Jobs Act cassa integrazione: come funziona la nuova cig

Modifiche Job Act cassa integrazione: le norme in vigore dal 24 settembre

La nuova cassa integrazione è finalmente in vigore. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale degli ultimi quattro decreti attuativi, il Jobs act è arrivato al capolinea. Tra le novità introdotte dalla riforma del lavoro non mancano i cambiamenti in materia di cassa integrazione. Vediamo di cosa si tratta.

Le nuove normative Jobs Act cassa integrazione, operative dal 24 settembre 2015, prevedono da un lato l’ampliamento della platea dei beneficiari (includendo piccole imprese e apprendisti) e dall’altro la riduzione della durata dell’ammortizzatore sociale, portata a 24 mesi. Condizioni che impediscono alle aziende decotte di richiedere l’indennità e allo stesso tempo aumentano i costi per le imprese che la utilizzano.

Ma allora a chi spetta la cassa integrazione? Hanno diritto tutti i lavoratori subordinati che, al momento della richiesta, possano vantare almeno 90 giorni di anzianità. Il Jobs Act ha inoltre ampliato la platea, includendo anche i lavoratori con contratto di apprendistato professionalizzante.

La riforma del lavoro ha permesso l’accesso all’ammortizzatore sociale anche alle piccole imprese, ossia quelle che contano dai 5 ai 15 dipendenti. Secondo i tecnici del governo, grazie a questi interventi la platea di beneficiari si estenderà fino a raggiungere 600mila aziende e 5,6 milioni di dipendenti.

Resta invariato invece l’importo dell’assegno previsto sia per la cassa ordinaria che per quella straordinaria: l’80% della retribuzione globale spettante al lavoratore, per un massimo di 1167,91 euro al mese.

Jobs Act cassa integrazione: si riduce la durata e si accelerano i tempi per la richiesta

Come già indicato, il Jobs Act prevede un periodo massimo per la cassa integrazione di 24 mesi in un quinquennio mobile, ossia in un periodo di cinque anni dalla data di richiesta dello strumento. Solo per il settore edile la durata massima dell’indennità è fissata a 30 mesi. Importante anche la modifica introdotta in merito alle informazioni che l’azienda deve comunicare ai sindacati in caso di richiesta di cassa integrazione straordinaria. In tal caso infatti l’azienda non sarà più tenuta a dichiarare i criteri di individuazione dei dipendenti da sospendere né le modalità della rotazione.

Allo stesso tempo, la riforma del lavoro accelera i tempi per la presentazione della domanda. Per la cassa ordinaria è necessario avanzare la richiesta entro 15 giorni dalla sospensione dell’attività, mentre per quella straordinaria la domanda va presentata nei sette giorni successivi alla chiusura della procedura sindacale o dell’accordo aziendale.

Cambiano anche le causali necessarie per accedere alla cassa integrazione straordinaria. Il Jobs Act esclude dall’ammortizzatore i casi di cessazione dell’attività o di un ramo della stessa. Un’altra importante novità riguarda i costi per le imprese che utilizzano la cassa integrazione ordinaria.

Jobs Act cassa integrazione straordinaria e ordinaria: cambiano i costi

Tutte le imprese del settore industriale pagano una quota per la cassa integrazione, a prescindere che ne facessero uso o meno, il contributo ordinario. Dal 24 settembre è previsto uno sconto su questa somma, per quanto attiene alla cassa integrazione ordinaria. In questo modo le imprese con meno di 50 dipendenti pagheranno l’1,7% della retribuzione, e quelle che superano questa soglia il 2%.

La situazione non cambia invece per la cig straordinaria. Il contributo rimane fisso allo 0,9% della retribuzione (0,6% a carico dell’impresa e 0,3% del lavoratore). C’è poi il contributo addizionale, pagato solo da chi utilizza effettivamente la cassa integrazione.

In questo caso, la riforma del lavoro alza le aliquote. Fino a 52 settimane di cassa il contributo sarà pari al 9% della retribuzione spettante per le ore non lavorate. Tra le 52 e le 104 settimane invece la quota da pagare è del 12%, oltre le 104 settimane si arriva al 15%. In altre parole chi utilizza l’ammortizzatore sociale paga di più.

 

Licenziamento Giusta Causa

I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016 Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016 Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l'indennità di maternità verrà ricon...
Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla ch...
Come dimettersi per via telematica? – Guida per la procedura online Dal 16 marzo 2016 grazie al Jobs Act, è possibile presentare le proprie dimissioni tramite procedura online. La modalità telematica è obbligatoria e l'unica possibile per i lavoratori dipendenti che vogliano interrompere il rapporto lavorativo volontariamente. Tuttavia per questa categoria, esistono delle eccezioni che tratteremo nello specifico...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
Jobs Act e lavoro: l’occupazione non aumenta Jobs Act e lavoro subordinato: le assunzioni non sono aumentate Il Jobs Act non ha aumentato l’occupazione. Questo è ciò che si evince dai dati dell’Istat, confermando l’incertezza del mercato del lavoro che negli ultimi mesi ha visto alternarsi risultati positivi e negativi. Sembra quindi che le misure adottate dal Governo Renzi non riescano anco...
Jobs Act 2015, in piazza a Modena per cancellare Riforma Jobs Act 2015: a Modena manifestazioni per la cancellazione della riforma Erano più di mille i lavoratori che il 26 maggio sono scesi in piazza per manifestare nei tre presidi di Modena: Bomporto, Castelnuovo e Finale Emilia. Questo il risultato della mobilitazione di Cgil e Uil contro il Jobs Act e le altre politiche economiche del Governo Renzi,...
jobs act cassa integrazione