Licenziamento lavoratore a progetto

Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto

Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze di flessibilità del datore di lavoro, permettendogli, infatti, di sospendere o recedere dal contratto in diverse situazioni. Ma vediamo nel dettaglio le varie casistiche.

In caso di malattia del dipendente sia ha la sospensione senza compenso, che se protratta per più di 1/6 della durata del contratto (o per più di 30 giorni se la durata non è definita) può portare alla risoluzione del rapporto di lavoro.

Licenziamento lavoratore a progetto per giusta causa

Per quanto riguarda il licenziamento, l’articolo 67 del D.Lgs. 276/2003 stabilisce che entrambe le parti possono risolvere anticipatamente il contratto a  progetto, attenendosi alle causalità e modalità definite nel contratto, incluso il preavviso. Si parla di licenziamento per giusta causa quando si determina un grave inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore.

Il datore di lavoro può inoltre recedere dal contratto, prima della sua naturale scadenza, se emerge un’inidoneità professionale del collaboratore, tale non permettere la realizzazione del progetto.

Ricordiamo infine che se una delle parti recede dal contratto prima della scadenza, senza giusta causa e al di fuori delle ipotesi contemplate dal contratto, la parte che ha subito il recesso può richiedere un risarcimento del danno, che sarà corrisposto tramite l’indennità di mancato preavviso, o con un indennizzo di importo pari al residuo del compenso globale pattuito.

 

Licenziamento Giusta Causa

Dimissioni per giusta causa: quando presentarle? Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso. È possibile presen...
Quando e come presentare una lettera di licenziamento Differenza tra lettera licenziamento e lettera di dimissioni Quando si decide di interrompere una collaborazione lavorativa è necessario darne comunicazione formale al datore di lavoro. I Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro stabiliscono che la lettera di dimissioni serve a comunicare, in modo inequivocabile, la volontà del dipendente di rece...
Modello lettera licenziamento: come redigerla? Modello lettera licenziamento dipendente: cosa indicare Secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento di un lavoratore dipendente può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo e deve essere comunicato in forma scritta. Il datore di lavoro che intende recedere dal rapporto con un dipendente deve quindi redigere ...
Licenziamento per giusta causa falsa malattia Cos’è il licenziamento per giusta causa falsa malattia Nel diritto del lavoro si definisce malattia lo stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da portare alla sospensione temporanea del rapporto. Durante la malattia il lavoratore ha diritto al mantenimento del posto di lavoro, al versamento dei contributi e ad u...
Decreti attuativi Jobs Act Decreti attuativi Jobs Act approvati: tutti i dettagli Il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal Governo Renzi, è in vigore dal 7 marzo 2015 e i dati Istat relativi allo stesso mese indicano oltre 3 milioni di persone in cerca di lavoro, il 13% in più rispetto a febbraio, e un tasso di disoccupazione giovanile pari al 43%. Ovviamente è pres...
Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Licenziamento lavoratore a progetto