La lettera di licenziamento per giusta causa 2017

La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un’azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta. 

Il documento con cui si vuole comunicare il licenziamento può essere inviato per raccomandata a/r o consegnato a mano, in questo caso il lavoratore deve firmarlo per presa visione.

Nella lettera di licenziamento, il titolare deve indicare:

  • la volontà di porre fine al rapporto di lavoro in modo chiaro;
  • i termini di preavviso concesso: nel caso in cui non voglia dare nessun preavviso deve corrispondere l’indennità prevista.

E’ necessaria la lettera di licenziamento per giusta causa?

Il licenziamento di giusta causa può avvenire quando si verifica un evento talmente grave da non permettere la serena continuazione del rapporto lavorativo.  Tra le cause di licenziamento per giusta causa più comuni possono esserci:

  • inadempimento degli obblighi contrattuali;
  • assenza ingiustificate;
  • furto di denaro o beni aziendali;
  • violenze, minacce verso il datore di lavoro o i colleghi;
  • ritardi sistematici;
  • carcerazione del dipendente;
  • assenza per malattia eccessivamente prolungata.

In questi casi il datore di lavoro non è tenuto a fornire né il periodo di preavviso né l’indennità di mancato preavviso. Quindi nella lettera di licenziamento che darà al lavoratore, il titolare dovrà solo comunicare l’immediata cessazione del contratto, senza nessuna indicazione rispetto ai motivi.

Tuttavia, nel caso in cui il dipendente ne faccia richiesta, il datore di lavoro deve comunicargli le motivazioni che l’hanno spinto a licenziarlo.

Modello Lettera di Licenziamento per Giusta Causa 

La lettera di licenziamento per giusta causa dovrebbe essere strutturata nel seguente modo:

Egregio Sig. [Nome Cognome del Dipendente]

Oggetto: Licenziamento per giusta causa

Con la presente Le comunico ufficialmente l’intenzione di risolvere il rapporto di lavoro, intercorrente con il sottoscritto, in termini immediati e per giusta causa ai sensi dell’articolo 2119 del Codice Civile.

Tale decisione in quanto a causa di [Inserire qui la giusta causa] si è interrotto il rapporto fiduciario in essere in maniera tale da non consentire, la prosecuzione del rapporto, neanche in termini provvisori.

Il licenziamento ha effetto immediato, La invitiamo pertanto a ritirare i Suoi effetti personali

Impugnazione Licenziamento 2017: quali sono i termini

Il lavoratore che ritiene di aver ricevuto la lettera di licenziamento ingiustamente ha tempo fino a 60 giorni per effettuare l’impugnazione licenziamento e contestare il provvedimento.

I termini fissati per l’impugnazioni del licenziamento ammontano a 60 giorni, calcolati a partire dal giorno in cui è stata ricevuta o consegnata la lettera di licenziamento. Passato questo tempo, il lavoratore perde il diritto di contestazione.

Invece i termini di impugnazione licenziamento stragiudiziale, tramite lettera raccomandata, sono posti entro i 180 giorni successivi.

Lettera impugnazione licenziamento

Il dipendente che vuole effettuare l’impugnazione licenziamento deve compilare una lettera in cui comunica al datore di lavoro la sua volontà di contestare il licenziamento. Il documento può essere redatto dalle seguenti figure:

  • dal lavoratore;
  • da un rappresentante sindacale;
  • da un avvocato con apposita delega.

Nella lettera dev’essere specificato in modo chiaro la volontà di contestare il licenziamento.

 

 

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
Infografica Visite Fiscali: Orari e Dati 2014 Oggi siamo a presentarvi l'infografica dedicata agli orari delle visite fiscali e alcuni dati inerenti il 2014. Lo scorso anno infatti ci sono stati quasi 7 mila procedimenti disciplinari, di questi, 1.700 si sono conclusi con sanzioni disciplinari gravi, dalla sospensione al licenziamento, con quest’ultimo applicato in ben 220 casi. Infografic...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Motivazioni del Licenziamento Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico L'ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento: - motivi di natura disciplinare - giusta causa - giustificato motivo soggettivo Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commett...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana,...
Licenziamento Giustificato Motivo Licenziamento giustificato motivo oggettivo L'ordinamento giuridico italiano e nello specifico la dottrina del lavoro, prevede la possibilità per il datore di lavoro di procedere con il licenziamento dei suoi dipendenti quando imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell'impresa rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contra...
Indennità di disoccupazione ASpI Indennità di disoccupazione ASpI, cos’è La condizione di disoccupazione è piuttosto frustrate sotto vari punti di vista, ma può diventare un periodo economicamente critico per quanti non posso fare affidamento su dei risparmi. Per questo è stata introdotta l’indennità di disoccupazione ASpl, scopriamone le caratteristiche e i beneficiari. Si tr...
dimissioni volontarie e disoccupazione