Orari visita fiscale: cosa cambia dal 2015?

Nuovi orari visita fiscale per dipendenti pubblici e privati

Dal 1° gennaio 2015 sono entrati in vigore i nuovi orari visite fiscali per le assenze di malattia dal lavoro. Prima di passare in rassegna le novità è bene precisare che gli orari delle visite fiscali variano a seconda dal settore in cui è assunto il lavoratore, queste sono condotte dalle ASL per i dipendenti pubblici e dall’Inps per quelli del settore.

La visita fiscale per i dipendenti pubblici hanno lo scopo di accertare l’incapacità temporanea al lavoro e sono effettuate dal personale ASL su richiesta dell’Amministrazione di appartenenza, con le modalità previste dalle disposizioni vigenti. Per quanto riguarda le fasce orarie in vigore dal 2015, i dipendenti pubblici devono essere disponibili dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Oltre ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, sono soggetti a queste fasce orarie i soggetti assunti presso enti locali, statali, Comuni, Ministeri, INAIL e INPS. Sono assoggettati a queste fasce orarie anche i docenti scolastici, il personale ATA e i medici e gli infermieri appartenenti alla Sanità Pubblica.

Orari visita fiscale per malattia Inps

Per quanto riguarda le cause che comportano l’esclusione dall’obbligo di reperibilità per malattia, i dipendenti della PA sono esclusi dall’obbligo di rispettare gli orari se l’assenza per malattia è riconducibile a patologie gravi con terapie salvavita, infortuni sul lavoro INAIL o malattie professionali.

Sono esclusi dall’obbligo anche i soggetti affetti da stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta e chi ha già subito una visita fiscale per il periodo di assenza. I dipendenti assunti nel settore privato invece devono essere reperibili dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 tutti i giorni, compresi i festivi (Natale, Capodanno, Pasqua, ecc.) e feste patronali.

 

Licenziamento Giusta Causa

Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Licenziamento per furto: la giusta causa è legittima Licenziamento senza preavviso per furto Uno dei problemi che affligge le aziende italiane è quello dei furti da parte del personale interno, capita spesso infatti che dipendenti siano licenziati per furto di denaro o beni appartenenti all’azienda. Ma come orientarsi in questi casi? Quali le procedure previste? Il furto, anche tentato, di beni a...
Decreti attuativi Jobs Act Decreti attuativi Jobs Act approvati: tutti i dettagli Il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal Governo Renzi, è in vigore dal 7 marzo 2015 e i dati Istat relativi allo stesso mese indicano oltre 3 milioni di persone in cerca di lavoro, il 13% in più rispetto a febbraio, e un tasso di disoccupazione giovanile pari al 43%. Ovviamente è pres...
Naspi e ticket licenziamento: quali gli importi e a chi spetta Naspi come funziona e come si calcola Da maggio 2015 sono in vigore la Naspi e la nuova normativa sull’indennità di disoccupazione. Lo ha comunicato l’Inps con un messaggio in cui indica i nuovi limiti della Naspi e i gli importi relativi al ticket licenziamento 2015, che i datori di lavoro devono consegnare ai dipendenti in caso di cessazione ant...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Lettera licenziamento colf e badante: cosa scrivere? Lettera di licenziamento colf e badanti: come calcolare il periodo di preavviso Quando si desidera procedere al licenziamento di una badante, una colf o di un altro collaboratore domestico, il datore di lavoro deve comunicare all’interessato la propria intenzione di recedere dal contratto attraverso una lettera di licenziamento. Come accade nel...
Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
orari visita fiscale