Lettera Licenziamento Giusta Causa

Lettera licenziamento giusta causa o giustificato motivo

Per licenziare un lavoratore è necessario che si verifichino determinate situazioni legate alla condotta del soggetto o alla riorganizzazione aziendale. Le motivazioni legate alla condotta del lavoratore si dividono in: giusta causa e giustificato motivo soggettivo.

Con l’espressione “giusta causa” si intendono tutte quelle situazioni in cui viene accertata una condotta del dipendente di una gravità tale da non permettere la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto di lavoro.

Il giustificato motivo si divide in oggettivo e soggettivo. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo si ha quando si verifica un inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore. Il giustificato motivo oggettivo, invece, è legato alla riorganizzazione dell’azienda e all’impossibilità di reinserire il lavoratore nell’attività produttiva. Questo quindi non ha nulla a che vedere con la condotta del lavoratore.

Cosa scrivere nella lettera licenziamento giusta causa

In ogni caso il licenziamento deve essere comunicato al lavoratore obbligatoriamente in forma scritta. Il datore di lavoro deve quindi redigere una lettera di licenziamento che può essere inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno oppure se consegnarla a mano al dipendente. Se si decide di consegnare la lettera a mano è necessario che il dipendente la firmi per presa visione, così che il datore di lavoro abbia una prova dell’avvenuta comunicazione.

Per quanto riguarda il contenuto della lettera di licenziamento, il datore di lavoro deve indicare chiaramente la volontà di concludere il rapporto e indicare il termine di preavviso concesso o, in alternativa, la decisione di non concedere alcun preavviso corrispondendo quindi “l’indennità di mancato preavviso”.

Questa regola vale però solo se non si tratta di un licenziamento per giusta causa, in tal caso, infatti, il datore di lavoro non è tenuto a fornire alcun preavviso. Ricordiamo infine che il datore di lavoro non è obbligato ad indicare i motivi del licenziamento nella lettera, ma se il dipendente ne fa richiesta devono essergli comunicati.

 

Licenziamento Giusta Causa

Accertamento malattia dipendente Accertamento malattia dipendente: visite fiscali Inps e ASL Le assenze dal lavoro per malattia rientrano tra le assenze giustificate, poiché la malattia altera le capacità lavorative. Il dipendente in malattia ha infatti diritto al mantenimento del proprio posto di lavoro e percepisce un’indennità. L’assenza per malattia non determina inoltre l’in...
Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Jobs Act: cosa è cambiato in materia di licenziamenti? Nuovo contratto a tutele crescenti: le regole del Jobs Act per il licenziamento Entrato in vigore da più di un mese il Jobs Act ha segnato un profondo cambiamento nel mondo del lavoro, introducendo il contratto a tutele crescenti. Il D. Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015, primo decreto attuativo del Jobs Act (legge 183/2014), prevede infatti per i nuovi ...
Jobs Act part time più flessibile: ecco cosa cambia Jobs Act part time 2015: maggiore flessibilità per i contratti a tempo parziale Il part time diventa più flessibile con il Jobs Act. Le aziende possono utilizzare il lavoro supplementare e inserire clausole elastiche. Queste le principali novità della riforma del lavoro a tempo parziale contenuta nel decreto legislativo 81/2015, anche se manca anc...
Lettera Licenziamento Giusta Causa