Differenza dimissioni licenziamento: quali le principali?

Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia

Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro.

La principale conseguenza delle dimissioni è la perdita della tutela reale obbligatoria prevista per il dipendente. In caso di revoca, inoltre, il lavoratore può rientrare sul posto di lavoro solo se ottiene il consenso del datore di lavoro.

Il licenziamento è invece la conclusione del rapporto da parte del datore di lavoro. Perché il licenziamento sia valido è necessario un periodo di preavviso, in cui il datore comunica al dipendente la sua intenzione di recedere il rapporto di lavoro. Fanno però eccezione per alcuni casi previsti dalla legge, tra i quali troviamo il licenziamento dei dirigenti.

Differenza dimissioni licenziamento: periodo di preavviso

Il licenziamento deve comunque essere giustificato da un motivo valido. Tra le giustificazioni previste, troviamo l’inadempimento degli obblighi contrattuali, mentre non è possibile licenziare un dipendente per aver partecipato ad uno sciopero o per gravidanza.

Anche per le dimissioni è necessario un periodo di preavviso, che il lavoratore deve rispettare. In caso di mancato preavviso, il dipendente deve corrispondere al datore di lavoro un’indennità economica.

Il lavoratore non è tuttavia tenuto a rispettare il preavviso in caso di mancato pagamento dello stipendio o dei contributi da parte del datore di lavoro. Allo stesso modo non si è necessario comunicare le dimissioni in anticipo se sopraggiungono improvvisi stati di cattiva salute o imprevisti familiari con una gravità tale da obbligare il dipendente a lasciare il lavoro.

Ricordiamo infine che la Legge prevede delle particolari tutele per specifiche ipotesi di dimissioni. Se ad esempio un lavoratore desidera concludere il rapporto di lavoro per matrimonio, questo deve convalidare la domanda presso gli uffici della Direzione Generale Del Lavoro. Chi invece intende licenziarsi per la nascita, o adozione, di un figlio, può farlo ma solo a fronte di una verifica da parte di un Ispettore del Ministero del lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act: cosa è cambiato in materia di licenziamenti? Nuovo contratto a tutele crescenti: le regole del Jobs Act per il licenziamento Entrato in vigore da più di un mese il Jobs Act ha segnato un profondo cambiamento nel mondo del lavoro, introducendo il contratto a tutele crescenti. Il D. Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015, primo decreto attuativo del Jobs Act (legge 183/2014), prevede infatti per i nuovi ...
Art 7 statuto dei lavoratori: quando scattano le sanzioni? Come sono regolate le sanzioni ai dipendenti dall’art 7 statuto dei lavoratori L’art 7 statuto dei lavoratori prevede per i datori di lavoro l’obbligo di affiggere in azienda, in un luogo accessibile a tutti, le norme e le relative sanzioni applicate in caso di infrazioni o inadempimenti contrattuali. Tali regole devono corrispondere a quanto stab...
Contributo di licenziamento: di cosa si tratta e come funziona Contributo di licenziamento cos'è e quando è previsto L’azienda che decide di licenziare un dipendente deve sostenere una spesa obbligatoria, che prende il nome di contributo di licenziamento. Si tratta di una forma di contribuzione, introdotta dalla legge Fornero, finalizzata al finanziamento delle prestazioni di disoccupazione erogate attraverso...
Licenziamento illegittimo conseguenze prima e dopo il Jobs Act Licenziamento illegittimo conseguenze se nullo o inefficace Licenziamento illegittimo conseguenze, quali sono? Il licenziamento di un singolo lavoratore è previsto solo in presenza di giusta causa o giustificato motivo (oggettivo o soggettivo). Qualora il provvedimento manchi di una ragione che rientri in queste due categorie, si parla di illegitt...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Jobs Act part time più flessibile: ecco cosa cambia Jobs Act part time 2015: maggiore flessibilità per i contratti a tempo parziale Il part time diventa più flessibile con il Jobs Act. Le aziende possono utilizzare il lavoro supplementare e inserire clausole elastiche. Queste le principali novità della riforma del lavoro a tempo parziale contenuta nel decreto legislativo 81/2015, anche se manca anc...
Visita fiscale online e perdita dei diritti Visita fiscale online malattia 2015 Il dipendente assente dal lavoro per malattia ha il diritto alla conservazione del proprio posto di lavoro e riceve un trattamento economico definito in base al contratto collettivo applicabile alla propria posizione e al periodo di assenza, come stabilito dalla legge vigente. Per usufruire di questi benefici il...
Differenza dimissioni licenziamento: quali le principali?