Licenziarsi per giusta causa: come presentare le dimissioni

Licenziarsi senza rispettare il preavviso dimissioni

Le dimissioni sono l’atto unilaterale con il quale il lavoratore comunica al datore di lavoro la propria intenzione di interrompere il rapporto di lavoro. A differenza del licenziamento le dimissioni non devono essere motivate, ma vanno comunque presentate rispettando il termine di preavviso definito in base ai contratti collettivi nazionali.

Generalmente il preavviso varia a seconda dell’inquadramento e dell’anzianità di servizio del dipendente. Si presume, infatti, che il datore di lavoro necessiti di un tempo maggiore per trovare un nuovo dipendente che posso sostituire il dimissionario, dovendo svolgere funzioni complesse o con analoga esperienza professionale.

Il preavviso però non è sempre dovuto. Al dipendente è consentito, infatti, interrompere il rapporto di lavoro con decorrenza immediata se si verifica una giusta causa, ossia un evento di una gravità tale da non consentire la prosecuzione, neppure provvisoria, del rapporto di lavoro (art. 2119 c.c.).

Quando sono previste le dimissioni per giusta causa

Le dimissioni per giusta causa sono considerate un’involontaria perdita del posto di lavoro e, di conseguenza, prevedono il pagamento dell’indennità di mancato preavviso in favore del dipendente, che ha un importo pari alla retribuzione che sarebbe spettata durante il periodo di preavviso. se possiede i requisiti necessari, il dipendente ha diritto anche all’indennità di disoccupazione. Ma quando si verifica la giusta causa?

È possibile licenziarsi per giusta causa a fronte di comportamenti scorretti del datore di lavoro quali molestie sessuali, ingiurie, richieste di comportamenti illeciti, comportamenti discriminatori da parte del datore di lavoro o dei colleghi avvallati dallo stesso. Allo stesso modo sono considerate motivazioni valide per presentare le dimissioni per giusta causa, i ritardi nel pagamento delle retribuzioni e nel versamento dei contributi.

Licenziarsi per giusta causa: come presentare la lettera di dimissioni

Per garantirsi l’efficacia legale delle dimissioni, il dipendente deve redigere una lettera in cui sono indicati chiaramente i fatti che hanno determinato la giusta causa di dimissioni e la propria volontà di non rispettare il periodo di preavviso. Il documento deve inoltre riportare i riferimenti dell’azienda o del datore di lavoro, nonché nome e recapiti del dipendente.

Nella lettera vanno indicate anche la data di decorrenza delle dimissioni, la data ultima di presenza in azienda e la richiesta di indennità sostitutiva del preavviso. Le dimissioni possono essere spedite tramite raccomanda con ricevuta di ritorno, oppure consegnate a mano al datore di lavoro o all’ufficio del personale dell’impresa.

Ricordiamo infine che per licenziarsi per giusta causa, evitando di ricadere nelle norme che regolano le dimissioni senza preavviso, è fondamentale che l’esistenza e la legittimità della giusta causa siano dimostrabili e verificabili in modo inconfutabile.

 

Licenziamento Giusta Causa

Giustificatezza del Licenziamento: cos’è? Nozione di Giustificatezza del Licenziamento: di cosa si tratta Il licenziamento del dirigente è disciplinato da norme diverse da quelle previste per le altre categorie di lavoratori dipendenti. In questo caso, infatti, si parla di giusta causa e di giustificatezza come clausole generali che possono limitare il potere del datore di lavoro nel rece...
Modulo Licenziamento Giustificato Motivo Modulo licenziamento giustificato motivo oggettivo e soggettivo del licenziamento Il licenziamento per giustificato motivo nei confronti di un lavoratore dipendente viene attuato dal datore di lavoro nel momento in cui sussistono particolari condizioni o ragioni direttamente correlate all'attività produttiva o alla corretta organizzazione del lavo...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
Licenziamento per motivi economici Licenziamento per motivi economici cosa significa Il licenziamento per motivi economici è l’interruzione unilaterale (da parte del datore di lavoro) del rapporto di lavoro, che si conclude per motivi relativi alla riorganizzazione dell’azienda. Noto anche come “licenziamento per giustificato motivo oggettivo“, il licenziamento per motivi economici...
Dimissioni per giusta causa e disoccupazione: se mi licenzio, ho diritto allR... Il Codice Civile disciplina la fattispecie delle dimissioni agli artt. 2118 e 2119. Si tratta di una tipologia di recesso contrattuale unilaterale: l'altra tipologia è il licenziamento. Come funzionano le dimissioni? Secondo la legge, le dimissioni non hanno effetto immediato, e cioè dal momento in cui è stata firmata la lettera. Iniziano ad esse...
Licenziamento Giustificato Motivo Licenziamento giustificato motivo oggettivo L'ordinamento giuridico italiano e nello specifico la dottrina del lavoro, prevede la possibilità per il datore di lavoro di procedere con il licenziamento dei suoi dipendenti quando imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell'impresa rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contra...
Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana,...
licenziarsi per giusta causa