Licenziamento lavoratrice madre

Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività

La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavoro non fosse a conoscenza della gravidanza della dipendente.

Durante il periodo in cui opera il divieto di licenziamento, il datore non può sospendere la lavoratrice dal lavoro, a meno che non vi sia la sospensione dell’attività aziendale o del reparto in cui la dipendente è addetta (sempre che il reparto in questione abbia autonomia funzionale). Non è possibile inoltre collocare la lavoratrice madre in mobilità a seguito di un licenziamento collettivo, ma solo in caso di cessazione dell’attività dell’azienda.

La normativa vigente prevede tuttavia alcune ipotesi in cui è possibile licenziare la lavoratrice madre, ossia in caso di licenziamento per giusta causa o cessazione dell’attività aziendale. Se assunta a tempo determinato, la dipendente può essere licenziata alla scadenza del termine di contratto, o in caso di esito negativo del periodo di prova.

Illegittimo licenziamento lavoratrice madre

Per quanto riguarda invece le collaboratrici domestiche, il contratto collettivo nazionale vigente prevede il divieto di licenziamento dall’inizio della gravidanza fino alla fine del congedo di maternità, a meno che non si determini la giusta causa di licenziamento.

In caso di licenziamento illegittimo la lavoratrice ha diritto al reintegro sul posto di lavoro e al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali per tutto il periodo di assenza dal lavoro. Il datore di lavoro deve inoltre versare alla dipendente un risarcimento economico il cui importo non può essere inferiore a 5 mensilità di retribuzione percepite.

Ricordiamo infine che la lavoratrice madre illegittimamente licenziata può esercitare il diritto di opzione, scegliendo quindi fra la reintegra sul posto di lavoro e un’indennità sostitutiva pari a quindici mensilità di retribuzione globale.

 

Licenziamento Giusta Causa

Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Inps malattia: a quanto ammonta l’indennizzo? Indennità Inps malattia 2015: a chi spetta L’indennità di malattia Inps è una somma erogata ai lavoratori iscritti all’istituto quando si verifica un evento patologico che ne determina una temporanea incapacità lavorativa. Possono ottenere l’indennità di malattia i disoccupati, i lavoratori sospesi dal lavoro e apprendisti. Hanno diritto all’in...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Convenzione Inps Inail 2015 Inps Inail: la nuova convenzione in vigore da gennaio 2015 Lo scorso 2 aprile Inps e Inail hanno pubblicato una circolare comune per comunicare la nuova Convenzione siglata dai due Istituti. Si tratta di un accordo volto a semplificare l’erogazione coordinata delle prestazioni economiche di malattia e la definizione dei casi di dubbia competenza. ...
Modello lettera licenziamento: come redigerla? Modello lettera licenziamento dipendente: cosa indicare Secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento di un lavoratore dipendente può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo e deve essere comunicato in forma scritta. Il datore di lavoro che intende recedere dal rapporto con un dipendente deve quindi redigere ...
Licenziamento lavoratrice madre