Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo

Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie

La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello per giusta causa ha effetto immediato.

La conversione del licenziamento per giusta causa (senza preavviso) in licenziamento per giustificato motivo è possibile e può essere disposta d’ufficio, oppure a seguito del verdetto di un Giudice. La conversione è ammissibile solo nei casi in cui al fatto imputato al lavoratore (ad esempio negligenza sul posto di lavoro) sia stata attribuita una gravità eccessiva.

Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: quando non è possibibile

In un primo momento la Giurisprudenza italiana ammetteva la conversione solo se veniva accertata la volontà da parte del datore di lavoro di licenziare ugualmente il dipendente, anche in assenza di giusta causa.

Col passare del tempo si è, però, diffusa una disposizione diversa, secondo la quale la volontà del datore di lavoro non influisce nella modifica del titolo, essendo questa solo una diversa qualificazione giuridica della situazione. In ogni caso per effettuare la conversione è sempre necessaria la valutazione di un Giudice.

Quando non è possibile effettuare la conversione? La conversione del licenziamento per giusta causa in licenziamento per giustificato motivo incontra un limite nella regola di “immutabilità della contestazione”. In altre parole non è possibile convertire il licenziamento se mutano i motivi posti alla base della contestazione iniziale.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Leggi licenziamento lavoro: le modifiche del Jobs Act Leggi licenziamento lavoro per motivi economici Il Jobs Act del governo Renzi ha cambiato radicalmente le normative che regolano il licenziamento dei lavorati dipendenti nel settore privato. In questo approfondimento passeremo in rassegna le maggiori modifiche apportate dalla riforma del lavoro in tema di licenziamenti, che si applicano ai neoassu...
Visita fiscale online e perdita dei diritti Visita fiscale online malattia 2015 Il dipendente assente dal lavoro per malattia ha il diritto alla conservazione del proprio posto di lavoro e riceve un trattamento economico definito in base al contratto collettivo applicabile alla propria posizione e al periodo di assenza, come stabilito dalla legge vigente. Per usufruire di questi benefici il...
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo