Quando e come presentare una lettera di licenziamento

Differenza tra lettera licenziamento e lettera di dimissioni

Quando si decide di interrompere una collaborazione lavorativa è necessario darne comunicazione formale al datore di lavoro. I Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro stabiliscono che la lettera di dimissioni serve a comunicare, in modo inequivocabile, la volontà del dipendente di recedere dal rapporto di lavoro.

Una volta redatta e firmata, il lavoratore deve inviare al datore di lavoro la lettera di dimissioni tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure presentarla a mano in duplice copia, di cui una rimarrà all’azienda e l’altra sarà restituita, controfirmata, al dipendente. In caso la presentazione delle dimissioni non avvenga nel rispetto del periodo di preavviso previsto da contratto, si andrà incontro al pagamento di una penale.

La lettera di licenziamento è invece l’atto con cui il datore di lavoro recede unilateralmente dal contratto stipulato con il dipendente o collaboratore. Affinché sia valido il licenziamento deve essere comunicato nelle modalità e nei tempi previsti dai CCNL.

Lettera di licenziamento e preavviso licenziamento

Il licenziamento può avvenire per giusta causa o giustificato motivo. Si parla di licenziamento per giusta causa, quando il lavoratore tiene una condotta scorretta talmente grave da ledere il rapporto di fiducia esistente tra datore di lavoro e dipendente (furto all’interno dell’azienda, offese al titolare o ai colleghi, ecc).

Il giustificato motivo, invece, può essere oggettivo o soggettivo, il primo fa riferimento a una riorganizzazione aziendale, mentre il secondo sussiste in caso di inadempimento del dipendente agli obblighi contrattuali.

Il licenziamento per giustificato motivo prevede un periodo di preavviso o in alternativa il pagamento dell’indennità di mancato preavviso (con importo equivalente alla retribuzione che sarebbe spettata durante il periodo di preavviso), mentre quello per giusta causa ha efficacia immediata (licenziamento in tronco). In entrambi i casi il lavoratore per ha diritto alla liquidazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Falsi permessi legge 104: quali le conseguenze? Cosa fare in caso di falsi permessi legge 104 La legge 104/92 prevede che i lavoratori dipendenti possano fruire di permessi e congedi retribuiti per assistere familiari affetti da disabilità grave certificata. Non tutti però rispettano la normativa, e spesso capita che gli aventi diritto utilizzino i permessi spettanti per finalità diverse da que...
Convenzione Inps Inail 2015 Inps Inail: la nuova convenzione in vigore da gennaio 2015 Lo scorso 2 aprile Inps e Inail hanno pubblicato una circolare comune per comunicare la nuova Convenzione siglata dai due Istituti. Si tratta di un accordo volto a semplificare l’erogazione coordinata delle prestazioni economiche di malattia e la definizione dei casi di dubbia competenza. ...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Orari malattia per dipendenti pubblici e privati Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’ass...
Mobbing sul lavoro normative, quali sono? Mobbing sul lavoro normative, quali leggi intervengono? Il mobbing è stato introdotto in ambito giurisprudenziale nel 1999, inseguito a una sentenza presentata dal Tribunale di Torino. Ciononostante non è ancora disponibile una leggere dedicata in misura esclusiva al mobbing, anche se vi sono norme che tutelano le vittime di comportamenti ritenuti...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
lettera di licenziamento