Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento

Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali

Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiedere attraverso un’apposita istanza, di essere “demansionato” a funzionario.

Possibilità, specifica l’emendamento, attiva solo per i dirigenti collocati in disponibilità, “in deroga all’articolo 2103 del codice civile – che regola le mansioni – nei ruoli delle pubbliche amministrazioni”. Il testo presentato dai più gruppi parlamentari, è passato il 2 luglio in commissione Affari Costituzionali alla Camera, dove le votazioni continueranno anche la prossima settimana. Il provvedimento dovrebbe arrivare nell’Aula di Montecitorio per la metà del mese.

In arrivo anche una stretta sui dirigenti pubblici. Gli incarichi dirigenziali nella P.A., infatti, potranno essere rinnovati, senza l’attivazione di una nuova selezione, solo una volta e per un periodo massimo di due anni. La proroga dovrà inoltre essere giustificata e supportata da un giudizio positivo sull’operato del dirigente durante il primo mandato.

Assegnazione degli incarichi a dirigenti pubblici

Sarebbero questi i nuovi paletti per il conferimento degli incarichi dirigenziali nelle pubbliche amministrazioni. Una manovra, quella proposta con l’emendamento al ddl Madia, che mira a dare più spazio ai più giovani e al merito. A firmare le novità è stato l’onorevole Ernesto Carbone, relatore del testo.

Altra importante novità introdotta dall’emendamento è quella di non conferire posizioni direttive ai soggetti vicini alla pensione, ossia a “ad avvocati dello Stato che debbano essere collocati a riposo entro quattro anni dalla data di avvio della procedura selettiva”. L’emendamento stabilisce inoltre che l’incarico di vice avvocato generale e quello di avvocato distrettuale dello Stato hanno natura temporanea, e verranno conferiti per la durata di quattro anni. Al termine di tale periodo, l’incarico potrà essere rinnovato per una sola volta e per uguale periodo, o fino alla data del collocamento a riposo del dipendente, se anteriore.

Con l’entrata in vigore del provvedimento, le nuove norme si applicheranno non solo ai nuovi dirigenti, ma anche a quelli con incarichi in corso. L’emendamento specifica infatti che gli incarichi conferiti da oltre quattro anni, cesseranno dopo sei mesi dall’entrata in vigore della legge, salvo rinnovo. In tal caso è comunque prevista la possibilità di rinnovo per una sola volta (quattro anni).

Dirigenti pubblici licenziabili: le proposte di legge già approvate

L’emendamento prevede inoltre che nei suoi pareri il Consiglio degli Avvocati e Procuratori dello Stato applichi il criterio della rotazione nell’attribuzione degli incarichi, e che tenga conto delle attitudini organizzative e relazionali del candidato, nonché della professionalità acquisita e desunta da indici di merito.

Il due luglio sono inoltre state approvate due proposte di legge. La prima prevede che nei concorsi pubblici a fare la differenza non sarà solo il voto di laurea, ma conterà anche l’università presso cui il candidato ha studiato. La seconda riguarda invece i dirigenti pubblici, che, se privi di incarico per un certo periodo, potranno essere licenziati. Ai fini del licenziamento però è necessaria anche una “bocciatura” da parte dell’amministrazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento per permessi legge 104 Licenziamento per permessi legge 104, legittimo anche in mancanza del codice Con la sentenza n. 8784 del 30 aprile 2015 la Corte di Cassazione ha definito legittimo il licenziamento per utilizzo improprio dei permessi legge 104/92, anche in caso di mancata affissione in azienda del codice disciplinare. La decisione della Suprema Corte si basa n...
Jobs Act e cassa integrazione: cosa ci aspetta dal 2016 Jobs Act e cassa integrazione: cosa cambia con la riforma del lavoro Oltre ad affiancare il sostegno al reddito dei lavoratori disoccupati, il riordino degli ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act sottolinea l’abolizione della cassa integrazione in deroga a partire dal 2016. Rimarranno in vigore la cassa integrazione ordinaria e straordin...
Jobs Act, controlli sul lavoro: contrario il Garante della Privacy Novità Jobs Act, controlli sul lavoro: parare contrario del Garante della Privacy Novità sul fronte dei controlli sul lavoro introdotti nel decreto attuativo del Jobs Act. Per il Garante della Privacy il controllo a distanza compiuto su telefonini e computer dei dipendenti sarebbe “invasivo”. L’intervento di Antonello Soro, presidente dell'autorit...
Jobs Act lavoro stagionale: contratti anche oltre 36 mesi Jobs Act lavoro stagionale cosa cambia con il D.Lgs. 81/2015 Sono scattate le novità per il lavoro stagionale. A fine giugno è entrato in vigore il D.Lgs. 81/2015, quarto decreto attuativo del Jobs Act. La nuova normativa riscrive la disciplina di molti contratti di lavoro modificando sia il Codice Civile, che diverse leggi. Al centro della riform...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
dirigenti pubblici