Jobs Act licenziamento per motivi economici

Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto

Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), il datore di lavoro deve inoltre valutare la possibilità di reimpiegarlo all’interno dell’azienda.

Dalla data di ricezione della comunicazione di licenziamento (nella quale vengono illustrate le ragioni alla base del licenziamento) il lavoratore ha 60 giorni per impugnare il provvedimento e contestarlo se ritenuto ingiusto. La contestazione deve essere inviata al datore di lavoro attraverso una raccomandata.

Jobs Act licenziamento per motivi economici: come contestarlo

Nei successivi 180 giorni il lavoratore può presentare ricorso alla Cancelleria del Tribunale del lavoro competente, oppure inviare al datore di lavoro una richiesta di un tentativo di conciliazione presso la direzione provinciale del lavoro, o una richiesta di arbitrato.

In caso la richiesta di conciliazione o di arbitrato sia rifiutata dal datore di lavoro, o non vada a buon fine (ossia non si riesce a raggiungere un accordo) il dipendente deve depositare un ricorso alla cancelleria del Tribunale entro 60 giorni.

Se il licenziamento è ritenuto illegittimo, il datore di lavoro deve corrispondere delle sanzioni diversificate in base alla data di stipula del contratto. Per i lavoratori assunti prima del 7 marzo 2015 in caso di illegittimità, si applica la Riforma Fornero, con un risarcimento che va dalle 12 alle 24 mensilità, in questo caso il rapporto di lavoro è da considerarsi concluso.

Nel caso in cui le motivazioni alla base del licenziamento risultino manifestamente infondate, il Giudice può anche ordinare il reintegro del dipendente.

Sanzioni Jobs Act licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Per i lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato dopo il 7 marzo 2015 si applica la disciplina prevista dal Jobs Act. In questo caso, se il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è illegittimo, il giudice può condannare il datore di lavoro a pagare un’indennità pari a due mensilità per ogni anno di servizio, con un importo minimo di 4 mensilità e un massimo di 24, ma non ha però il potere di disporre la reintegra.
È bene precisare che regole Jobs Act licenziamento valgono solo se il datore di lavoro ha più di 15 dipendenti ( più di 5 se imprenditore agricolo) in ciascuna sede, stabilimento, ufficio o reparto autonomo e, in ogni caso, non abbia complessivamente più di sessanta dipendenti. In caso contrario le indennità risarcitorie sono ridotte del 50% e non possono comunque superare la soglia di sei mensilità.

 

Licenziamento Giusta Causa

Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Licenziamento maternità: quando è legittimo? Divieto di licenziamento maternità: quando si verifica Quella del licenziamento durante la gravidanza è una delle tematiche più complesse in materia di diritto del lavoro, considerata l’importanza che questo momento ha per la lavoratrice e gli oneri legati all’attività professionale da condurre. La legge vieta al datore di lavoro di recede dal con...
Visita fiscale: procedura di richiesta online e orari Come e perché richiedere controllo malattia Inps L’entrata in vigore del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 ha modificato gli orari delle visite fiscali per i lavoratori assunti nel settore pubblico e privato. Dal 2015 inoltre i datori di lavoro possono richiedere l’attivazione di un controllo fiscale da parte dell’Inps dal primo giorno di malattia del ...
jobs act licenziamento