Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento

Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali

Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiedere attraverso un’apposita istanza, di essere “demansionato” a funzionario.

Possibilità, specifica l’emendamento, attiva solo per i dirigenti collocati in disponibilità, “in deroga all’articolo 2103 del codice civile – che regola le mansioni – nei ruoli delle pubbliche amministrazioni”. Il testo presentato dai più gruppi parlamentari, è passato il 2 luglio in commissione Affari Costituzionali alla Camera, dove le votazioni continueranno anche la prossima settimana. Il provvedimento dovrebbe arrivare nell’Aula di Montecitorio per la metà del mese.

In arrivo anche una stretta sui dirigenti pubblici. Gli incarichi dirigenziali nella P.A., infatti, potranno essere rinnovati, senza l’attivazione di una nuova selezione, solo una volta e per un periodo massimo di due anni. La proroga dovrà inoltre essere giustificata e supportata da un giudizio positivo sull’operato del dirigente durante il primo mandato.

Assegnazione degli incarichi a dirigenti pubblici

Sarebbero questi i nuovi paletti per il conferimento degli incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni. Una manovra, quella proposta con l’emendamento al ddl Madia, che mira a dare più spazio ai più giovani e al merito. A firmare le novità è stato l’onorevole Ernesto Carbone, relatore del testo.

Altra importante novità introdotta dall’emendamento è quella di non conferire posizioni direttive ai soggetti vicini alla pensione, ossia a “ad avvocati dello Stato che debbano essere collocati a riposo entro quattro anni dalla data di avvio della procedura selettiva”. L’emendamento stabilisce inoltre che l’incarico di vice avvocato generale e quello di avvocato distrettuale dello Stato hanno natura temporanea, e verranno conferiti per la durata di quattro anni. Al termine di tale periodo, l’incarico potrà essere rinnovato per una sola volta e per uguale periodo, o fino alla data del collocamento a riposo del dipendente, se anteriore.

Con l’entrata in vigore del provvedimento, le nuove norme si applicheranno non solo ai nuovi dirigenti, ma anche a quelli con incarichi in corso. L’emendamento specifica infatti che gli incarichi conferiti da oltre quattro anni, cesseranno dopo sei mesi dall’entrata in vigore della legge, salvo rinnovo. In tal caso è comunque prevista la possibilità di rinnovo per una sola volta (quattro anni).

Dirigenti pubblici licenziabili: le proposte di legge già approvate

L’emendamento prevede inoltre che nei suoi pareri il Consiglio degli Avvocati e Procuratori dello Stato applichi il criterio della rotazione nell’attribuzione degli incarichi, e che tenga conto delle attitudini organizzative e relazionali del candidato, nonché della professionalità acquisita e desunta da indici di merito.

Il due luglio sono inoltre state approvate due proposte di legge. La prima prevede che nei concorsi pubblici a fare la differenza non sarà solo il voto di laurea, ma conterà anche l’università presso cui il candidato ha studiato. La seconda riguarda invece i dirigenti pubblici, che, se privi di incarico per un certo periodo, potranno essere licenziati. Ai fini del licenziamento però è necessaria anche una “bocciatura” da parte dell’amministrazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act e lavoro: l’occupazione non aumenta Jobs Act e lavoro subordinato: le assunzioni non sono aumentate Il Jobs Act non ha aumentato l’occupazione. Questo è ciò che si evince dai dati dell’Istat, confermando l’incertezza del mercato del lavoro che negli ultimi mesi ha visto alternarsi risultati positivi e negativi. Sembra quindi che le misure adottate dal Governo Renzi non riescano anco...
Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014 Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il suc...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
Naspi Inps: partono le erogazioni. Ecco come richiederla Naspi Inps domanda: attivate le procedure dal 15 luglio Dal 15 luglio 2015 è possibile usufruire della Naspi. È questa la novità che sta mettendo in moto migliaia di disoccupati italiani per la richiesta della nuova misura di sostengo al reddito. Dopo oltre due mesi di rodaggio, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act è divent...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
dirigenti pubblici