Motivazioni del Licenziamento

Le motivazioni del licenziamento secondo l’ordinamento giuridico

L’ordinamento giuridico italiano prevede differenti motivazioni che possono esitare in un provvedimento di licenziamento:

– motivi di natura disciplinare

– giusta causa

– giustificato motivo soggettivo

Il licenziamento disciplinare si verifica quando il lavoratore commette un’infrazione grave al regolamento disciplinare o una inadempienza grave verso le proprie mansioni, che non rende ulteriormente proseguibile il rapporto lavorativo tra le parti.

Aspetto fondamentale, qualora sia necessario procedere in tale direzione verso un inadempimento del lavoratore, è l’attuazione puntuale e attenta di quanto previsto dall’articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori (Legge numero 300 del 1970). Per poter garantire efficacia all’atto occorre infatti procedere fin dalle prime comunicazioni di contestazione scritte verso il lavoratore, adottando i criteri opportuni per formalizzare quanto contestato.

Prima di procedere con un licenziamento disciplinare occorre infatti rendere il lavoratore edotto di quanto rilevato dal datore sul piano disciplinare, invitandolo a rendere le proprie giustificazioni in forma scritta. Dopo di che, trascorsi almeno cinque giorni, nel caso in queste non siano soddisfacenti, si potrà procedere con il provvedimento.

Motivazioni del licenziamento per giusta causa

Il licenziamento per giusta causa si verifica invece quando l’inadempimento del lavoratore è ritenuto talmente grave da non consentire neppure in via provvisoria, la prosecuzione del rapporto di lavoro.
L’alveo normativo del procedimento è dettato dall’articolo 2119 che prevede appunto la possibilità del cosiddetto licenziamento in tronco, ovvero senza preavviso.

Si ha giusta causa quando l’infrazione del lavoratore è talmente grave da non garantire più il rapporto di fiducia con il datore. Infine, terza fattispecie del licenziamento è quella per giustificato motivo, ovvero quanto imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell’impresa, rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contratti di lavoro in essere.

Il giustificato motivo è per tale motivo definito come oggettivo. Si verifica in tutti quei casi in cui, indipendentemente dalla volontà del datore, non è possibile proseguire il rapporto di lavoro, ad esempio per cessazione dell’attività dell’impresa, oppure quando il venir meno di un ramo produttivo impedisce la ricollocazione di alcuni dipendenti in altre mansioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

Giustificatezza del Licenziamento: cos’è? Nozione di Giustificatezza del Licenziamento: di cosa si tratta Il licenziamento del dirigente è disciplinato da norme diverse da quelle previste per le altre categorie di lavoratori dipendenti. In questo caso, infatti, si parla di giusta causa e di giustificatezza come clausole generali che possono limitare il potere del datore di lavoro nel rece...
Licenziamento per sciopero: illegittimo anche se a oltranza Il licenziamento per sciopero ad oltranza: è illegittimo anche se causa disagi all’azienda Con la sentenza n.536 del 21 luglio 2014, la Corte d’Appello di Milano ha considerato illegittimo il licenziamento per assenza ingiustificata di un lavoratore in sciopero. Confermando un approccio interpretativo già consolidato nella giurisprudenza italiana,...
Licenziamento apprendista: quando è possibile? Licenziamento apprendista 2015 L'apprendistato è un particolare rapporto che prevede l’acquisizione di specifiche competenze professionali, da parte del lavoratore che viene inserito nell'organizzazione produttiva dell’impresa presso la quale svolge le proprie mansioni. Un periodo dalla profonda natura formativa. Il contratto di apprendistato h...
Licenziamento individuale: quando si può licenziare? Motivi di licenziamento individuale: licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Un dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato per giusta causa, o per giustificato motivo oggettivo o soggettivo. La giusta causa di licenziamento si riferisce a gravi mancanze del dipendente che impediscono la prosecuzione d...
Licenziarsi per giusta causa: come presentare le dimissioni Licenziarsi senza rispettare il preavviso dimissioni Le dimissioni sono l’atto unilaterale con il quale il lavoratore comunica al datore di lavoro la propria intenzione di interrompere il rapporto di lavoro. A differenza del licenziamento le dimissioni non devono essere motivate, ma vanno comunque presentate rispettando il termine di preavviso def...
La giusta causa di licenziamento: quando si configura? Licenziamento per giusta causa: quando è previsto Per licenziare un lavoratore devono verificarsi delle situazioni specifiche che possono riguardare sia la condotta dello stesso (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), sia l’organizzazione dell’azienda (giustificato motivo oggettivo). La giusta causa di licenziamento è una nozione non e...
Licenziamento Giustificato Motivo Licenziamento giustificato motivo oggettivo L'ordinamento giuridico italiano e nello specifico la dottrina del lavoro, prevede la possibilità per il datore di lavoro di procedere con il licenziamento dei suoi dipendenti quando imprescindibili ragioni di organizzazione del lavoro nell'impresa rendono di fatto impossibile la tutela di tutti i contra...
Calcolo Indennità Mancato preavviso di licenziamento: Guida utile L'indennità sostitutiva in caso di licenziamento, è una somma dovuta da parte del datore di lavoro o dal lavoratore dipendente dimissionario, nel caso non rispettino la scadenza del periodo di preavviso. L'indennità è pari alla retribuzione giornaliera del dipendente al momento del recesso: nello specifico, va corrisposta una somma in base alle ...
Motivazioni del Licenziamento