Dimissioni volontarie: ecco come presentarle

Cosa sono le dimissioni volontarie

Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere motivate e, quindi, non sono sindacabili.

È necessario però che le dimissioni siano presentate con un congruo preavviso, affinché il datore di lavoro abbia a disposizione il tempo necessario per sostituire il dipendente con un altro lavoratore che abbia le competenze adeguate a svolgere i compiti affidati al dimissionario.

La durata del periodo di preavviso viene definita in base a quanto disposto dalla contrattazione collettiva e varia in base all’inquadramento e all’anzianità di servizio del lavoratore.

Quando sono previste le dimissioni senza preavviso

In caso il dipendente non rispetti il periodo di preavviso è soggetto all’applicazione di una sanzione da parte del datore di lavoro, che dall’ultima retribuzione può detrarre quanto dovuto per il periodo di preavviso. In alcuni casi però è possibile recedere dal contratto di lavoro con decorrenza immediata e senza il pagamento dell’indennità di mancato preavviso.

Si tratta delle dimissioni per giusta causa, ovvero tutte quelle situazioni in cui il datore di lavoro tiene un comportamento talmente scorretto nei confronti del dipendente da non consentire la prosecuzione del rapporto professionale. Sono alcuni esempi di dimissioni per giusta causa: il mobbing, il mancato pagamento della retribuzione o dei contributi previdenziali, molestie psicologiche e fisiche.

È chiaro dunque che le dimissioni per giusta causa sanzionano gravissime violazioni da parte del datore di lavoro, che non ha dunque diritto al periodo di preavviso.

Come presentare la lettera di dimissioni

Le dimissioni devono essere presentate in forma scritta, pena la nullità del recesso. La lettera di dimissioni va consegnata in duplice copia, a mano o inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno, al datore di lavoro (o all’ufficio del personale).

Una volta presa visione delle dimissioni, il datore di lavoro trasmette la comunicazione al Centro per l’impiego. A questo punto il lavoratore può scegliere se convalidare le dimissioni, recandosi al Centro per l’impiego o alla Direzione territoriale del lavoro, o sottoscrivere una dichiarazione di convalida sulla ricevuta di trasmissione delle dimissioni al Centro per l’impiego.

Se il dipendente non convalida le dimissioni, il datore di lavoro deve invitarlo a provvedere spedendogli una raccomandata entro 30 giorni. Quest’ultimo ha sette giorni di tempo per:

  • convalidare le dimissioni
  • replicare al datore di lavoro contestando le dimissioni
  • ritirare le dimissioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

Orari malattia per dipendenti pubblici e privati Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’ass...
Mobbing sul lavoro normative, quali sono? Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono? Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
dimissioni