Dimissioni volontarie online

Dimissioni volontarie online: la nuova procedura introdotta dal Jobs Act

L’entrata in vigore dei decreti attuativi Jobs Act ha modificato la procedura di presentazione delle dimissioni volontarie. Il Governo e il Ministero del Lavoro sono già al lavoro per mettere a punto un nuovo modulo per le dimissioni online, attraverso il quale i lavoratori potranno comunicare la propria volontà di dimettersi. In questo modo il Governo mira di contrastare e limitare il fenomeno delle dimissioni in bianco.

La facoltà del dipendente di dimettersi è prevista da tutti i Contratti Collettivi Nazionali e attesta l’inequivocabile volontà a terminare il rapporto di lavoro con l’azienda. La lettera di dimissioni, deve essere redatta su carta semplice seguendo le linee guida de una lettera fac simile, oppure, utilizzando dei modelli standard disponibili gratuitamente online in base alla tipologia delle dimissioni.

Quando si parla di dimissioni volontarie infatti è necessario distinguere tra: dimissioni con preavviso, dimissioni senza preavviso, dimissioni per giusta causa e dimissioni per gravidanza. In ogni caso, a prescindere dalla causa delle dimissioni e dalla formula utilizzata per la lettera, la comunicazione deve essere inviata al datore di lavoro in duplice copia tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure consegnata a mano.

Dimissioni volontarie senza preavviso: cos’è la giusta causa

Al lavoratore viene dunque rilasciata una copia controfirmata per ricevuta, che attesta la presa visione e l’accettazione delle dimissioni. Stando a quanto stabilito nei CCNL, il dipendente dimissionario è tenuto a rispettare il periodo di preavviso, comunicando la propria volontà di recedere dal contratto con un certo anticipo. In questo modo il datore di lavoro ha il tempo per sostituire il lavoratore.

La durata del preavviso varia in base alla durata del contratto e all’anzianità di servizio del dipendente. Ricordiamo che in caso non rispetti il periodo di preavviso, il dipendente è soggetto all’applicazione di una penale da parte del datore di lavoro. Dall’ultima busta paga è decurtata la retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso.

L’unico caso in cui il dipendente non è tenuto a rispettare il periodo di preavviso è costituito dalle dimissioni per giusta causa. Si parla di giusta causa quando il lavoratore si dimette a fronte di una condotta scorretta del datore di lavoro, tale da non consentire la prosecuzione del rapporto nemmeno in via provvisoria.

Come presentare le dimissioni volontarie online

In base alla normativa introdotta dal Jobs Act, nel giro di qualche mese dimissioni potranno essere inoltrate esclusivamente per via telematica, pena la nullità della risoluzione del contratto di lavoro. Il lavoratore potrà scegliere se inviare autonomamente la comunicazione di dimissioni, o rivolgersi a intermediari abilitati (patronati, sindacati o enti bilaterali).

I moduli per le dimissioni on line saranno poi resi disponibili dal Ministero del lavoro, che li trasmetterà al datore di lavoro e alla Direzione territoriale competente. Per il dimissionario rimane comunque la possibilità di ripensamento. Le dimissioni potranno comunque essere revocate nei 7 giorni successivi alla comunicazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori? Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. M...
Art 2119 codice civile e giusta causa di licenziamento Cos’è la giusta causa di licenziamento secondo l’art 2119 codice civile Un lavoratore dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato in tronco solo a fronte di una giusta causa di licenziamento. La nozione di giusta causa è espressa nell’art 2119 codice civile, che la definisce come un impedimento di una gravità tale ...
Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Jobs Act part time più flessibile: ecco cosa cambia Jobs Act part time 2015: maggiore flessibilità per i contratti a tempo parziale Il part time diventa più flessibile con il Jobs Act. Le aziende possono utilizzare il lavoro supplementare e inserire clausole elastiche. Queste le principali novità della riforma del lavoro a tempo parziale contenuta nel decreto legislativo 81/2015, anche se manca anc...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Contributo di licenziamento: di cosa si tratta e come funziona Contributo di licenziamento cos'è e quando è previsto L’azienda che decide di licenziare un dipendente deve sostenere una spesa obbligatoria, che prende il nome di contributo di licenziamento. Si tratta di una forma di contribuzione, introdotta dalla legge Fornero, finalizzata al finanziamento delle prestazioni di disoccupazione erogate attraverso...
dimissioni volontarie