Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta

Naspi come funziona e come si calcola

Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione anticipata del contratto. Il ticket dà luogo alla percezione della Naspi da parte del lavoratore.

Quali sono i nuovi importi Naspi? In caso il contributo si riferisca all’interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il limite di cui all’articolo 4, c. 2 del D.lgs. 22/2015 è fissato a 1.195 euro. Di conseguenza, per le interruzioni che si sono verificate da maggio 2015, la soglia annuale di cui all’art. 2, c. 31 della legge 92/2012 corrisponde a 489,95 euro e l’importo massimo, riferito ai rapporti di lavoro con durata pari o superiore a 3 anni, è di 1469,85 euro.

In altre parole, per ogni anno di rapporto di lavoro, il datore deve versare al dipendente, attraverso un apposito F24, un contributo di 489,95 euro fino ad un massimo di 1469,85 euro (limite calcolato su 36 mesi d rapporto lavorativo).

Ma come si calcola il valore del ticket? La somma spettante viene calcolata su base mensile. Il datore di lavoro deve infatti versare 40,83 euro per ogni mese di lavoro effettuato dal dipendente. Per un lavoratore assunto a gennaio 2015 e licenziato a fine settembre, è dovuto un contributo pari a 367,46 euro, dato che il periodo lavorato è di 9 mesi.

Naspi a chi non spetta

Non vige l’obbligo di versamento in caso di licenziamenti effettuati dopo un cambio di appalto, ai quali sono succedute assunzioni presso altri datori di lavoro. La Naspi non è dovuta nemmeno in caso di interruzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel settore delle costruzioni edili, a causa della conclusione delle attività e chiusura del cantiere.

Restano escluse dal contributo anche le cessazioni avvenute a seguito di accordi sindacali nell’ambito di procedure ex articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, ossia di riduzione di personale dirigente concluse con accordo firmato da un associazione sindacale. Tale esenzione è valida esclusivamente in riferimento a situazioni rientranti nel quadro dei provvedimenti di tutela dei lavoratori anziani indicato all’articolo 4 della legge n. 92/2012.

Naspi 2015: quando è obbligatorio il ticket licenziamento

Ricordiamo che il ticket è dovuto in caso di licenziamento per giusta causa, giustificato motivo soggettivo e oggettivo, per le dimissioni per giusta causa e per quelle intervenute durante il periodo di maternità. Il contributo è previsto anche in caso di risoluzione consensuale con procedura di conciliazione.

Il ticket di licenziamento non è dovuto in caso di decesso e dimissioni del dipendente e scadenza del termine del contratto a tempo determinato. Non spetta il contribuito anche in caso di licenziamento di lavoratori del settore domestico, giornalisti assicurati presso la gestione Inpgi e licenziamento di operai agricoli. Il ticket non è dovuto nemmeno per i licenziamenti collettivi.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
Orari visita fiscale: cosa cambia dal 2015? Nuovi orari visita fiscale per dipendenti pubblici e privati Dal 1° gennaio 2015 sono entrati in vigore i nuovi orari visite fiscali per le assenze di malattia dal lavoro. Prima di passare in rassegna le novità è bene precisare che gli orari delle visite fiscali variano a seconda dal settore in cui è assunto il lavoratore, queste sono condotte dal...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Lettera di dimissioni per giusta causa: come presentarla? Cosa sono le dimissioni per giusta causa Legislatore italiano stabilisce che ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato può interrompere il rapporto di lavoro in corso presentando le proprie dimissioni volontarie all’azienda datrice di lavoro. Il dipendente è tenuto a rispettare il periodo di preavviso e le modalità di presenta...
Dimissioni per giusta causa: quando presentarle? Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso. È possibile presen...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Quando e come presentare una lettera di licenziamento Differenza tra lettera licenziamento e lettera di dimissioni Quando si decide di interrompere una collaborazione lavorativa è necessario darne comunicazione formale al datore di lavoro. I Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro stabiliscono che la lettera di dimissioni serve a comunicare, in modo inequivocabile, la volontà del dipendente di rece...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
naspi