Licenziamento lavoratore a progetto

Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto

Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze di flessibilità del datore di lavoro, permettendogli, infatti, di sospendere o recedere dal contratto in diverse situazioni. Ma vediamo nel dettaglio le varie casistiche.

In caso di malattia del dipendente sia ha la sospensione senza compenso, che se protratta per più di 1/6 della durata del contratto (o per più di 30 giorni se la durata non è definita) può portare alla risoluzione del rapporto di lavoro.

Licenziamento lavoratore a progetto per giusta causa

Per quanto riguarda il licenziamento, l’articolo 67 del D.Lgs. 276/2003 stabilisce che entrambe le parti possono risolvere anticipatamente il contratto a  progetto, attenendosi alle causalità e modalità definite nel contratto, incluso il preavviso. Si parla di licenziamento per giusta causa quando si determina un grave inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore.

Il datore di lavoro può inoltre recedere dal contratto, prima della sua naturale scadenza, se emerge un’inidoneità professionale del collaboratore, tale non permettere la realizzazione del progetto.

Ricordiamo infine che se una delle parti recede dal contratto prima della scadenza, senza giusta causa e al di fuori delle ipotesi contemplate dal contratto, la parte che ha subito il recesso può richiedere un risarcimento del danno, che sarà corrisposto tramite l’indennità di mancato preavviso, o con un indennizzo di importo pari al residuo del compenso globale pattuito.

 

Licenziamento Giusta Causa

Mobbing sul lavoro normative, quali sono? Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono? Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Malattia Inps: come ottenere l’indennità? Indennità di malattia Inps: a chi spetta Nel diritto del lavoro la malattia è uno stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da determinare la sospensione temporanea del rapporto. L’indennità associata (detta appunto indennità di malattia) viene erogata dall’Inps a tutti i lavoratori dipendenti del settore pubblici...
Inps malattia: a quanto ammonta l’indennizzo? Indennità Inps malattia 2015: a chi spetta L’indennità di malattia Inps è una somma erogata ai lavoratori iscritti all’istituto quando si verifica un evento patologico che ne determina una temporanea incapacità lavorativa. Possono ottenere l’indennità di malattia i disoccupati, i lavoratori sospesi dal lavoro e apprendisti. Hanno diritto all’in...
Lettera di dimissioni per giusta causa: come presentarla? Cosa sono le dimissioni per giusta causa Legislatore italiano stabilisce che ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato può interrompere il rapporto di lavoro in corso presentando le proprie dimissioni volontarie all’azienda datrice di lavoro. Il dipendente è tenuto a rispettare il periodo di preavviso e le modalità di presenta...
Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Licenziamento lavoratore a progetto