Art 7 statuto dei lavoratori: quando scattano le sanzioni?

Come sono regolate le sanzioni ai dipendenti dall’art 7 statuto dei lavoratori

L’art 7 statuto dei lavoratori prevede per i datori di lavoro l’obbligo di affiggere in azienda, in un luogo accessibile a tutti, le norme e le relative sanzioni applicate in caso di infrazioni o inadempimenti contrattuali. Tali regole devono corrispondere a quanto stabilito da accordi e contratti di lavoro, ove esistano.

Per quanto riguarda l’effettiva adozione di un provvedimento nei confronti di un dipendente, il datore di lavoro deve prima aver contestato al lavoratore il fatto e avergli dato la possibilità di difendersi. Se lo ritiene opportuno, il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell’associazione sindacale cui aderisce, o conferisce mandato.

È bene precisare che, sempre stando a quanto definito dall’art 7 statuto dei lavoratori, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale, possono essere applicati solo dopo cinque giorni dalla contestazione del fatto inviata in forma scritta dal datore di lavoro.

Limiti alle sanzioni: cosa definiscono lo statuto lavoratori e la legge 604/1996

La legge n. 604 del 15 luglio 1966 dispone inoltre che il datore di lavoro non può applicare sanzioni che comportino mutamenti definitivi del rapporto con il lavoratore. Allo stesso modo non è possibile sanzionare un dipendente con una multa d’importo superiore a quattro ore della retribuzione base, né con una sospensione dal servizio e dalla retribuzione, che si protragga per più di dieci giorni.

Fanno eccezione alcune procedure analoghe previste dai contratti collettivi di lavoro. In ogni caso il dipendente sanzionato ha la facoltà di ricorre all’autorità giudiziaria entro venti giorni dall’applicazione della pena. È possibile, infatti, richiedere la costituzione di un collegio di conciliazione e arbitrato tramite l’ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, chi è iscritto ad un’associazione sindacale può farlo anche per mezzo della stessa.

Cosa fare in caso di licenziamento disciplinare o sanzione illegittimi

Tale collegio dovrà essere composto da un rappresentante di ciascuna delle parti e da un terzo soggetto indicato di comune accordo da datore e dipendente o, nel caso non si riesca a raggiungere un compromesso, nominato dal direttore dell’ufficio del lavoro. Ricorrendo al collegio, l’applicazione della sanzione disciplinare resta sospesa fino alla pronuncia dello stesso.

Nel momento in cui il dipendente si rivolge all’ufficio del lavoro, viene inviato al datore un invito a nominare il proprio rappresentate per il collegio. Se questi non provvede a presentare un candidato entro dieci giorni dalla ricezione dell’invito, la sanzione disciplinare non ha alcun effetto.

Ricordiamo infine che in caso di licenziamento disciplinare, ossia a fronte di un comportamento scorretto del dipendente, il lavoratore licenziamento può impugnare il licenziamento e richiedere l’esame di un Tribunale. Il Giudice si occuperà poi di verificare l’effettiva sussistenza dei fatti e la proporzionalità tra fatto contestato e sanzione applicata.

 

Licenziamento Giusta Causa

Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori? Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. M...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
Differenza dimissioni licenziamento Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
art 7 statuto dei lavoratori