Giustificatezza del Licenziamento: cos’è?

Nozione di Giustificatezza del Licenziamento: di cosa si tratta

Il licenziamento del dirigente è disciplinato da norme diverse da quelle previste per le altre categorie di lavoratori dipendenti. In questo caso, infatti, si parla di giusta causa e di giustificatezza come clausole generali che possono limitare il potere del datore di lavoro nel recedere il rapporto con il dirigente.
Mentre la giusta causa è una nozione definibile in termini legali, il cui mancato riscontro, in sede contenziosa, definisce l’attribuzione al dirigente di un’indennità per il mancato preavviso, la giustificatezza è un concetto introdotto dalla contrattazione collettiva.

Qualora non si rispetti la condizione di giustificatezza del licenziamento, si determina la liquidazione di un’indennità supplementare in favore del dirigente. Ma vediamo nel dettaglio cos’è la nozione di giustificatezza del licenziamento.
Introdotta negli anni ’70 nei contratti collettivi applicabili ai dirigenti, la giustificatezza è un principio posto a tutela del licenziamento di un dirigente, atto che, per la specificità del ruolo svolto dal lavoratore, è considerato molto più grave rispetto al licenziamento di un normale dipendente.

La giustificatezza non coincide con il principio di giustificato motivo, previsto dalla Legge n. 604/66, ma si affianca alla disciplina legislativa. Se infatti si determina il licenziamento per giustificatezza, il datore di lavoro non è chiamato a corrispondere l’indennità supplementare.

Giusta causa e nozione di giustificatezza del licenziamento: quali le differenze?

L’intimazione di licenziamento per giusta causa si ha quando è accertato che il lavoratore ha tenuto una condotta lesiva con una gravità tale da giustificare la fine del rapporto, e da non consentirne nemmeno la prosecuzione provvisoria per il periodo necessario al lavoratore a trovare una nuova occupazione. Questa è detta risoluzione in tronco.
Rispetto alla giusta causa, il presupposto di giustificatezza risulta più vincolato al carattere fiduciario del rapporto di lavoro dirigenziale e obbliga il datore di lavoro ad osservare le clausole generali di correttezza e buona fede. Non è quindi giustificato il licenziamento per ragioni pretestuose che potrebbero apparire discriminatorie.
Ma quali sono nello specifico le differenze tra giusta causa e nozione di giustificatezza? Il licenziamento per giusta causa richiede la presenza di fatti o situazioni che, valutati nella loro oggettività, portano a una grave lesione del vincolo fiduciario.

Per la giustificatezza del licenziamento, invece, possono essere rilevate anche condotte che di per sé non costituiscono giustificata causa di licenziamento. Questo accade perché, come stabilito anche dalla Corte di Cassazione, il licenziamento per nozione di giustificatezza è “ancor più strettamente vincolato al carattere fiduciario del rapporto di lavoro dirigenziale”.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziarsi per giusta causa: come presentare le dimissioni Licenziarsi senza rispettare il preavviso dimissioni Le dimissioni sono l’atto unilaterale con il quale il lavoratore comunica al datore di lavoro la propria intenzione di interrompere il rapporto di lavoro. A differenza del licenziamento le dimissioni non devono essere motivate, ma vanno comunque presentate rispettando il termine di preavviso def...
Licenziamento Giustificato Motivo Licenziamento giustificato motivo oggettivo L'ordinamento giuridico italiano e nello specifico la dottrina del lavoro, prevede la possibilità per il datore di lavoro di procedere con il licenziamento dei suoi dipendenti quando imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell'impresa rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contra...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Giusta causa per licenziamento Motivi di giusta causa per licenziamento Perdere il proprio posto di lavoro è sempre una situazione difficile, che può comportare anche gravi conseguenze economiche a livello familiare. Per poter licenziare un collaboratore, tuttavia, devono verificarsi condizioni ben precise regolamentate dalle legge italiana. Il Codice Civile stabilisce che l...
La lettera di licenziamento per giusta causa 2017 La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un'azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta.  Il documento con cui si v...
Licenziamento e procedimento penale Licenziamento e procedimento penale, il licenziamento per giusta causa Il licenziamento per giusta causa non prevede l'obbligo di preavviso da parte del datore di lavoro nei confronti del dipendente, tuttavia impone di seguire una determinata procedura. Procedura licenziamento giusta causa Innanzitutto il datore di lavoro deve motivare, tramite ...
Giustificatezza del Licenziamento