Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015

Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa

Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015.

La prima modifica è l’esclusione della possibilità di reintegro del dipendente sul posto di lavoro in caso di licenziamenti economici, per i quali invece è previsto un indennizzo economico con importo variabile in funzione dell’anzianità di servizio.

Il decreto limita anche il diritto alla reintegrazione per quanti hanno perso il posto a causa di licenziamenti nulli o discriminatori e per alcuni particolari casi di licenziamento disciplinare ingiustificato. Vediamo nel dettaglio come si articolano le modifiche.

Licenziamenti Jobs Act: sanzioni per licenziamento discriminatorio o nullo

In caso di licenziamento discriminatorio, che è sempre nullo, il lavoratore ha diritto alla tutela reale completa, e può quindi scegliere tra la reintegra sul posto di lavoro e un’indennità pari a 15 mensilità percepite. Il datore di lavoro invece è condannato al risarcimento delle retribuzioni spettanti al dipendente per il periodo che va dal licenziamento alla data di reintegra e al pagamento dei relativi i contributi previdenziali.

Le stesse conseguenze sono previste anche per gli altri licenziamenti nulli, ad esempio quelli in violazione dei divieti di licenziamento per fruizione di congedi di maternità, paternità e parentali, e quelli inefficaci per mancanza di forma scritta.

Per illegittimo licenziamento per giustificato motivo oggettivo invece il giudice dichiara estinto il rapporto di lavoro e condanna il datore di lavoro al pagamento di un indennizzo di importo pari a 2 mensilità (1 per le aziende con meno di 15 dipendenti) per ogni anno di servizio. In ogni caso la somma deve essere compresa tra 4 e 24 mensilità (tra 2 e 6 per le imprese sotto i 15 dipendenti).

Licenziamenti Jobs Act disciplinari

Per i contratti stipulati prima dell’entrata in vigore del decreto, in mancanza di giustificato motivo oggettivo sono previste le stesse tutele del licenziamento discriminatorio. Troviamo poi i licenziamenti disciplinari, ossa per giustificato motivo soggettivo e giusta causa.

In questi casi, se il giudice ritiene che la causa del licenziamento sia reale, ma non giustifichi la recessione dal contratto dichiara estinto il rapporto di lavoro e condanna il datore di lavoro al pagamento di un’indennità. L’importo dell’indennizzo viene definito seguendo le stesse regole indicate per il licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Se invece il giudice rileva l’illegittimità del licenziamento, in quanto il fatto contestato non sussiste, si ha la tutela reale attenuata. In altre parole il lavoratore ha diritto di scegliere tra la reintegra e un’indennità pari a 15 mensilità. Il datore di lavoro è condannato al risarcimento delle retribuzioni e al pagamento dei contributi previdenziali.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Differenza dimissioni licenziamento: quali le principali? Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Reperibilità malattia: cosa succede in caso di violazione? A cosa serve la visita fiscale e come richiederla La disciplina vigente in materia di controlli medico fiscali stabilisce che il datore di lavoro non può effettuare accertamenti diretti in merito allo stato patologico di un suo dipendente assente per malattia. Tali verifiche infatti devono essere richieste all’Inps o all’Asl di zona, che si occupe...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori? Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. M...
Visita fiscale online e perdita dei diritti Visita fiscale online malattia 2015 Il dipendente assente dal lavoro per malattia ha il diritto alla conservazione del proprio posto di lavoro e riceve un trattamento economico definito in base al contratto collettivo applicabile alla propria posizione e al periodo di assenza, come stabilito dalla legge vigente. Per usufruire di questi benefici il...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
licenziamenti jobs act