Licenziamento ad nutum preavviso e casi di nullità

Licenziamento ad nutum significato e applicazione

L’ordinamento italiano prevede che il recesso da parte del datore di lavoro deve essere sorretto da una motivazione valida (giusta causa, giustificato motivo oggettivo o giustificato motivo soggettivo). Tuttavia questa regola generale non si applica in alcune limitate ipotesi, in cui il datore di lavoro non è tenuto ad asserire o dimostrare nulla per interrompere il rapporto con il dipendente.

In queste situazioni si parla di recesso ad nutum, ossia senza motivazione. In base a quanto definito dall’art. 2118 del Codice Civile, ciascuna delle due parti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, a patto che fornisca una adeguato preavviso.

In mancanza di preavviso, il recedente è tenuto a pagare all’altra parte un’indennità pari all’importo della retribuzione che sarebbe spettata al dipendente per il periodo di preavviso. Indennità che in caso di cessazione del rapporto per morte del dipendente, è dovuta dal datore di lavoro.

Licenziamento ad nutum dirigente e per altre tipologie di contratto

Nel corso degli anni la possibilità per il datore di lavoro di recedere ad nutum si è sensibilmente ridotta. In seguito alle modifiche apportate con la legge n. 108/1990 infatti al datore di lavoro ha la facoltà di licenziare senza comunicarne al dipendente la decisione per iscritto, e senza motivarla, solo per le seguenti tipologie di contratto.

  • Personale inquadrato con qualifica di dirigente
  • Rapporti di lavoro domestico (art. 4, co. 1, della L. 11.5.1990, n. 108)
  • Lavoratori che svolgono il periodo di prova (art. 10, Legge n. 604 del 15.7.1966,)
  • Apprendisti che hanno terminato il periodo di formazione obbligatoria (nel periodo di preavviso però continua a trovare applicazione la disciplina prevista per il contratto di apprendistato).
  • Atleti professionisti (legge n. 91 del 23.3.1981; D.M. 13.3.1985).
  • Lavoratori che hanno già maturato i requisiti necessari per accedere alla pensione di vecchiaia e che abbiano più di 70 anni, ovvero che abbiano superato il limite di flessibilità per l’accesso alla pensione previsto dall’art. 24, co. 4, D.L. 6.12.2011, n. 201 (poi convertito in L. 22.12.2011, n. 214).

Licenziamento ad nutum 2015: quando è nullo

Nei casi in cui è consentito, il licenziamento ad nutum può essere esercitato esclusivamente nei confronti di dipendenti assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il datore di lavoro risolve ad nutum un contratto a termine è tenuto a risarcire i danni al dipendente licenziato.

Va tuttavia precisato che il licenziamento ad nutum, anche nei casi sopracitati, è nullo se il lavoratore dimostra che in realtà si tratta di licenziamento illecito, poiché intimato per ragioni discriminatorie di tipo religioso, sindacale, politico, razziale, di lingua o di sesso.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act: cosa è cambiato in materia di licenziamenti? Nuovo contratto a tutele crescenti: le regole del Jobs Act per il licenziamento Entrato in vigore da più di un mese il Jobs Act ha segnato un profondo cambiamento nel mondo del lavoro, introducendo il contratto a tutele crescenti. Il D. Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015, primo decreto attuativo del Jobs Act (legge 183/2014), prevede infatti per i nuovi ...
Riforma articolo 18 licenziamenti Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratt...
Contributo di licenziamento: di cosa si tratta e come funziona Contributo di licenziamento cos'è e quando è previsto L’azienda che decide di licenziare un dipendente deve sostenere una spesa obbligatoria, che prende il nome di contributo di licenziamento. Si tratta di una forma di contribuzione, introdotta dalla legge Fornero, finalizzata al finanziamento delle prestazioni di disoccupazione erogate attraverso...
Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
Preavviso licenziamento: quando è previsto? Preavviso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo I Contratti Collettivi Nazionali definiscono, per ogni livello di inquadramento, un determinato periodo di preavviso che il datore di lavoro e il dipendente devono rispettare in caso di recessione unilaterale dal contratto per giustificato motivo. Istituito a tutela della parte che su...
Leggi licenziamento lavoro: le modifiche del Jobs Act Leggi licenziamento lavoro per motivi economici Il Jobs Act del governo Renzi ha cambiato radicalmente le normative che regolano il licenziamento dei lavorati dipendenti nel settore privato. In questo approfondimento passeremo in rassegna le maggiori modifiche apportate dalla riforma del lavoro in tema di licenziamenti, che si applicano ai neoassu...
Dimissioni volontarie online Dimissioni volontarie online: la nuova procedura introdotta dal Jobs Act L’entrata in vigore dei decreti attuativi Jobs Act ha modificato la procedura di presentazione delle dimissioni volontarie. Il Governo e il Ministero del Lavoro sono già al lavoro per mettere a punto un nuovo modulo per le dimissioni online, attraverso il quale i lavoratori p...
licenziamento ad nutum