Mobbing sul lavoro normative, quali sono?

Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono?

Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti persecutori subiti in un contesto lavorativo. Vediamo in dettaglio quali sono le leggi che intervengono e quali sono gli oneri per dipendente e datore di lavoro.

Dal punto di vista del codice civile, va chiarito chi sia l’effettivo responsabile dell’atto di mobbing, due le alternative: il datore di lavoro o un collega. Se la situazione considerata corrisponde a quest’ultima istanza, chi ha compiuto una forma di violenza psicologica dovrà far fronte a una responsabilità extracontrattuale.

Diversa la situazione se il responsabile del mobbing è il datore di lavoro, il quale sarà chiamato a dar conto di un inadempimento al contratto di lavoro. È infatti un suo dovere tutelare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore.

Mobbing sul lavoro prove

Il lavoratore sarà ovviamente chiamato a provare la condotta oggetto di mobbing, e la relazione tra il non rispetto delle disposizioni legislative e il danno prodotto. Il datore di lavoro deve invece provare di aver agito nel rispetto della legge.

Nell’ambito del mobbing si può determinare anche un danno inerente alla professionalità della vittima, qualora il lavoratore si trovi a non poter più compiere l’incarico professionale cui era originariamente destinato.

Se il lavoratore è demansionato o lasciato completamente inattivo, può richiedere al giudice del lavoro di annullare la scelta del datore di lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Inps malattia: a quanto ammonta l’indennizzo? Indennità Inps malattia 2015: a chi spetta L’indennità di malattia Inps è una somma erogata ai lavoratori iscritti all’istituto quando si verifica un evento patologico che ne determina una temporanea incapacità lavorativa. Possono ottenere l’indennità di malattia i disoccupati, i lavoratori sospesi dal lavoro e apprendisti. Hanno diritto all’in...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Quando e come presentare una lettera di licenziamento Differenza tra lettera licenziamento e lettera di dimissioni Quando si decide di interrompere una collaborazione lavorativa è necessario darne comunicazione formale al datore di lavoro. I Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro stabiliscono che la lettera di dimissioni serve a comunicare, in modo inequivocabile, la volontà del dipendente di rece...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Dimissioni per giusta causa: quando presentarle? Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso. È possibile presen...
Mobbing sul lavoro