Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo?

Cos’è la giusta causa di licenziamento

Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra sanzione non sarebbe sufficiente a tutelare l’interesse del datore di lavoro.

In caso di giusta causa di licenziamento il datore di lavoro può recedere dal contratto senza darne preavviso al dipendente (licenziamento in tronco) e, di conseguenza, non è tenuto a corrispondergli l’indennità di mancato preavviso.

Oltre alle inadempienze contrattuali sono motivi di licenziamento per giusta causa anche comportamenti scorretti tali da determinare la fine del rapporto di fiducia tra datore di lavoro e dipendente (ad esempio minacce al datore di lavoro o ai colleghi, furto di beni aziendali, ecc.)

Licenziamento per giusta causa illegittimo: le sanzioni previste

Trattandosi di una sanzione disciplinare il licenziamento per giusta causa deve obbligatoriamente essere preceduto dalla comunicazione di contestazione di addebito, per consentire al dipendente una adeguata difesa da eventuali accuse infondate.

Se in sede di giudizio viene accertata l’insussistenza dei fatti posti alla base del licenziamento, questo è considerato illegittimo. In tal caso il lavoratore ha diritto alle tutele previste dalla legge.
Le conseguenze del licenziamento illegittimo si distinguono a seconda che l’impresa conti più o meno di quindici dipendenti. Nel primo caso le sanzioni sono stabilite dall’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Se invece l’impresa ha meno di 15 addetti, il Giudice condanna il datore di lavoro a reintegrare il dipendente entro 3 giorni dalla sentenza, o, in alternativa, a corrispondergli un risarcimento economico, con un importo compreso tra 2,5 e 6 mensilità.

 

Licenziamento Giusta Causa

La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Motivazioni del Licenziamento Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico L'ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento: - motivi di natura disciplinare - giusta causa - giustificato motivo soggettivo Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commett...
Giustificatezza del Licenziamento: cos’è? Nozione di Giustificatezza del Licenziamento: di cosa si tratta Il licenziamento del dirigente è disciplinato da norme diverse da quelle previste per le altre categorie di lavoratori dipendenti. In questo caso, infatti, si parla di giusta causa e di giustificatezza come clausole generali che possono limitare il potere del datore di lavoro nel rece...
Licenziamento Giustificato Motivo Licenziamento giustificato motivo oggettivo L'ordinamento giuridico italiano e nello specifico la dottrina del lavoro, prevede la possibilità per il datore di lavoro di procedere con il licenziamento dei suoi dipendenti quando imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell'impresa rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contra...
Accertamento Giusta Causa Licenziamento Licenziamento per Giusta Causa: Cos’è? Quando si Verifica? Il concetto di giusta causa viene introdotto nell'ordinamento civile italiano, con particolare riferimento alla dottrina del lavoro, per indicare una inadempienza compiuta dal lavoratore di rilievo disciplinare talmente grave da comportare la risoluzione del rapporto di lavoro, in quanto l...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Calcolo Indennità Mancato preavviso di licenziamento: Guida utile L'indennità sostitutiva in caso di licenziamento, è una somma dovuta da parte del datore di lavoro o dal lavoratore dipendente dimissionario, nel caso non rispettino la scadenza del periodo di preavviso. L'indennità è pari alla retribuzione giornaliera del dipendente al momento del recesso: nello specifico, va corrisposta una somma in base alle ...
Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
licenziamento per giusta causa