Conciliazione licenziamento: guida sulle procedure da seguire

Conciliazione licenziamento individuale: quali le procedure? Quando utilizzarle?

Con il Jobs Act il Governo Renzi ha modificato la normativa riguardante la conciliazione in caso di licenziamento di un lavoratore dipendente. A seconda della situazione, in caso di contenzioso sul lavoro, è possibile applicare una delle seguenti procedure: conciliazione facoltativa, preventiva e a tutele crescenti. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Conciliazione facoltativa. Con il Dlgls n.183/2010, il tentativo di conciliazione difronte alla Commissione della Direzione Provinciale del Lavoro è tornato facoltativo. In altre parole, in caso di controversia individuale le parti possono scegliere se rivolgersi o meno al giudice.

È possibile ricorrere alla conciliazione facoltativa solo se la vertenza ha come oggetto uno delle seguenti argomenti:

  • pretesa retributiva
  • costituzione del rapporto di lavoro
  • violazione del dovere di fedeltà
  • violazione del patto di non concorrenza
  • impugnazione del licenziamento
  • illegittime modalità di attuazione del diritto di sciopero
  • risarcimento danni
  • violazione di obblighi di sicurezza e igiene sul lavoro.

Ma qual è la procedura da seguire? La parte che propone la conciliazione (dipendente o datore di lavoro) presenta domanda presso la Segreteria delle Commissioni provinciali competente. la controparte ha 20 giorni a partire dalla data della richiesta, o da quella di ricezione dell’istanza al convenuto, per depositare le proprie memorie e le eventuali domande in via riconvenzionale.

Nei successivi 10 giorni, le due parti saranno convocate dinanzi a una commissione della DPL per effettuare il tentativo di conciliazione. Nel caso si raggiunga un accordo, anche parziale, viene redatto un verbale sottoscritto dalle due parti. Il giudice del lavoro, su istanza di parte, rende poi esecutivo il decreto. Se invece non si raggiunge l’accordo conciliativo, la commissione deve sottoporre alle parti una proposta conciliativa da inserire a verbale.

Conciliazione licenziamento per giustificato motivo oggettivo: la conciliazione preventiva

Conciliazione preventiva. Si tratta di una procedura obbligatoria per i datori di lavoro che contano più di 15 dipendenti in una singola unità produttiva, o più di 60 a livello nazionale. la normativa vigente prevede però l’obbligo di applicare la conciliazione preventiva solo per i licenziamenti avvenuti per giustificato motivo oggettivo.

Prima di procedere al licenziamento, il datore di lavoro deve intraprendere la conciliazione preventiva, volta all’esame congiunto dei motivi alla base del licenziamento e al raggiungimento di un eventuale accordo tra le parti. Vediamo l’iter da seguire.

Il datore di lavoro invia alla Direzione Territoriale del Lavoro una comunicazione in cui dichiara la volontà di licenziare il dipendente. Entro 7 giorni dalla ricezione, la DTL convoca le parti. In caso di mancata convocazione entro il termine stabilito, è possibile procedere al licenziamento. In caso contrario, l’incontro si svolge dinanzi alla Commissione di Conciliazione e la procedura deve concludersi entro 20 giorni dalla trasmissione della convocazione.

Nel caso il tentativo di conciliazione abbia esito positivo e preveda la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, il dipendente (in deroga alla disciplina ordinaria) avrà diritto alla nuova indennità di disoccupazione Aspi.

Conciliazione licenziamento per dipendenti a tutele crescenti

Conciliazione a tutele crescenti. Introdotta dal Jobs Act, questa nuova tipologia di conciliazione si applica esclusivamente ai contenziosi sorti per:

  • lavoratori trasformati da lavoro a termine a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015
  • lavoratori assunti a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015
  • lavoratori qualificati da un rapporto di apprendistato dal 7 marzo 2015.

In caso di licenziamento di un dipendente assunto a tutele crescenti, il datore di lavoro può ricorre alla conciliazione al fine di evitare l’impugnazione del licenziamento. In questo modo al lavoratore viene offerto un risarcimento con importo pari a 1 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per ogni anno di servizio. In ogni caso l’indennità dovrà essere compresa tra 2 e 18 mensilità.

Se il lavoratore accetta, il rapporto si estingue e il dipendente rinuncia all’impugnazione anche nel caso in cui la procedura sia stata già attivata. La somma versata dal datore di lavoro non costituisce reddito imponibile ai fini fiscali e non è assoggettato a contribuzione previdenziale.

Ricordiamo infine che il datore di lavoro che utilizza la conciliazione a tutele crescenti, a prescindere dall’esito della trattativa, è tenuto ad effettuare una comunicazione obbligatoria tramite procedura “UNILAV – Conciliazione” sul portale Cliclavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
Jobs Act conciliazione delle controversie Jobs act conciliazione delle controversie e contratto a tutele crescenti Tra le tante novità apportate dal Jobs Act, troviamo l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che ha riscritto la disciplina per i licenziamenti individuali e ha modificato lo strumento della conciliazione, atto a sanare le eventuali controversie tra datore di lavoro ...
Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiede...
Jobs Act, controlli sul lavoro: contrario il Garante della Privacy Novità Jobs Act, controlli sul lavoro: parare contrario del Garante della Privacy Novità sul fronte dei controlli sul lavoro introdotti nel decreto attuativo del Jobs Act. Per il Garante della Privacy il controllo a distanza compiuto su telefonini e computer dei dipendenti sarebbe “invasivo”. L’intervento di Antonello Soro, presidente dell'autorit...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Jobs Act 2015, in piazza a Modena per cancellare Riforma Jobs Act 2015: a Modena manifestazioni per la cancellazione della riforma Erano più di mille i lavoratori che il 26 maggio sono scesi in piazza per manifestare nei tre presidi di Modena: Bomporto, Castelnuovo e Finale Emilia. Questo il risultato della mobilitazione di Cgil e Uil contro il Jobs Act e le altre politiche economiche del Governo Renzi,...
Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016 Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016 Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l'indennità di maternità verrà ricon...
conciliazione licenziamento