Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act

Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie

Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. Le questioni al centro delle polemiche sarebbero il diritto di ripensamento e i comportamenti concludenti.

Intanto Camera e Senato puntano a rendere la materia il più semplice e razionale possibile. Entrambe le aule, comunque, si sono espresse con parere favorevole sullo schema del decreto legislativo, apportando solo alcune osservazioni. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le modifiche apportate dalla riforma del lavoro in merito alla presentazione della domanda di licenziamento e alla possibilità di ritirare l’istanza.

Dimissioni on line: moduli per la domanda e ripensamento

Lo schema del decreto prevede che le dimissioni possano essere inoltrate esclusivamente per via telematica, pena l’inefficacia della risoluzione del contratto di lavoro. Il soggetto che desidera dimettersi può inviare la comunicazione di dimissioni autonomamente oppure affidarsi a intermediari abilitati, come patronati, sindacati o enti bilaterali.

I moduli per l’invio delle dimissioni on line sono resi disponibili dal Ministero del lavoro, che li trasmette al datore di lavoro e alla Direzione territoriale di competenza. Il dipendente ha la possibilità di revocare le dimissioni nei sette giorni successivi alla comunicazione. Scaduto tale termine, decade il diritto di ripensamento.

Al momento non sono ancora state stabilite le modalità per l’invio della domanda e i criteri da applicare per individuare la data certa di trasmissione. Secondo quanto definito dallo schema del decreto presentato in Parlamento, però, sono esclusi dalla normativa il lavoratori domestici e i soggetti che ricoprono le cosiddette sedi protette.

Licenziamento per dimissioni volontarie in caso di assenza prolungata del dipendente

Per quanto riguarda i comportamenti concludenti, la questione principale è se l’assenza perdurante del dipendente dal posto di lavoro possa essere considerata una dimostrazione della volontà di recesso. In una recente sentenza la Cassazione ha interpretato un simile caso come “licenziamento orale”, e quindi inefficace, ribadendo che l’onere della prova spetta al datore di lavoro.

La proposta presentata dalla Camera, però, va in senso opposto. L’idea sarebbe di confermare per legge che, se il dipendente si assenta dal posto di lavoro per un periodo superiore a sette giorni, senza aver fornito alcuna comunicazione in merito, il contratto è da considerarsi risolto per dimissioni volontarie. Ipotesi che sarebbe possibile anche senza la sottoscrizione del relativo modulo.

 

Licenziamento Giusta Causa

Taglio costo del lavoro 2016 Taglio costo del lavoro per il 2016 Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia:...
Licenziamenti pubblica amministrazione: ora è più facile Revoca dell’incarico e licenziamenti pubblica amministrazione: nuova delega al ddl Licenziamenti più facili e stretta sulle assenze, con il trasferimento all’Inps dei controlli in caso di malattia. Ruolo unico per i dirigenti, che potranno fare carriera solo se riceveranno valutazioni positive, avranno incarichi a tempo determinato e potranno anch...
Jobs Act e cassa integrazione: cosa ci aspetta dal 2016 Jobs Act e cassa integrazione: cosa cambia con la riforma del lavoro Oltre ad affiancare il sostegno al reddito dei lavoratori disoccupati, il riordino degli ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act sottolinea l’abolizione della cassa integrazione in deroga a partire dal 2016. Rimarranno in vigore la cassa integrazione ordinaria e straordin...
Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiede...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Jobs Act conciliazione delle controversie Jobs act conciliazione delle controversie e contratto a tutele crescenti Tra le tante novità apportate dal Jobs Act, troviamo l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che ha riscritto la disciplina per i licenziamenti individuali e ha modificato lo strumento della conciliazione, atto a sanare le eventuali controversie tra datore di lavoro ...
Jobs Act lavoro a tempo parziale più flessibile Jobs Act lavoro a tempo parziale: le nuove regole di flessibilità Il “Codice dei contratti” del Jobs Act modifica la disciplina del lavoro a tempo parziale, intervenendo su aspetti sostanziali. Nello specifico gli artt. 4-12 della sezione I del Capo II del decreto n. 81/2015 (“Lavoro ad orario ridotto e flessibile”) prevedono, in materia di rappor...
Jobs Act decreti attuativi: finiscono così cococo e cocopro Jobs Act decreti attuativi 2015: ecco cosa cambierà Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera definitivo per i due decreti attuativi del Jobs act relativi alle misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro e al testo organico semplificato delle tipologie contrattuali. Arriva il sì, in questo caso il primo, anche per...
dimissioni on line