Modulo Licenziamento Giustificato Motivo

Modulo licenziamento giustificato motivo oggettivo e soggettivo del licenziamento

Il licenziamento per giustificato motivo nei confronti di un lavoratore dipendente viene attuato dal datore di lavoro nel momento in cui sussistono particolari condizioni o ragioni direttamente correlate all’attività produttiva o alla corretta organizzazione del lavoro. Inoltre può essere applicato in tutti quei casi ove il lavoratore non adempia in alcun modo agli obblighi stabiliti da contratto o attui comportamenti disciplinari rilevanti tanto da compromettere la propria posizione lavorativa come atti di insubordinazione, assenza ingiustificata dal lavoro o istigazione al caos e alla violenza all’interno dell’azienda.

Nel primo caso parliamo quindi di motivo oggettivo quindi per ragioni indipendenti dalla volontà del lavoratore, nel secondo caso il motivo diventa soggettivo e quindi di carattere disciplinare, strettamente connesso al rendimento e al comportamento del soggetto.

Tempistiche e preavviso del licenziamento giustificato motivo

A differenza del licenziamento per giusta causa che non prevede l’obbligo di preavviso, nel caso di giustificato motivo il datore di lavoro è tenuto a dare comunicazione scritta al lavoratore con un anticipo di almeno 15 giorni. Durante questo periodo l’azienda potrà inoltre decidere se avvalersi delle prestazioni lavorative del dipendente o se attuare l’interruzione del lavoro con effetto immediato.

Modulo licenziamento giustificato motivo: lettera di comunicazione licenziamento giustificato motivo

Nella lettera di licenziamento per giustificato motivo il datore di lavoro sarà tenuto a indicare la specifica ragione tecnico/organizzativa nonché il motivo oggettivo o soggettivo da comunicare al lavoratore (solo in alcuni casi specifici previsti dalla contrattazione collettiva applicabile può anche non essere indicata la motivazione del licenziamento).

Andrà inoltre indicato l’articolo del contratto collettivo che prevede il licenziamento per giustificato motivo così come indicato dal C.C.N.L. Nella comunicazione vanno indicati inoltre il periodo di preavviso stabilito in giorni e la tempistica necessaria per poter consegnare al lavoratore le spettanze di fine rapporto. La lettera va spedita con raccomandata A/R oppure tramite raccomandata consegnata a mano.

 

Licenziamento Giusta Causa

Indennità di disoccupazione ASpI Indennità di disoccupazione ASpI, cos’è La condizione di disoccupazione è piuttosto frustrate sotto vari punti di vista, ma può diventare un periodo economicamente critico per quanti non posso fare affidamento su dei risparmi. Per questo è stata introdotta l’indennità di disoccupazione ASpl, scopriamone le caratteristiche e i beneficiari. Si tr...
La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Accertamento Giusta Causa Licenziamento Licenziamento per Giusta Causa: Cos’è? Quando si Verifica? Il concetto di giusta causa viene introdotto nell'ordinamento civile italiano, con particolare riferimento alla dottrina del lavoro, per indicare una inadempienza compiuta dal lavoratore di rilievo disciplinare talmente grave da comportare la risoluzione del rapporto di lavoro, in quanto l...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana,...
Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo? Cos’è la giusta causa di licenziamento Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Come licenziare un dipendente senza incorrere in sanzioni? Come licenziare un dipendente: licenziamento giusta causa e giustificato motivo Come licenziare un dipendente? Quali sono le ragioni che possono condurre al licenziamento? La normativa vigente prevede che un dipendente assunto con contratto di lavoro a tempo determinato possa essere licenziato, prima della scadenza del contratto, solo per giusta c...
modulo licenziamento giustificato motivo