Motivazioni del Licenziamento

Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico

L’ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento:

– motivi di natura disciplinare

– giusta causa

– giustificato motivo soggettivo

Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commette un’infrazione grave al regolamento disciplinare o una inadempienza grave verso le proprie mansioni, che non rende ulteriormente proseguibile il rapporto lavorativo tra le parti.

Aspetto fondamentale, qualora sia necessario procedere in tale direzione verso un inadempimento del lavoratore, è l’attuazione puntuale e attenta di quanto previsto dall’articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori (Legge numero 300 del 1970). Per poter garantire efficacia all’atto occorre infatti procedere fin dalle prime comunicazioni di contestazione scritte verso il lavoratore, adottando i criteri opportuni per formalizzare quanto contestato.

Prima di procedere con un licenziamento disciplinare occorre infatti rendere il lavoratore edotto di quanto rilevato dal datore sul piano disciplinare, invitandolo a rendere le proprie giustificazioni in forma scritta. Dopo di che, trascorsi almeno cinque giorni, nel caso in queste non siano soddisfacenti, si potrà procedere con il provvedimento.

Motivazioni del licenziamento per giusta causa

Il licenziamento per giusta causa si verifica invece quando l’inadempimento del lavoratore è ritenuto talmente grave da non consentire neppure in via provvisoria, la prosecuzione del rapporto di lavoro.
L’alveo normativo del procedimento è dettato dall’articolo 2119 che prevede appunto la possibilità del cosiddetto licenziamento in tronco, ovvero senza preavviso.

Si ha giusta causa quando l’infrazione del lavoratore è talmente grave da non garantire più il rapporto di fiducia con il datore. Infine, terza fattispecie del licenziamento è quella per giustificato motivo, ovvero quanto imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell’impresa, rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contratti di lavoro in essere.

Il giustificato motivo è per tale motivo definito come oggettivo. Si verifica in tutti quei casi in cui, indipendentemente dalla volontà del datore, non è possibile proseguire il rapporto di lavoro, ad esempio per cessazione dell’attività dell’impresa, oppure quando il venir meno di un ramo produttivo impedisce la ricollocazione di alcuni dipendenti in altre mansioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

La lettera di licenziamento per giusta causa 2017 La lettera di licenziamento è un documento con cui il datore di lavoro informa il dipendente che ha intenzione di licenziarlo. Nel caso in cui il titolare di un'azienda voglia terminare il rapporto di lavoro con il dipendente non è sufficiente che glielo comunichi a voce, ma deve per forza produrre una lettera scritta.  Il documento con cui si v...
Infografica Visite Fiscali: Orari e Dati 2014 Oggi siamo a presentarvi l'infografica dedicata agli orari delle visite fiscali e alcuni dati inerenti il 2014. Lo scorso anno infatti ci sono stati quasi 7 mila procedimenti disciplinari, di questi, 1.700 si sono conclusi con sanzioni disciplinari gravi, dalla sospensione al licenziamento, con quest’ultimo applicato in ben 220 casi. Infografic...
Licenziamento apprendista: quando è possibile? Licenziamento apprendista 2015 L'apprendistato è un particolare rapporto che prevede l’acquisizione di specifiche competenze professionali, da parte del lavoratore che viene inserito nell'organizzazione produttiva dell’impresa presso la quale svolge le proprie mansioni. Un periodo dalla profonda natura formativa. Il contratto di apprendistato h...
Licenziamento per giusta causa: cos’è? Quando è legittimo? Cos’è la giusta causa di licenziamento Il licenziamento per giusta causa è dovuto ad un inadempimento contrattuale talmente grave da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria. La giusta causa si sostanzia, infatti, in una condotta particolarmente manchevole del dipendente, a fronte della quale qualunque altra...
Giustificatezza del Licenziamento: cos’è? Nozione di Giustificatezza del Licenziamento: di cosa si tratta Il licenziamento del dirigente è disciplinato da norme diverse da quelle previste per le altre categorie di lavoratori dipendenti. In questo caso, infatti, si parla di giusta causa e di giustificatezza come clausole generali che possono limitare il potere del datore di lavoro nel rece...
Licenziamento ritorsivo: cos’è? Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: ecco come funziona Il licenziamento discriminatorio consiste nella risoluzione del rapporto di lavoro, da parte del datore, a causa di alcune caratteristiche legate alle sue idee politiche del lavoratore o alla sua razza, religione, lingua, ecc. Il licenziamento ritorsivo invece si configura come una vera...
Licenziamento per giusta causa e disoccupazione Naspi Licenziamento per giusta causa e disoccupazione 2015 La Nuova Assicurazione per l’Impiego, meglio nota come Naspi, è destinata ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro a partire dal primo maggio 2015 (data dell’entrata in vigore dell’ammortizzatore). Ma cosa succede in caso di licenziamento per giusta causa? Possono ottenere l’ind...
Calcolo Indennità Mancato preavviso di licenziamento: Guida utile L'indennità sostitutiva in caso di licenziamento, è una somma dovuta da parte del datore di lavoro o dal lavoratore dipendente dimissionario, nel caso non rispettino la scadenza del periodo di preavviso. L'indennità è pari alla retribuzione giornaliera del dipendente al momento del recesso: nello specifico, va corrisposta una somma in base alle ...
Motivazioni del Licenziamento