Come licenziare un dipendente senza incorrere in sanzioni?

Come licenziare un dipendente: licenziamento giusta causa e giustificato motivo

Come licenziare un dipendente? Quali sono le ragioni che possono condurre al licenziamento? La normativa vigente prevede che un dipendente assunto con contratto di lavoro a tempo determinato possa essere licenziato, prima della scadenza del contratto, solo per giusta causa, ossia per un inadempimento agli obblighi contrattuali talmente grave da non consentire il proseguimento del rapporto nemmeno per via provvisoria.

A differenza di quanto accade per i lavoratori a tempo indeterminato, quindi non è possibile licenziare per giustificato motivo oggettivo o soggettivo. Il giustificato motivo soggettivo si verifica quando il dipendente non rispetta gli obblighi contrattuali, andando a ledere il rapporto di fiducia instaurato con il datore di lavoro. Quello oggettivo, invece, è riconducibile ad una riorganizzazione aziendale e non riguarda la condotta tenuta dal lavoratore.

Come licenziare un dipendente: lettera di licenziamento e periodo di preavviso

I licenziamenti per giustificato motivo prevedono il rispetto del periodo di preavviso, ossia del lasso di tempo che deve trascorrere dalla data in cui il datore di lavoro comunica la propria intenzione di recedere dal contratto a quella di effettivo licenziamento. Se non rispetta il preavviso, il datore dovrà versare al dipendente l’indennità di “mancato preavviso”, per un importo pari alla retribuzione che sarebbe spettata durante tale periodo.

La giusta causa (regolamentata dall’articolo 18 dello statuto dei lavoratori), invece, comporta il licenziamento in tronco e non prevede il versamento dell’indennità di mancato preavviso. Il dipendente non perde però il diritto alla liquidazione.

Una volta accertato che sussistono le motivazioni per recedere dal contratto che lo lega al dipendente, il datore di lavoro dovrà redigere una lettera di licenziamento, che andrà consegnata a mano, o tramite posta raccomandata al lavoratore. Nel documento vanno riportati gli estremi della ditta, nome e cognome del dipendente, le motivazioni alla base del licenziamento e la data di decorrenza dello stesso.

Quando il licenziamento può essere illegittimo

Se il dipendente ritiene che il licenziamento è illegittimo, può rivolgersi ad un tribunale, che accerterà l’effettiva sussistenza dei fatti contestati e la loro gravità. È bene precisare che in sede di giudizio il licenziamento può essere revocato sia per insussistenza del fatto, sia perché non c’è proporzionalità tra la mancanza commessa dal dipendente e la sanzione applicata.

In caso di licenziamento disciplinare (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), inoltre, l’onere della prova è a carico del datore di lavoro, che deve dimostrare l’effettiva esistenza del fatto imputato al lavoratore, indicando la data e l’ora in cui si è svolto e gli eventuali testimoni che possono confermarlo.

In ogni caso se il Giudice ritiene il licenziamento illegittimo, può condannare il datore di lavoro a reintegrare il dipendente e a versargli un risarcimento per il periodo in cui questi è stato assente dal posto di lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Infografica Visite Fiscali: Orari e Dati 2014 Oggi siamo a presentarvi l'infografica dedicata agli orari delle visite fiscali e alcuni dati inerenti il 2014. Lo scorso anno infatti ci sono stati quasi 7 mila procedimenti disciplinari, di questi, 1.700 si sono conclusi con sanzioni disciplinari gravi, dalla sospensione al licenziamento, con quest’ultimo applicato in ben 220 casi. Infografic...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: guida Cos’è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo Il licenziamento per giustificato motivo è l’atto con cui il datore di lavoro recede dal contratto a causa di ragioni legate alla riorganizzazione aziendale. Da non confondere con il licenziamento per giusta causa, dovuto a una condotta gravosa da parte del dipendente, il licenziamento per g...
Moduli Licenziamento Giusta Causa Moduli Licenziamento Giusta Causa, due modelli La questione del licenziamento per giusta causa, che abbiamo già trattato ampiamente in un precedente approfondimento, implica anche oneri importanti dal punto di vista burocratico-amministrativo. Affrontiamo la materia dei moduli licenziamento giusta causa. Qualora si determini una ragione che non...
Licenziamento apprendista: quando è possibile? Licenziamento apprendista 2015 L'apprendistato è un particolare rapporto che prevede l’acquisizione di specifiche competenze professionali, da parte del lavoratore che viene inserito nell'organizzazione produttiva dell’impresa presso la quale svolge le proprie mansioni. Un periodo dalla profonda natura formativa. Il contratto di apprendistato h...
La lettera di licenziamento per giusta causa 2017 La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un'azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta.  Il documento con cui si v...
Motivazioni del Licenziamento Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico L'ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento: - motivi di natura disciplinare - giusta causa - giustificato motivo soggettivo Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commett...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
come licenziare un dipendente