Mobbing sul lavoro normative, quali sono?

Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono?

Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti persecutori subiti in un contesto lavorativo. Vediamo in dettaglio quali sono le leggi che intervengono e quali sono gli oneri per dipendente e datore di lavoro.

Dal punto di vista del codice civile, va chiarito chi sia l’effettivo responsabile dell’atto di mobbing, due le alternative: il datore di lavoro o un collega. Se la situazione considerata corrisponde a quest’ultima istanza, chi ha compiuto una forma di violenza psicologica dovrà far fronte a una responsabilità extracontrattuale.

Diversa la situazione se il responsabile del mobbing è il datore di lavoro, il quale sarà chiamato a dar conto di un inadempimento al contratto di lavoro. È infatti un suo dovere tutelare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore.

Mobbing sul lavoro prove

Il lavoratore sarà ovviamente chiamato a provare la condotta oggetto di mobbing, e la relazione tra il non rispetto delle disposizioni legislative e il danno prodotto. Il datore di lavoro deve invece provare di aver agito nel rispetto della legge.

Nell’ambito del mobbing si può determinare anche un danno inerente alla professionalità della vittima, qualora il lavoratore si trovi a non poter più compiere l’incarico professionale cui era originariamente destinato.

Se il lavoratore è demansionato o lasciato completamente inattivo, può richiedere al giudice del lavoro di annullare la scelta del datore di lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Visita fiscale: procedura di richiesta online e orari Come e perché richiedere controllo malattia Inps L’entrata in vigore del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 ha modificato gli orari delle visite fiscali per i lavoratori assunti nel settore pubblico e privato. Dal 2015 inoltre i datori di lavoro possono richiedere l’attivazione di un controllo fiscale da parte dell’Inps dal primo giorno di malattia del ...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Mobbing sul lavoro