Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte

Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi

Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contrattazione e poi inserito nei contratti collettivi nazionali. Una situazione che porta a grandi differenze tra i minimi contrattuali, dovute principalmente in base alla produttività del settore in cui si è assunti.

Va precisato però che anche se la delega non fosse stata soppressa con i decreti di applicazione, il Jobs Act prevedeva solo un intervento solo sui settori non coperti dalla contrattazione collettiva, senza quindi andare a toccare i minimi per settore già vigenti.

Il sistema di decentralizzazione per settore attualmente in vigore risulta però insufficiente a garantire un sostegno al reddito a tutti i lavoratori e dunque inefficace a contrastare la diffusione della povertà. Stando a quanto riportato dall’Istat, a maggio 2015 i contratti collettivi nazionali coprivano solo il 59,7% dei lavoratori dipendenti.

Jobs Act salario minimo: ecco perché ne avremmo bisogno

Tuttavia, in base ai principi espressi nell’articolo 36 della Costituzione, i CCNL sono stati spesso estesi anche ai lavoratori che non ne sono formalmente tutelati, ossia a quanti non sono iscritti ai sindacati né fanno parte dei settori coperti da contrattazione. È difficile quindi rilevare la quota di occupati effettivamente inclusi nel sistema della contrattazione. Secondo una stima dell’Eurofound sarebbe di circa l’80%.

Ma cosa succede per il restante 20%? Molte imprese, soprattutto PMI, non si avvalgono della contrattazione nazionale, e di conseguenza non ne rispettano il salario minimo. Sono escluse dai minimi dei CCNL anche diverse forme di lavoro precario e parasubordinato, oltre, ovviamente, al lavoro nero.

Jobs Act salario minimo: le disparità tra i vari settori

Ci sono addirittura settori, come l’edilizia, l’agricoltura e il turismo, in cui il salario mediano è al di sotto di quello minimo. Esaminando i dati Eurostat sull’incidenza della povertà, si nota chiaramente che c’è stato un largo vuoto salariale: nel 2013 in Italia, il 10,6% dei lavoratori era a rischio povertà, cioè percepiva un reddito inferiore al 60% del valore mediano nazionale.

Se si prendono in considerazione i dati inerenti a dipendenti a tempo determinato, la quota cresce per i giovani e gli stranieri. Si potrebbe quindi ipotizzare che il basso livello salariale sia legato non solo a una minore produttività del settore, ma anche a una mancanza di rappresentanza e di potere contrattuale dei dipendenti.

Proprio per questo l’eliminazione del salario minimo dal Jobs Act è stata senza dubbio una delusione per molti lavoratori, che avevano riposto le proprie speranze nella riforma del lavoro condotta dal governo Renzi. In un contesto in cui il datore di lavoro riesce a imporre una bassa retribuzione, un salario minimo può solo introdurre maggiore equità.

 

Licenziamento Giusta Causa

Taglio costo del lavoro 2016 Taglio costo del lavoro per il 2016 Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia:...
Naspi Inps: partono le erogazioni. Ecco come richiederla Naspi Inps domanda: attivate le procedure dal 15 luglio Dal 15 luglio 2015 è possibile usufruire della Naspi. È questa la novità che sta mettendo in moto migliaia di disoccupati italiani per la richiesta della nuova misura di sostengo al reddito. Dopo oltre due mesi di rodaggio, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act è divent...
Jobs Act lavoro a tempo parziale più flessibile Jobs Act lavoro a tempo parziale: le nuove regole di flessibilità Il “Codice dei contratti” del Jobs Act modifica la disciplina del lavoro a tempo parziale, intervenendo su aspetti sostanziali. Nello specifico gli artt. 4-12 della sezione I del Capo II del decreto n. 81/2015 (“Lavoro ad orario ridotto e flessibile”) prevedono, in materia di rappor...
Naspi 2015: come ottenerla? I nuovi requisiti Naspi 2015 Inps quali i requisiti necessari per l’accesso all’indennità Lo scorso primo Maggio è entrata in vigore la Naspi, nuova indennità erogata dall’Inps ai lavoratori che si trovano in uno stato di disoccupazione involontaria. Il sussidio viene erogato in base ai contributi versati dal lavoratore, negli ultimi quattro anni precedenti alla pe...
I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Jobs Act cococo: finiscono così i contratti di collaborazione Jobs Act cococo 2015: in vigore i nuovi decreti attuativi Addio co.co.co. Dopo l'entrata in vigore (il 7 marzo) dei nuovi contratti a tutele crescenti, la riforma del lavoro continua con il riordino delle forme contrattuali e le nuove norme sulla conciliazione di lavoro e vita privata. I due decreti attuativi del Jobs Act, hanno completato l’iter ...
jobs act salario minimo