Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta

Naspi come funziona e come si calcola

Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione anticipata del contratto. Il ticket dà luogo alla percezione della Naspi da parte del lavoratore.

Quali sono i nuovi importi Naspi? In caso il contributo si riferisca all’interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il limite di cui all’articolo 4, c. 2 del D.lgs. 22/2015 è fissato a 1.195 euro. Di conseguenza, per le interruzioni che si sono verificate da maggio 2015, la soglia annuale di cui all’art. 2, c. 31 della legge 92/2012 corrisponde a 489,95 euro e l’importo massimo, riferito ai rapporti di lavoro con durata pari o superiore a 3 anni, è di 1469,85 euro.

In altre parole, per ogni anno di rapporto di lavoro, il datore deve versare al dipendente, attraverso un apposito F24, un contributo di 489,95 euro fino ad un massimo di 1469,85 euro (limite calcolato su 36 mesi d rapporto lavorativo).

Ma come si calcola il valore del ticket? La somma spettante viene calcolata su base mensile. Il datore di lavoro deve infatti versare 40,83 euro per ogni mese di lavoro effettuato dal dipendente. Per un lavoratore assunto a gennaio 2015 e licenziato a fine settembre, è dovuto un contributo pari a 367,46 euro, dato che il periodo lavorato è di 9 mesi.

Naspi a chi non spetta

Non vige l’obbligo di versamento in caso di licenziamenti effettuati dopo un cambio di appalto, ai quali sono succedute assunzioni presso altri datori di lavoro. La Naspi non è dovuta nemmeno in caso di interruzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel settore delle costruzioni edili, a causa della conclusione delle attività e chiusura del cantiere.

Restano escluse dal contributo anche le cessazioni avvenute a seguito di accordi sindacali nell’ambito di procedure ex articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, ossia di riduzione di personale dirigente concluse con accordo firmato da un associazione sindacale. Tale esenzione è valida esclusivamente in riferimento a situazioni rientranti nel quadro dei provvedimenti di tutela dei lavoratori anziani indicato all’articolo 4 della legge n. 92/2012.

Naspi 2015: quando è obbligatorio il ticket licenziamento

Ricordiamo che il ticket è dovuto in caso di licenziamento per giusta causa, giustificato motivo soggettivo e oggettivo, per le dimissioni per giusta causa e per quelle intervenute durante il periodo di maternità. Il contributo è previsto anche in caso di risoluzione consensuale con procedura di conciliazione.

Il ticket di licenziamento non è dovuto in caso di decesso e dimissioni del dipendente e scadenza del termine del contratto a tempo determinato. Non spetta il contribuito anche in caso di licenziamento di lavoratori del settore domestico, giornalisti assicurati presso la gestione Inpgi e licenziamento di operai agricoli. Il ticket non è dovuto nemmeno per i licenziamenti collettivi.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Visita fiscale: procedura di richiesta online e orari Come e perché richiedere controllo malattia Inps L’entrata in vigore del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 ha modificato gli orari delle visite fiscali per i lavoratori assunti nel settore pubblico e privato. Dal 2015 inoltre i datori di lavoro possono richiedere l’attivazione di un controllo fiscale da parte dell’Inps dal primo giorno di malattia del ...
Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Falsi permessi legge 104: quali le conseguenze? Cosa fare in caso di falsi permessi legge 104 La legge 104/92 prevede che i lavoratori dipendenti possano fruire di permessi e congedi retribuiti per assistere familiari affetti da disabilità grave certificata. Non tutti però rispettano la normativa, e spesso capita che gli aventi diritto utilizzino i permessi spettanti per finalità diverse da que...
naspi