Contributo di licenziamento: di cosa si tratta e come funziona

Contributo di licenziamento cos’è e quando è previsto

L’azienda che decide di licenziare un dipendente deve sostenere una spesa obbligatoria, che prende il nome di contributo di licenziamento. Si tratta di una forma di contribuzione, introdotta dalla legge Fornero, finalizzata al finanziamento delle prestazioni di disoccupazione erogate attraverso la NASPI (Nuova prestazione dell’Assicurazione sociale per l’impiego).

È una spesa che l’impresa deve sostenere a prescindere dagli eventuali esborsi legati al rimborso dovuto a un dipendente licenziato illegittimamente o all’esito positivo di un’offerta di conciliazione. In seguito alla cessazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, dalla quale derivi il diritto al trattamento di disoccupazione (art. 1, co. 250, L. 228/2012) infatti, il datore di lavoro deve versare una somma una tantum.

Contributo di licenziamento esclusioni: quando non è dovuto

L’obbligo di versare il contributo di licenziamento sussiste indipendentemente dal fatto che il lavoratore abbia o meno i requisiti per l’effettiva fruizione dell’indennità di disoccupazione. In altre parole, il datore di lavoro è tenuto all’assolvimento della contribuzione in tutti i casi in cui la fine del rapporto generi in capo al lavoratore il diritto, anche se solo teorico, alla NASPI.

A tal proposito è fondamentale però che il rapporto di lavoro sia cessato per una delle cause che danno diritto alla NASPI. Tra queste troviamo le dimissioni per giusta causa o avvenute durante il periodo di maternità (che include tutto il periodo di gestazione e prosegue fino a un anno di età del bambino). Sono incluse anche le risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro e i casi di licenziamento durante l’apprendistato.

Per il periodo 2013- 2015, il contributo non è dovuto nemmeno per i licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto, ai quali sono seguite assunzioni presso altri datori di lavoro, o in attuazione di clausole sociali che assicurano la continuità occupazionale prevista dai CCNL.

Calcolo contributo di licenziamento NASPI

La somma dovuta è pari al 41% del massimale mensile previsto per la NASPI per ogni 12 mesi di anzianità di servizio maturata dal dipendente presso l’impresa negli ultimi 3 anni. Di conseguenza il contributo di licenziamento è pari a:

  • 41% del massimale mensile NASPI in caso di anzianità aziendale di un anno
  • 82% del massimale mensile NASPI con un’anzianità di 2 anni
  • 123% del massimale mensile NASPI per i soggetti con un’anzianità aziendale da tre anni in su.

Al fine di semplificare il calcolo del contributo, l’originario parametro assunto come base cui applicare l’aliquota (il trattamento NASPI spettante al lavoratore) è stato sostituito da un massimale mensile. Tale somma, per il 2015 è stata fissata a 1.195,37 euro. La cifra viene annualmente rivalutata sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo intercorsa nell’anno precedente.

 

Licenziamento Giusta Causa

Lettera Licenziamento Giusta Causa Lettera licenziamento giusta causa o giustificato motivo Per licenziare un lavoratore è necessario che si verifichino determinate situazioni legate alla condotta del soggetto o alla riorganizzazione aziendale. Le motivazioni legate alla condotta del lavoratore si dividono in: giusta causa e giustificato motivo soggettivo. Con l’espressione “giu...
Jobs Act part time più flessibile: ecco cosa cambia Jobs Act part time 2015: maggiore flessibilità per i contratti a tempo parziale Il part time diventa più flessibile con il Jobs Act. Le aziende possono utilizzare il lavoro supplementare e inserire clausole elastiche. Queste le principali novità della riforma del lavoro a tempo parziale contenuta nel decreto legislativo 81/2015, anche se manca anc...
Preavviso licenziamento: quando è previsto? Preavviso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo I Contratti Collettivi Nazionali definiscono, per ogni livello di inquadramento, un determinato periodo di preavviso che il datore di lavoro e il dipendente devono rispettare in caso di recessione unilaterale dal contratto per giustificato motivo. Istituito a tutela della parte che su...
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Licenziamento illegittimo conseguenze prima e dopo il Jobs Act Licenziamento illegittimo conseguenze se nullo o inefficace Licenziamento illegittimo conseguenze, quali sono? Il licenziamento di un singolo lavoratore è previsto solo in presenza di giusta causa o giustificato motivo (oggettivo o soggettivo). Qualora il provvedimento manchi di una ragione che rientri in queste due categorie, si parla di illegitt...
Leggi licenziamento lavoro: le modifiche del Jobs Act Leggi licenziamento lavoro per motivi economici Il Jobs Act del governo Renzi ha cambiato radicalmente le normative che regolano il licenziamento dei lavorati dipendenti nel settore privato. In questo approfondimento passeremo in rassegna le maggiori modifiche apportate dalla riforma del lavoro in tema di licenziamenti, che si applicano ai neoassu...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
contributo di licenziamento