Riforma articolo 18 licenziamenti

Riforma Articolo 18 licenziamenti: cosa cambia per i neoassunti

Il Jobs Act varato dal Governo Renzi definisce una riforma dell’articolo 18 e una conseguente modifica delle norme previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Per i nuovi assunti vigono, infatti, regole diverse da quelle applicate a quanti sono già in possesso di contratto di lavoro a tempo indeterminato, per quanto riguarda la possibilità di reintegro sul posto di lavoro.

Il Jobs Act ha introdotto inoltre, per i neoassunti con contratto a tutele crescenti, l’opportunità di arrivare ad una conciliazione con il datore di lavoro. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le novità e quando si applicano.

Riforma articolo per chi vale il diritto al reintegro

Il diritto al reintegro sul posto di lavoro rimane in caso di licenziamento discriminatorio o riconducibile a casi di nullità (gravidanza, matrimonio, diritti legati a maternità e paternità ecc.), nonché per i licenziamenti comunicati in forma orale.

Il dipendente può essere reintegrato sul posto di lavoro anche in caso di licenziamento per motivi disciplinari, a condizione che, in giudizio, si stata dimostrata l’insussistenza del fatto che avrebbe condotto alla cessazione del rapporto di lavoro.

In caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo, giustificato motivo soggettivo o giusta causa decade invece il diritto al reintegro, previsto dall’articolo 18, che è stato sostituito da un indennizzo di tipo economico.

Per il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ossia avvenuto per ragioni economiche, non è più previsto il reintegro sul posto di lavoro. Il lavoratore ha invece diritto a tornare su proprio posto di lavoro in caso di licenziamento disciplinare, a condizione che la motivazione presentata dall’azienda risulti inesistente. In altre parole il dipendente può essere reintegrato solo se si dimostra che il fatto a lui cointestato non si è in realtà verificato.

Riforma Articolo 18 e Licenziamento: come funziona la procedura di conciliazione

Per quanto riguarda la procedura di conciliazione, introdotta dal Jobs Act, è prevista la rinuncia, da parte del lavoratore, ad impugnare il licenziamento, anche se questi avesse già avviato una procedura in tal senso.

Il datore di lavoro offre al dipendente un risarcimento pari a una mensilità per ogni anno di servizio, il cui importo, in ogni caso, deve essere compreso tra due e diciotto mensilità. In caso il dipendente accetti l’offerta il datore di lavoro è tenuto a pagare l’indennità tramite assegno circolare. Dal punto di vista fiscale, l’indennizzo percepito non è soggetto a tassazione IRPEF e non prevede il versamento di contribuzione previdenziale.

 

Licenziamento Giusta Causa

Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Preavviso licenziamento: quando è previsto? Preavviso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo I Contratti Collettivi Nazionali definiscono, per ogni livello di inquadramento, un determinato periodo di preavviso che il datore di lavoro e il dipendente devono rispettare in caso di recessione unilaterale dal contratto per giustificato motivo. Istituito a tutela della parte che su...
Differenza dimissioni licenziamento Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Accertamento malattia dipendente Accertamento malattia dipendente: visite fiscali Inps e ASL Le assenze dal lavoro per malattia rientrano tra le assenze giustificate, poiché la malattia altera le capacità lavorative. Il dipendente in malattia ha infatti diritto al mantenimento del proprio posto di lavoro e percepisce un’indennità. L’assenza per malattia non determina inoltre l’in...
Dimissioni volontarie e disoccupazione Dimissioni volontarie e disoccupazione 2015: chi ha diritto all’indennità I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’Inps. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavor...
Visita fiscale online e perdita dei diritti Visita fiscale online malattia 2015 Il dipendente assente dal lavoro per malattia ha il diritto alla conservazione del proprio posto di lavoro e riceve un trattamento economico definito in base al contratto collettivo applicabile alla propria posizione e al periodo di assenza, come stabilito dalla legge vigente. Per usufruire di questi benefici il...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Riforma Articolo 18