Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza

Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda

Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana, la Corte ha dichiarato lecite le attività di sciopero, a prescindere dalla durata e dalle modalità con cui vengono condotte, a patto però che si tratti di una manifestazione finalizzata a tutelare un interesse collettivo dei lavoratori.

Nel caso di specie, un lavoratore è stato licenziato per aver aderito ad uno sciopero indetto da un’organizzazione sindacale, a seguito della chiusura del punto vendita in cui era impiegato. Ma vediamo con ordine come si sono svolti i fatti e quali sono le motivazioni alla base della sentenza.

In vista della chiusura della sede, la società datrice di lavoro ha chiesto al soggetto di indicare la sede in cui avrebbe voluto essere trasferito, ma questi non ha espresso alcuna preferenza. La società ha quindi inviato una comunicazione in cui indicava il trasferimento del dipendente in un’altra sede di propria scelta. Nella lettera il datore di lavoro invitava inoltre il dipendente a riprendere servizio e contestava l’illegittimità dell’assenza per sciopero.

Le sanzioni previste in caso illegittimo licenziamento per giusta causa

Dopo un’assenza per malattia e un ulteriore periodo di ferie, il lavoratore ha fatto presente la sua intenzione di riprendere l’astensione dal lavoro per sciopero. A questo punto il datore di lavoro ha deciso di adottare un provvedimento di licenziamento per giusta causa, ponendo alla base di tale decisione l’assenza ingiustificata dal posto di lavoro e la reiterata insubordinazione compiuta dal soggetto.

Impugnando il provvedimento, il dipendente si è rivolto al Tribunale di Milano che ha dichiarato illegittimo il licenziamento per sciopero, riconoscendo al lavoratore il diritto ad un risarcimento per il danno subito.

Ricordiamo, infatti, che per i soggetti assunti con contratto a tempo indeterminato prima del 7 marzo 2015 (data di entrata in vigore del Jobs Act), in caso di illegittimo licenziamento per giusta causa, il datore di lavoro è obbligato a riassumere il dipendente. Questi dovrà inoltre corrispondere al lavoratore un indennizzo pari alla retribuzione che gli sarebbe spettata dalla data del licenziamento fino al giorno di effettiva reintegra sul posto di lavoro.

Tali sanzioni sono previste però solo nei casi in cui non ricorrono gli estremi previsti per la giusta causa di licenziamento, ovvero se il fatto contestato non sussiste, o rientra fra le condotte punibili con una sanzione conservativa.

Licenziamento per sciopero: la sentenza della Corte d’Appello

Con il ricorso in Corte d’Appello la sentenza è stata confermata, poiché non è possibile attribuire rilevanza al fatto che lo sciopero si sia prolungato per un ampio lasso di tempo, causando alla società problemi di natura organizzativa e produttiva.

Per quanto riguarda la questione dell’insubordinazione, indicata nel provvedimento di licenziamento, la Corte non ha individuato alcun comportamento scorretto da parte del lavoratore, sostenendo che l’astensione dal lavoro presso la nuova sede era solo una conseguenza della scelta di avvalersi del legittimo esercizio di sciopero.

 

Licenziamento Giusta Causa

Infografica Visite Fiscali: Orari e Dati 2014 Oggi siamo a presentarvi l'infografica dedicata agli orari delle visite fiscali e alcuni dati inerenti il 2014. Lo scorso anno infatti ci sono stati quasi 7 mila procedimenti disciplinari, di questi, 1.700 si sono conclusi con sanzioni disciplinari gravi, dalla sospensione al licenziamento, con quest’ultimo applicato in ben 220 casi. Infografic...
La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Motivazioni del Licenziamento Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico L'ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento: - motivi di natura disciplinare - giusta causa - giustificato motivo soggettivo Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commett...
Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo? Cos’è la giusta causa di licenziamento Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra...
Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
Licenziamento apprendista: quando è possibile? Licenziamento apprendista 2015 L'apprendistato è un particolare rapporto che prevede l’acquisizione di specifiche competenze professionali, da parte del lavoratore che viene inserito nell'organizzazione produttiva dell’impresa presso la quale svolge le proprie mansioni. Un periodo dalla profonda natura formativa. Il contratto di apprendistato h...
Licenziarsi per giusta causa: come presentare le dimissioni Licenziarsi senza rispettare il preavviso dimissioni Le dimissioni sono l’atto unilaterale con il quale il lavoratore comunica al datore di lavoro la propria intenzione di interrompere il rapporto di lavoro. A differenza del licenziamento le dimissioni non devono essere motivate, ma vanno comunque presentate rispettando il termine di preavviso def...
licenziamento per sciopero