Jobs Act 2015, in piazza a Modena per cancellare Riforma

Jobs Act 2015: a Modena manifestazioni per la cancellazione della riforma

Erano più di mille i lavoratori che il 26 maggio sono scesi in piazza per manifestare nei tre presidi di Modena: Bomporto, Castelnuovo e Finale Emilia. Questo il risultato della mobilitazione di Cgil e Uil contro il Jobs Act e le altre politiche economiche del Governo Renzi, considerate inadeguate ad affrontare la crisi e i suoi effetti sociali.

Sostenuta anche da scioperi di categoria, la manifestazione ha visto alternarsi delegati e i sindacalisti di Cgil e Uil che hanno espresso rivendicazioni specifiche contro le misure introdotte dal Governo, sottolineando che i segnali di ripartenza sono ancora molto timidi e legati principalmente alle aziende che esportano. Al presidio di Finale Emilia presenti anche i segretari provinciali di Cgil e Uil, Tania Scacchetti e Luigi Tollari.

I sindacati hanno ribadito inoltre che l’aumento delle assunzioni con contratti a tutele crescenti non è sinonimo di nuova occupazione, ma nella maggior parte dei casi si tratta di una trasformazione di contratti già in essere. L’incremento delle assunzioni con le tutele crescenti, comunque, sarebbe dovuto principalmente agli sgravi contributivi previsti dalla legge di Stabilità.

Questa, in sintesi, la sentenza dei sindacati che si battono per la cancellazione di una riforma definita inadatta a ridurre la precarizzazione del lavoro che affligge ormai da anni il nostro paese.

Jobs Act 2015, sciopero a Modena: cosa dicono i sindacati

Secondo le associazioni sindacali infatti, questo nuovo tipo di contratto, “anziché ridurre le disparità nel mondo del lavoro allargando diritti e tutele, alimenta nuove divisioni tra vecchi e nuovi assunti”. E ovviamente sono questi ultimi a pagarne il prezzo, essendo privati di importanti tutele previste dallo Statuto dei lavoratori.

Alla fine dei presidi, una delegazione sindacale, con i portavoce di Cgil e Uil, è stata ricevuta dal prefetto e dal direttore dell’Inps di Modena per illustrare le ragioni che hanno condotto alla mobilitazione e le preoccupazioni delle associazioni in merito sulla situazione degli ammortizzatori sociali nella provincia.

Tra pochi giorni, infatti, scadrà il finanziamento per il 2015 della cassa integrazione in deroga, strumento che ha interessato circa 22 mila lavoratori in tutta l’Emilia Romagna, di cui 4 mila modenesi.

Ma quello di Modena non è certo un caso isolato. Dopo lo sciopero nazionale dei trasporti pubblici dello scorso 15 maggio, le associazioni sindacali stanno organizzando manifestazioni in varie città d’Italia. Lo scopo è sempre lo stesso, cancellare il Jobs Act. L’appoggio sembra arrivare anche da enti esterni ai sindacati. Oggi a Piacenza è prevista, dalle 17 alle 19, una mobilitazione proclamata dalla Camera del Lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Taglio costo del lavoro 2016 Taglio costo del lavoro per il 2016 Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia:...
Jobs Act cassa integrazione: come funziona la nuova cig Modifiche Job Act cassa integrazione: le norme in vigore dal 24 settembre La nuova cassa integrazione è finalmente in vigore. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale degli ultimi quattro decreti attuativi, il Jobs act è arrivato al capolinea. Tra le novità introdotte dalla riforma del lavoro non mancano i cambiamenti in materia di cassa integra...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Licenziamenti Auchan, a rischio oltre 1400 posti di lavoro Sciopero dei lavoratori contro i licenziamenti Auchan 2015 Scioperi e proteste nelle piazze di tutta Italia contro i licenziamenti Auchan. È successo lo scorso 9 maggio, quando folle di lavoratori sono scese nelle strade italiane per manifestare contro il piano di rilancio avviato dal noto gruppo francese. Auchan ha infatti recesso in modo unil...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Orari controllo Inps 2015: quali sanzioni in caso di assenza? Orari visita fiscale 2015 dipendenti privati e pubblici Una recente circolare Inps ha modificato le disposizioni in materia di visite medico fiscali. Tra i principali cambiamenti troviamo i nuovi orari controllo Inps per le visite medico fiscali, una tipologia di accertamento, prevista dallo Statuto dei Lavoratori e volta a verificare l’effettiva ...
Jobs Act conciliazione delle controversie Jobs act conciliazione delle controversie e contratto a tutele crescenti Tra le tante novità apportate dal Jobs Act, troviamo l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che ha riscritto la disciplina per i licenziamenti individuali e ha modificato lo strumento della conciliazione, atto a sanare le eventuali controversie tra datore di lavoro ...
jobs act 2015