Licenziamento lavoratore a progetto

Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto

Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze di flessibilità del datore di lavoro, permettendogli, infatti, di sospendere o recedere dal contratto in diverse situazioni. Ma vediamo nel dettaglio le varie casistiche.

In caso di malattia del dipendente sia ha la sospensione senza compenso, che se protratta per più di 1/6 della durata del contratto (o per più di 30 giorni se la durata non è definita) può portare alla risoluzione del rapporto di lavoro.

Licenziamento lavoratore a progetto per giusta causa

Per quanto riguarda il licenziamento, l’articolo 67 del D.Lgs. 276/2003 stabilisce che entrambe le parti possono risolvere anticipatamente il contratto a  progetto, attenendosi alle causalità e modalità definite nel contratto, incluso il preavviso. Si parla di licenziamento per giusta causa quando si determina un grave inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore.

Il datore di lavoro può inoltre recedere dal contratto, prima della sua naturale scadenza, se emerge un’inidoneità professionale del collaboratore, tale non permettere la realizzazione del progetto.

Ricordiamo infine che se una delle parti recede dal contratto prima della scadenza, senza giusta causa e al di fuori delle ipotesi contemplate dal contratto, la parte che ha subito il recesso può richiedere un risarcimento del danno, che sarà corrisposto tramite l’indennità di mancato preavviso, o con un indennizzo di importo pari al residuo del compenso globale pattuito.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento maternità: quando è legittimo? Divieto di licenziamento maternità: quando si verifica Quella del licenziamento durante la gravidanza è una delle tematiche più complesse in materia di diritto del lavoro, considerata l’importanza che questo momento ha per la lavoratrice e gli oneri legati all’attività professionale da condurre. La legge vieta al datore di lavoro di recede dal con...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Visita fiscale: procedura di richiesta online e orari Come e perché richiedere controllo malattia Inps L’entrata in vigore del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 ha modificato gli orari delle visite fiscali per i lavoratori assunti nel settore pubblico e privato. Dal 2015 inoltre i datori di lavoro possono richiedere l’attivazione di un controllo fiscale da parte dell’Inps dal primo giorno di malattia del ...
Lettera licenziamento colf e badante: cosa scrivere? Lettera di licenziamento colf e badanti: come calcolare il periodo di preavviso Quando si desidera procedere al licenziamento di una badante, una colf o di un altro collaboratore domestico, il datore di lavoro deve comunicare all’interessato la propria intenzione di recedere dal contratto attraverso una lettera di licenziamento. Come accade nel...
Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Licenziamento lavoratore a progetto