Jobs Act licenziamento per motivi economici

Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto

Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), il datore di lavoro deve inoltre valutare la possibilità di reimpiegarlo all’interno dell’azienda.

Dalla data di ricezione della comunicazione di licenziamento (nella quale vengono illustrate le ragioni alla base del licenziamento) il lavoratore ha 60 giorni per impugnare il provvedimento e contestarlo se ritenuto ingiusto. La contestazione deve essere inviata al datore di lavoro attraverso una raccomandata.

Jobs Act licenziamento per motivi economici: come contestarlo

Nei successivi 180 giorni il lavoratore può presentare ricorso alla Cancelleria del Tribunale del lavoro competente, oppure inviare al datore di lavoro una richiesta di un tentativo di conciliazione presso la direzione provinciale del lavoro, o una richiesta di arbitrato.

In caso la richiesta di conciliazione o di arbitrato sia rifiutata dal datore di lavoro, o non vada a buon fine (ossia non si riesce a raggiungere un accordo) il dipendente deve depositare un ricorso alla cancelleria del Tribunale entro 60 giorni.

Se il licenziamento è ritenuto illegittimo, il datore di lavoro deve corrispondere delle sanzioni diversificate in base alla data di stipula del contratto. Per i lavoratori assunti prima del 7 marzo 2015 in caso di illegittimità, si applica la Riforma Fornero, con un risarcimento che va dalle 12 alle 24 mensilità, in questo caso il rapporto di lavoro è da considerarsi concluso.

Nel caso in cui le motivazioni alla base del licenziamento risultino manifestamente infondate, il Giudice può anche ordinare il reintegro del dipendente.

Sanzioni Jobs Act licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Per i lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato dopo il 7 marzo 2015 si applica la disciplina prevista dal Jobs Act. In questo caso, se il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è illegittimo, il giudice può condannare il datore di lavoro a pagare un’indennità pari a due mensilità per ogni anno di servizio, con un importo minimo di 4 mensilità e un massimo di 24, ma non ha però il potere di disporre la reintegra.
È bene precisare che regole Jobs Act licenziamento valgono solo se il datore di lavoro ha più di 15 dipendenti ( più di 5 se imprenditore agricolo) in ciascuna sede, stabilimento, ufficio o reparto autonomo e, in ogni caso, non abbia complessivamente più di sessanta dipendenti. In caso contrario le indennità risarcitorie sono ridotte del 50% e non possono comunque superare la soglia di sei mensilità.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento per giusta causa falsa malattia Cos’è il licenziamento per giusta causa falsa malattia Nel diritto del lavoro si definisce malattia lo stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da portare alla sospensione temporanea del rapporto. Durante la malattia il lavoratore ha diritto al mantenimento del posto di lavoro, al versamento dei contributi e ad u...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Convenzione Inps Inail 2015 Inps Inail: la nuova convenzione in vigore da gennaio 2015 Lo scorso 2 aprile Inps e Inail hanno pubblicato una circolare comune per comunicare la nuova Convenzione siglata dai due Istituti. Si tratta di un accordo volto a semplificare l’erogazione coordinata delle prestazioni economiche di malattia e la definizione dei casi di dubbia competenza. ...
Licenziamento lavoratore a progetto Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze d...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Inps malattia: a quanto ammonta l’indennizzo? Indennità Inps malattia 2015: a chi spetta L’indennità di malattia Inps è una somma erogata ai lavoratori iscritti all’istituto quando si verifica un evento patologico che ne determina una temporanea incapacità lavorativa. Possono ottenere l’indennità di malattia i disoccupati, i lavoratori sospesi dal lavoro e apprendisti. Hanno diritto all’in...
jobs act licenziamento