Jobs Act part time più flessibile: ecco cosa cambia

Jobs Act part time 2015: maggiore flessibilità per i contratti a tempo parziale

Il part time diventa più flessibile con il Jobs Act. Le aziende possono utilizzare il lavoro supplementare e inserire clausole elastiche. Queste le principali novità della riforma del lavoro a tempo parziale contenuta nel decreto legislativo 81/2015, anche se manca ancora una disciplina ad hoc nel contratto collettivo nazionale. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Il lavoro supplementare, ossia quello prestato oltre l’orario pattuito dalle parti, assume una nuova veste. L’articolo 6 del Dlgs 81/2015 stabilisce infatti che, in assenza di disciplina del contratto collettivo di riferimento, il datore di lavoro può chiedere al dipendente di la prestazione di lavoro supplementare in una misura massima del 25% delle ore di lavoro settimanali concordate.

In tal caso il lavoratore può rifiutarsi di svolgere l’attività lavorativa solo in presenza di documentate esigenze lavorative, di salute, familiari o di formazione professionale. Il lavoro supplementare viene retribuito con una maggiorazione del 15% rispetto alla retribuzione oraria globale di fatto.

Jobs Act part time: come cambia il lavoro accessorio

Il nuovo regime dovrà però essere confrontato con quanto stabilito dalla sentenza 11905/2011 della Corte di Cassazione, che vede l’utilizzo continuo di lavoro supplementare in un contratto part time come un presupposto di trasformazione del contratto a tempo pieno.

Secondo la Suprema Corte, determina la conversione del contratto anche l’assenza di una specifica esigenza organizzativa dell’impresa, tale da giustificare lo svolgimento di ore lavorative in più rispetto a quelle originariamente concordate tra le parti.

Di conseguenza, se nel Ccnl non sono indicati i limiti di utilizzo del lavoro supplementare, questi dovranno essere pattuiti nel contratto individuale di lavoro. Attualmente, invece, la norma permette il lavoro supplementare anche in mancanza di indicazioni nel contratto collettivo e senza il consenso del lavoratore. Quest’ultimo infatti può rifiutare solo in determinate situazioni.

Jobs Act part time clausole elastiche

Tra le novità introdotte dal decreto troviamo anche la possibilità di pattuire clausole elastiche relative alla variazione della collocazione temporale della prestazione lavorativa. In caso di aumento dell’orario di lavoro, il dipendente ha diritto a un preavviso di due giorni lavorativi e a specifiche compensazioni stabilite dai Ccnl.

Se il contratto collettivo applicato non disciplina le clausole elastiche, queste possono essere pattuite in forma scritta dalle parti, di fronte a una commissione di certificazione. Per essere valide le clausole devono stabilire condizioni e modalità con le quali il datore di lavoro può aumentare la durata della prestazione lavorativa.

In ogni caso l’incremento non può avvenire in misura superiore al 25% della normale prestazione annua a tempo parziale. A fronte della modifica dell’orario il lavoratore riceve una maggiorazione del 15 % della retribuzione oraria globale di fatto.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act: cosa è cambiato in materia di licenziamenti? Nuovo contratto a tutele crescenti: le regole del Jobs Act per il licenziamento Entrato in vigore da più di un mese il Jobs Act ha segnato un profondo cambiamento nel mondo del lavoro, introducendo il contratto a tutele crescenti. Il D. Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015, primo decreto attuativo del Jobs Act (legge 183/2014), prevede infatti per i nuovi ...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Art 2119 codice civile e giusta causa di licenziamento Cos’è la giusta causa di licenziamento secondo l’art 2119 codice civile Un lavoratore dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato in tronco solo a fronte di una giusta causa di licenziamento. La nozione di giusta causa è espressa nell’art 2119 codice civile, che la definisce come un impedimento di una gravità tale ...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
Licenziamento ad nutum preavviso e casi di nullità Licenziamento ad nutum significato e applicazione L’ordinamento italiano prevede che il recesso da parte del datore di lavoro deve essere sorretto da una motivazione valida (giusta causa, giustificato motivo oggettivo o giustificato motivo soggettivo). Tuttavia questa regola generale non si applica in alcune limitate ipotesi, in cui il datore di l...
jobs act part time