Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto all’indennità?

Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l’altra tipologia è il licenziamento.

Come funzionano le dimissioni?

Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad essere operative solo dal momento in cui il datore di lavoro è venuto a conoscenza.

Recesso contrattuale: obblighi per il lavoratore

La forma per questo atto unilaterale recettizio, è libera. Ciò significa che se il contratto collettivo di lavoro non prevede diversamente, la forma per presentare le dimissioni può essere di qualsiasi tipo.

L’obbligo del lavoratore che presenta le dimissioni, è quello di rispettare il periodo di preavviso. La sua durata è stabilita dal contratto collettivo di lavoro, ed è previsto che in questo periodo il lavoratore continui la propria attività lavorativa in modo usuale fino alla scadenza del termine.

Se il lavoratore intende rinunciare al rispetto di tale periodo, deve corrispondere al datore di lavoro l’indennità di mancato preavviso. Sono tuttavia previste regole diverse nel caso di dimissioni per giusta causa. In questo caso, il recesso produce effetti in modo immediato e il datore di lavoro è tenuto a corrispondere la retribuzione per i giorni di preavviso non lavorati dallo stesso.

Dimissioni per giusta causa e disoccupazione

È noto che l’Inps eroga l’indennità di disoccupazione quando il lavoro viene perso in modo involontario. Quindi, chi si licenzia volontariamente, ha diritto all’indennità di disoccupazione?

Quando parliamo di dimissioni, ci riferiamo ad un atto recettizio volontario, perciò si tratta di una fattispecie esclusa dal diritto di sussidio Inps. Unica eccezione però, quando si tratta di dimissioni per giusta causa, ove il diritto è riconosciuto.

Interventi per disciplinare e definire il diritto al sussidio Inps

Nel 2002 la Corte Costituzionale è intervenuta con una sentenza per chiarire questo aspetto. Ha stabilito che il sussidio di disoccupazione è di diritto nel caso di dimissioni motivate da comportamenti altrui, non idonei ai fini della continuazione del rapporto.

In questo senso, nel 2003 l’Inps ha definito tramite apposita circolare, quali sono le eventualità in cui si può parlare di giusta causa. Ecco il link: www.inps.it/Circolare-n.163/20.10.2003.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Licenziarsi per giusta causa: come presentare le dimissioni Licenziarsi senza rispettare il preavviso dimissioni Le dimissioni sono l’atto unilaterale con il quale il lavoratore comunica al datore di lavoro la propria intenzione di interrompere il rapporto di lavoro. A differenza del licenziamento le dimissioni non devono essere motivate, ma vanno comunque presentate rispettando il termine di preavviso def...
Calcolo Indennità Mancato preavviso di licenziamento: Guida utile L'indennità sostitutiva in caso di licenziamento, è una somma dovuta da parte del datore di lavoro o dal lavoratore dipendente dimissionario, nel caso non rispettino la scadenza del periodo di preavviso. L'indennità è pari alla retribuzione giornaliera del dipendente al momento del recesso: nello specifico, va corrisposta una somma in base alle ...
Giusta causa per licenziamento Motivi di giusta causa per licenziamento Perdere il proprio posto di lavoro è sempre una situazione difficile, che può comportare anche gravi conseguenze economiche a livello familiare. Per poter licenziare un collaboratore, tuttavia, devono verificarsi condizioni ben precise regolamentate dalle legge italiana. Il Codice Civile stabilisce che l...
Licenziamento individuale: quando si può licenziare? Motivi di licenziamento individuale: licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Un dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato per giusta causa, o per giustificato motivo oggettivo o soggettivo. La giusta causa di licenziamento si riferisce a gravi mancanze del dipendente che impediscono la prosecuzione d...
Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo? Cos’è la giusta causa di licenziamento Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra...
La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Infografica Visite Fiscali: Orari e Dati 2014 Oggi siamo a presentarvi l'infografica dedicata agli orari delle visite fiscali e alcuni dati inerenti il 2014. Lo scorso anno infatti ci sono stati quasi 7 mila procedimenti disciplinari, di questi, 1.700 si sono conclusi con sanzioni disciplinari gravi, dalla sospensione al licenziamento, con quest’ultimo applicato in ben 220 casi. Infografic...
dimissioni per giusta causa