratore, talmente grave da compromettere il vincolo fiduciario che si è instaurato con il datore di lavoro. Questa particolare tipologia di licenziamento si distingue in due categorie: per giusta causa e per giusti...
Licenziamento per fine appalto: quando è illegittimo? Cos’è il licenziamento per fine appalto Il licenziamento per fine appalto rientra nella categoria del giustificato motivo oggettivo, ossia tra i provvedimenti di licenziamento alla base dei quali risiede un motivo legato alla riorganizzazione aziendale. In caso di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo la legge prevede l’obbligo di rip...
Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani Criteri di scelta per licenziamento collettivo Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindac...
Licenziamento orale: cos’è? Quali le conseguenze? Il licenziamento orale è nullo Il licenziamento orale, o verbale, si verifica quando il lavoratore viene allontanato dal proprio posto di lavoro senza che la cessazione del rapporto gli sia comunicata, dal datore di lavoro, con un atto scritto. Dato che per legge il datore di lavoro deve comunicarlo in forma scritta, il licenziamento verbale è ...
Licenziamento collettivo soppressione reparto Licenziamento collettivo soppressione reparto: come effettuare la scelta Se a causa di una ristrutturazione aziendale, ci si trova a dover sopprimere un’unità produttiva o uno specifico reparto dell’impresa, la scelta dei dipendenti da licenziare non dovrà ricadere solo su gli addetti a quel settore, se possono essere ricollocati nell’azienda. Que...