Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo

Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie

La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello per giusta causa ha effetto immediato.

La conversione del licenziamento per giusta causa (senza preavviso) in licenziamento per giustificato motivo è possibile e può essere disposta d’ufficio, oppure a seguito del verdetto di un Giudice. La conversione è ammissibile solo nei casi in cui al fatto imputato al lavoratore (ad esempio negligenza sul posto di lavoro) sia stata attribuita una gravità eccessiva.

Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: quando non è possibibile

In un primo momento la Giurisprudenza italiana ammetteva la conversione solo se veniva accertata la volontà da parte del datore di lavoro di licenziare ugualmente il dipendente, anche in assenza di giusta causa.

Col passare del tempo si è, però, diffusa una disposizione diversa, secondo la quale la volontà del datore di lavoro non influisce nella modifica del titolo, essendo questa solo una diversa qualificazione giuridica della situazione. In ogni caso per effettuare la conversione è sempre necessaria la valutazione di un Giudice.

Quando non è possibile effettuare la conversione? La conversione del licenziamento per giusta causa in licenziamento per giustificato motivo incontra un limite nella regola di “immutabilità della contestazione”. In altre parole non è possibile convertire il licenziamento se mutano i motivi posti alla base della contestazione iniziale.

 

Licenziamento Giusta Causa

Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Differenza dimissioni licenziamento Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Accertamento malattia dipendente Accertamento malattia dipendente: visite fiscali Inps e ASL Le assenze dal lavoro per malattia rientrano tra le assenze giustificate, poiché la malattia altera le capacità lavorative. Il dipendente in malattia ha infatti diritto al mantenimento del proprio posto di lavoro e percepisce un’indennità. L’assenza per malattia non determina inoltre l’in...
Licenziamento ad nutum preavviso e casi di nullità Licenziamento ad nutum significato e applicazione L’ordinamento italiano prevede che il recesso da parte del datore di lavoro deve essere sorretto da una motivazione valida (giusta causa, giustificato motivo oggettivo o giustificato motivo soggettivo). Tuttavia questa regola generale non si applica in alcune limitate ipotesi, in cui il datore di l...
Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori? Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. M...
Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
Preavviso licenziamento: quando è previsto? Preavviso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo I Contratti Collettivi Nazionali definiscono, per ogni livello di inquadramento, un determinato periodo di preavviso che il datore di lavoro e il dipendente devono rispettare in caso di recessione unilaterale dal contratto per giustificato motivo. Istituito a tutela della parte che su...
conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo