Licenziamento ritorsivo: cos’è?

Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona

Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera e propria vendetta nei confronti del dipendente. Queste sono le due differenze di maggiore rilievo, ma vediamo quali sono le istanze di applicazione, ma anche rischi e opportunità per dipendenti e datori di lavoro.

Il licenziamento ritorsivo è da considerarsi nullo quando il motivo ritorsivo alla base della cessazione del rapporto di lavoro è l’unico ad averne determinato la fine. In questo caso, infatti, il licenziamento costituisce un’ingiusta ed arbitraria reazione ad un comportamento legittimo tenuto dal lavoratore o da una terza persona a lui legata.

Licenziamento ritorsivo onere della prova

Il licenziamento ritorsivo illegittimo ha matrice individuale e personale. Sul lavoratore incombe l’onere della prova sulla natura ritrosiva dell’atto. Con la sentenza n. 14319 del 6 giugno 2013,la corte di cassazione ha stabilito che spetta al dipendente licenziato dimostrare, con elementi specifici, l’intento di rappresaglia del datore di lavoro.

Di conseguenza in sede di giudizio di legittimità, chi intende dimostrare un licenziamento ritorsivo illegittimo non può limitarsi a dedurre la mancata considerazione, da parte della magistratura, di circostanze che in astratto possono essere rilevanti ai fini della ritorsione. Questi, infatti, deve chiaramente indicare degli elementi idonei ad individuare l’effettiva sussistenza di un rapporto di causalità tra il fatto e il licenziamento.

 

Licenziamento Giusta Causa

Indennità di disoccupazione ASpI Indennità di disoccupazione ASpI, cos’è La condizione di disoccupazione è piuttosto frustrate sotto vari punti di vista, ma può diventare un periodo economicamente critico per quanti non posso fare affidamento su dei risparmi. Per questo è stata introdotta l’indennità di disoccupazione ASpl, scopriamone le caratteristiche e i beneficiari. Si tr...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Licenziamento individuale: quando si può licenziare? Motivi di licenziamento individuale: licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Un dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato per giusta causa, o per giustificato motivo oggettivo o soggettivo. La giusta causa di licenziamento si riferisce a gravi mancanze del dipendente che impediscono la prosecuzione d...
Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
La lettera di licenziamento per giusta causa 2017 La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un'azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta.  Il documento con cui si v...
Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: guida Cos’è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo Il licenziamento per giustificato motivo è l’atto con cui il datore di lavoro recede dal contratto a causa di ragioni legate alla riorganizzazione aziendale. Da non confondere con il licenziamento per giusta causa, dovuto a una condotta gravosa da parte del dipendente, il licenziamento per g...
Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana,...
licenziamento ritorsivo