Lettera licenziamento colf e badante: cosa scrivere?

Lettera di licenziamento colf e badanti: come calcolare il periodo di preavviso

Quando si desidera procedere al licenziamento di una badante, una colf o di un altro collaboratore domestico, il datore di lavoro deve comunicare all’interessato la propria intenzione di recedere dal contratto attraverso una lettera di licenziamento.

Come accade nella maggioranza dei contratti di lavoro, la conclusione del rapporto tra datore di lavoro e colf prevede un periodo di preavviso, che varia in base all’anzianità di servizio e al numero di ore settimanali lavorate. Se il rapporto di lavoro supera le 24 ore settimanali il preavviso è di 15 giorni (incluse le festività) per le lavoratrici fino a 5 anni di anzianità, e 30 giorni per quelle con più di 5 anni di anzianità.

Nei casi in cui l’impegno lavorativo non eccede le 24 ore settimanali, invece, il preavviso è di 8 giorni fino a 2 anni di anzianità e 15 giorni dai 2 anni di anzianità in su. Se il rapporto di lavoro si interrompe per volere del collaboratore, che rassegna le dimissioni, i termini per il preavviso di licenziamento sono ridotti del 50%.

Come scrivere una lettera licenziamento colf

In ogni caso, quando il contratto di lavoro viene recesso in modo unilaterale, la parte che decide di interrompere il rapporto ha l’obbligo di rispettare i termini di preavviso stabiliti. In caso contrario dovrà corrispondere all’altra parte del contratto un’indennità di mancato preavviso, con un importo pari alla retribuzione spettante al lavoratore per il periodo di preavviso.

Ma come redigere una lettera licenziamento colf o badanti? Nella lettera di licenziamento va indicata la data di inizio del contratto di lavoro, la data di conclusione del rapporto e l’entità dello stesso (ad esempio 24 ore settimanali). Non è necessario indicare la motivazione del licenziamento, poiché il lavoro domestico costituisce un’eccezione alla generalità dei rapporti di lavoro in quanto non è applicabile la tutela dei licenziamenti individuali (L.104/1990).

Licenziamento senza preavviso: quando è possibile

Esiste tuttavia la possibilità di licenziare un colf in tronco e senza pagare l’indennità di mancato preavviso, se si verificano le condizioni per la giusta causa di licenziamento, (ad esempio in caso di maltrattamenti dell’anziano o del bambino che il lavoratore deve assistere o di furti) che deve però essere supportata dalla presenza di prove o testimoni.

Ricordiamo infine che entro cinque giorni dalla data del licenziamento, il datore di lavoro deve informare l’Inps della conclusione del rapporto di lavoro. La comunicazione di licenziamento si trasmette accedendo al portale ufficiale dell’istituto, utilizzando il proprio PIN. Una volta collegato il soggetto deve seguire il percorso: “ Home – Servizi online – Servizi al cittadino – Lavoratori domestici”.

 

Licenziamento Giusta Causa

Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Decreti attuativi Jobs Act Decreti attuativi Jobs Act approvati: tutti i dettagli Il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal Governo Renzi, è in vigore dal 7 marzo 2015 e i dati Istat relativi allo stesso mese indicano oltre 3 milioni di persone in cerca di lavoro, il 13% in più rispetto a febbraio, e un tasso di disoccupazione giovanile pari al 43%. Ovviamente è pres...
Mobbing sul lavoro normative, quali sono? Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono? Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti...
Licenziamento per giusta causa falsa malattia Cos’è il licenziamento per giusta causa falsa malattia Nel diritto del lavoro si definisce malattia lo stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da portare alla sospensione temporanea del rapporto. Durante la malattia il lavoratore ha diritto al mantenimento del posto di lavoro, al versamento dei contributi e ad u...
Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Dimissioni per giusta causa: quando presentarle? Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso. È possibile presen...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Visita fiscale: procedura di richiesta online e orari Come e perché richiedere controllo malattia Inps L’entrata in vigore del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 ha modificato gli orari delle visite fiscali per i lavoratori assunti nel settore pubblico e privato. Dal 2015 inoltre i datori di lavoro possono richiedere l’attivazione di un controllo fiscale da parte dell’Inps dal primo giorno di malattia del ...
lettera licenziamento colf