Conto corrente online: Migliori offerte per rendimenti giugno 2017

Scegliere un conto corrente online non è mai semplice, anche perché bisogna valutare moltissimi fattori. Ci sono tanti istituti di credito che determinano le migliori offerte per rendimenti giugno 2017. Per fare chiarezza sulla terminologia utilizzata, possiamo dire che il rendimento di un conto corrente è relativo agli interessi che vengono riconosciuti sulle somme depositate e si divide in rendimento netto e rendimento lordo. Il rendimento netto viene calcolato al netto delle spese di gestione del conto stesso.

 

Uno dei migliori conti correnti online con migliori offerte per rendimenti giugno 2017 è sicuramente il Rendimax Top di Banca Ifis. Su un deposito totale di 10.000 euro e il vincolo di 12 mesi, questo conto è sicuramente quello che presenta un maggior tasso di interesse. Ci sono delle limitazioni, ma il tasso effettivo è di circa l’1.49%: in totale il guadagno netto sarà di circa 296.00 € al netto delle spese.

 

Anche il conto proposto da MeglioBanca è sicuramente uno dei migliori per rendimento: gli interessi netti sono di circa 256.00 €, con un tasso di 1.31%. In questo caso le somme possono essere svincolate e il tasso lordo è di circa il 2%.

 

Anche IBL Banca presenta il ContoSuibl vincolato: in questo caso gli interessi al netto sono minori, con un tasso effettivo di 1.20%. Ma rispetto ai due prodotti precedentemente visti si ha un tasso a regime dello 0.54%. Interessante anche il ContoProgetto dell’istituto di credito omonimo. In questo caso il guadagno netto sarà di 236.00€ circa, con un tasso effettivo di 1.19%.

 

Importante anche qui il tasso di regime, che rimane invariato: questo valore indica quale sarà il tasso di regime con cui verranno calcolati gli interessi senza eventuali promozioni (o al termine di determinate promozioni sui tassi al momento dell’apertura) e dunque è molto importante per il guadagno su cifre depositate in futuro.

 

Nelle migliori offerte per rendimenti giugno 2017, troviamo anche il Conto IOscelgo proposto da Banca Santander. Questo conto si basa su un tasso lordo dell’ 1.60%, che rimarrà tale anche in caso di svincolo. Il Tasso netto è invece dello 0.98%, che permetterà un guadagno di 196.80 € netti.

 

Anche Banca Privata Leasing mette a disposizione un buon rendimento, con un guadagno di 196.80 € netti: in questo caso il tasso effettivo è dell’1%, con un tasso a regime dello 0.54%. Il tasso lordo si attesta sull’ 1.60%, con una riduzione all’ 1% in caso di svincolo delle somme.

 

È molto importante valutare tantissimi parametri: durante l’apertura di un conto corrente online bisogna valutare tantissimi fattori che andranno successivamente ad influire nel tempo. Quando si scelgono le migliori offerte per rendimenti giugno 2017, bisogna fare molta attenzione ai tassi di interesse, ma soprattutto ai parametri che vengono impostati dall’istituto di credito.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016 Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016 Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l'indennità di maternità verrà ricon...
Taglio costo del lavoro 2016 Taglio costo del lavoro per il 2016 Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia:...
Jobs Act controlli a distanza su Pc e telefonini Jobs Act controlli a distanza: riletto l’articolo 4 Dopo la cancellazione dell’articolo 18, dallo Statuto dei lavoratori viene rimosso anche l’art 4. È questa la principale conseguenza della Riforma del mercato del lavoro, che introduce la possibilità per le aziende di controllare a distanza i propri dipendenti utilizzando audiovisivi, (come compu...
I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Jobs Act e demansionamento: la questione legittimità Jobs Act e demansionamento: cosa cambia con i nuovi decreti attuativi Con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act è stato introdotto il demansionamento dei lavoratori. Ma cosa significa? Quali sono gli effetti? Il demansionamento consiste nell’assegnazione di mansioni inferiori a quelle per le quali è stato assunto. La normativa...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
Jobs Act pensioni anticipate grazie al part time Jobs Act pensioni 2015: lavoratori dipendenti in pensione con il part time In pensione con il part time. È questa la nuova misura messa a punto dal Jobs Act per consentire ai lavoratori italiani di accedere al pensionamento anticipato. Introdotta dal comma 5 dell’articolo 41 del Dlgs 148/2015 la trasformazione da full time a part time si applica a...
contributo di licenziamento