Leggi licenziamento lavoro: le modifiche del Jobs Act

Leggi licenziamento lavoro per motivi economici

Il Jobs Act del governo Renzi ha cambiato radicalmente le normative che regolano il licenziamento dei lavorati dipendenti nel settore privato. In questo approfondimento passeremo in rassegna le maggiori modifiche apportate dalla riforma del lavoro in tema di licenziamenti, che si applicano ai neoassunti con contratto di lavoro a tutele crescenti.

Per i licenziamenti per motivi economici è stato stabilito che se il giudice accerta la non sussistenza degli estremi del licenziamento per giustificato motivo, il rapporto di lavoro è dichiarato estinto e il datore di lavoro deve pagare alla parte lesa un’indennità definita in base all’anzianità di servizio.

Questo regime si applica però solo agli assunti con contratto a tutele crescenti, dato che per i lavoratori che hanno un contratto precedente a gennaio 2015, in caso di manifesta insussistenza del fatto posto alla base del licenziamento economico, il giudice dispone il reintegro sul posto di lavoro, il pagamento di un risarcimento e il contestuale versamento dei contributi.

Leggi licenziamento lavoro per motivi disciplinari

Per quanto riguarda i licenziamenti disciplinari, invece, è previsto il pagamento di un’indennità se il giudice accerta che non vi sono gli estremi per il licenziamento per giustificato motivo, ma si ah il reintegro solo nel caso in cui venga dimostrata l’effettiva insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore.

Troviamo infine i licenziamenti collettivi per i quali è previsto lo stesso indennizzo stabilito per i licenziamenti collettivi in caso di violazione di procedure o dei criteri di scelta. Nel caso in cui il licenziamento sia però intimato senza l’osservanza della forma scritta, è previsto il reintegro sul posto di lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello...
Art 7 statuto dei lavoratori: quando scattano le sanzioni? Come sono regolate le sanzioni ai dipendenti dall’art 7 statuto dei lavoratori L’art 7 statuto dei lavoratori prevede per i datori di lavoro l’obbligo di affiggere in azienda, in un luogo accessibile a tutti, le norme e le relative sanzioni applicate in caso di infrazioni o inadempimenti contrattuali. Tali regole devono corrispondere a quanto stab...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Preavviso licenziamento: quando è previsto? Preavviso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo I Contratti Collettivi Nazionali definiscono, per ogni livello di inquadramento, un determinato periodo di preavviso che il datore di lavoro e il dipendente devono rispettare in caso di recessione unilaterale dal contratto per giustificato motivo. Istituito a tutela della parte che su...
Differenza dimissioni licenziamento: quali le principali? Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Differenza dimissioni licenziamento Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
leggi licenziamento lavoro