Decreti attuativi Jobs Act

Decreti attuativi Jobs Act approvati: tutti i dettagli

Il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal Governo Renzi, è in vigore dal 7 marzo 2015 e i dati Istat relativi allo stesso mese indicano oltre 3 milioni di persone in cerca di lavoro, il 13% in più rispetto a febbraio, e un tasso di disoccupazione giovanile pari al 43%.

Ovviamente è presto per dare giudizi circa gli effetti della riforma, ma interrogarsi sull’impatto che questa sta avendo sul nostro Paese ci sembra lecito. Vediamo quindi cosa è stato modificato con i primi due decreti attuativi Jobs Act (approvati il 20 febbraio), che si focalizzano rispettivamente sul contratto a tutele crescenti e sugli ammortizzatori sociali.

Come sono cambiate le condizioni di lavoro in seguito al superamento delle tutele previste dall’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori? Chi avrà diritto al nuovo sussidio di disoccupazione (Naspi)?

Decreti attuativi Jobs Act 2015: cosa cambia con le tutele crescenti

Ideato con l’obiettivo di rendere il contratto a tempo indeterminato il principale canale d’ingresso nel mondo del lavoro (e di conseguenza agevolare l’impiego dei giovani), il contratto a tutele crescenti regola i licenziamenti relativi ai lavoratori assunti a tempo indeterminato dall’entrata in vigore del Jobs Act (7 marzo).

Sono soggetti alla disciplina anche tutti i soggetti i cui contratti di lavoro sono stati convertiti da tempo determinato, o di apprendistato, a tempo indeterminato successivamente a tale data.

A differenza di quanto previsto dalla riforma Fornero del 2012, il contratto a tutele crescenti del Jobs Act stabilisce il diritto al reintegro su posto di lavoro e ad un’indennità economica di risarcimento, solo in caso di licenziamento discriminatorio, intimato a voce o nullo.

Oltre ai casi elencati, è possibile ottenere la reintegra sul posto di lavoro solo in caso di illegittimo licenziamento disciplinare, nel caso in cui si riesca a dimostrare che il fatto imputato al lavoratore licenziamento non sia effettivamente esistito.

Avranno invece diritto ad un indennizzo economico, ma non alla reintegra, i lavoratori che in sede di giudizio saranno in grado di dimostrare che hanno subito un licenziamento illegittimo per motivi economici o disciplinari, oppure di aver ingiustamente perso il lavoro a causa di una violazione delle procedure o dei criteri di scelta previsti per i licenziamenti collettivi.

Il contratto a tutele crescenti ha inoltre introdotto l’offerta di conciliazione, ossia la possibilità per il datore di lavoro di offrire al lavoratore licenziato una somma predefinita (esente da contribuzione previdenziale e tasse) in cambio della sua rinuncia ad impugnare il licenziamento.

Decreti attuativi Jobs act ammortizzatori sociali

Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali, il Jobs Act ha affiancato alla Naspi (indennità di disoccupazione) altre due misure: DIS-COLL e ASDI (assegno di disoccupazione per lavoratori in condizioni di disagio). Ma vediamo a chi spettano le varie indennità.

Hanno diritto alla Naspi i lavoratori subordinati che hanno perso involontariamente il lavoro, in possesso di 13 settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni, di cui almeno 30 giornate negli ultimi 12 mesi.

Attivo in via sperimentale per il 2015, il DIS-COLL è rivolto a lavoratori con contratti di collaborazione a progetto, iscritti alla Gestione Separata Inps, che hanno perso il lavoro, mentre la ASDI spetta ai soggetti in difficoltà che, alla scadenza della Naspi, sono ancora disoccupati.

Ricordiamo che a breve dovrebbe essere attivo anche il contratto di ricollocazione, che consentirà di ottenere una somma chiamata “dote individuale di ricollocazione” con la quale sostenere un percorso di formazione e riqualificazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Licenziamento per giusta causa falsa malattia Cos’è il licenziamento per giusta causa falsa malattia Nel diritto del lavoro si definisce malattia lo stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da portare alla sospensione temporanea del rapporto. Durante la malattia il lavoratore ha diritto al mantenimento del posto di lavoro, al versamento dei contributi e ad u...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Licenziamento maternità: quando è legittimo? Divieto di licenziamento maternità: quando si verifica Quella del licenziamento durante la gravidanza è una delle tematiche più complesse in materia di diritto del lavoro, considerata l’importanza che questo momento ha per la lavoratrice e gli oneri legati all’attività professionale da condurre. La legge vieta al datore di lavoro di recede dal con...
Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Orari malattia per dipendenti pubblici e privati Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’ass...
Decreti attuativi Jobs Act