Accertamento Giusta Causa Licenziamento

Licenziamento per Giusta Causa: Cos’è? Quando si Verifica?

Il concetto di giusta causa viene introdotto nell’ordinamento civile italiano, con particolare riferimento alla dottrina del lavoro, per indicare una inadempienza compiuta dal lavoratore di rilievo disciplinare talmente grave da comportare la risoluzione del rapporto di lavoro, in quanto la sua prosecuzione non potrebbe avvenire neppure in via provvisoria.

La materia è disciplinata dall’articolo 2119 del codice civile, che imputa la possibilità per la parte datoriale di procedere alla risoluzione del contratto, senza necessità di preavviso, qualora il lavoratore metta in atto comportamenti talmente gravi da minare i presupposti di base del rapporto di lavoro (ad esempio la fiducia del datore).

La giusta causa si deve sostanziare, anche alla luce delle Sentenze di Cassazione che si sono succedute nel corso degli anni, in un comportamento talmente grave che qualsiasi altra forma di sanzione disciplinare risulti insufficiente a tutelare il datore.

Accertamento Giusta Causa Licenziamento motivi

Fatta questa doverosa premessa, l’accertamento della giusta causa è la valutazione dei fatti volta a verificare la sussistenza effettiva dell’impedimento alla prosecuzione del rapporto lavorativo.

Ma entriamo nel merito della questione accertamento giusta causa licenziamento. Si tratta di una valutazione molto concreta di tutti gli aspetti relativi alla natura dei rapporti, alla posizione delle parti in causa, alle mansioni ricoperte, al grado di responsabilità assunto dal ruolo del lavoratore, alla portata oggettiva del fatto commesso, alla intenzionalità o meno del fatto stesso. Un aspetto importante è quello del vincolo fiduciario, che può avere portata differente a seconda del ruolo ricoperto dal lavoratore.

Nel valutare la possibilità o meno di attribuire la giusta causa ad un licenziamento, la giurisprudenza indica inoltre come irrilevante, o comunque di modesta rilevanza, l’aver arrecato un danno quantificabile in termini patrimoniali al datore. Risulta infatti sufficiente l’aver creato anche solo potenzialmente un danno o una situazione di pericolo, purché concretamente dimostrabile.

Nel procedere verso un atto di portata così drastica occorre quindi valutare con esattezza la sussistenza dei requisiti formali, dopo di che laddove presenti, imbastire gli atti necessari con la dovuta correttezza di forma.

 

Licenziamento Giusta Causa

La lettera di licenziamento per giusta causa 2017 La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un'azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta.  Il documento con cui si v...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: guida Cos’è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo Il licenziamento per giustificato motivo è l’atto con cui il datore di lavoro recede dal contratto a causa di ragioni legate alla riorganizzazione aziendale. Da non confondere con il licenziamento per giusta causa, dovuto a una condotta gravosa da parte del dipendente, il licenziamento per g...
Motivazioni del Licenziamento Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico L'ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento: - motivi di natura disciplinare - giusta causa - giustificato motivo soggettivo Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commett...
Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo? Cos’è la giusta causa di licenziamento Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra...
Indennità di disoccupazione ASpI Indennità di disoccupazione ASpI, cos’è La condizione di disoccupazione è piuttosto frustrate sotto vari punti di vista, ma può diventare un periodo economicamente critico per quanti non posso fare affidamento su dei risparmi. Per questo è stata introdotta l’indennità di disoccupazione ASpl, scopriamone le caratteristiche e i beneficiari. Si tr...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
accertamento giusta causa licenziamento