Lavoratori Assenteisti: Attenti agli Investigatori

Assenteismo nel privato: i datori di lavoro si rivolgono alle agenzie di investigazione

Aumentano i controlli per i lavoratori assenteisti. Oltre alle leggi e ai controlli medico-fiscali, ora i furbetti dovranno vedersela anche con gli investigatori privati, chiamati a verificare la trasparenza dei comportamenti condotti dai lavoratori.

Pare, infatti, che negli ultimi anni le richieste inviate alle agenzie di investigazione per controllare i lavoratori dipendenti siano aumentate del 30%. “La crisi morde e i datori di lavoro mordono di più -dicono quelli della Federpol- chi ruba lo stipendio se ne deve andare. O l’azienda chiude”. Così impresari e industriali hanno iniziato a farsi giustizia da soli.

È vero che nel settore privato gli assenteisti risultano essere molti meno di quelli presenti nella Pubblica Amministrazione, ma sono comunque in molti a darsi malati o, peggio ancora, a simulare un incidente per fare il “doppio lavoro” a spese della ditta.

Come scovare lavoratori assenteisti: i casi più comuni

In un’intervista rilasciala al Corriere Della Sera, l’investigatore privato Marco Ponzi racconta di un caso che ha visto di recente. Un impiegato aveva finto di essersi fatto male alla schiena durante l’orario di lavoro. Infortunio che lo ha fatto rimanere assente dal lavoro per mesi.

Insospettito il datore di lavoro ha richiesto la consulenza dell’agenzia di investigazione è ha scoperto che il suo dipendente conduceva una vita assolutamente regolare. Il giorno stava con la famiglia e la sera andava al bowling. Almeno fino a quando l’azienda non gli ha fatto recapitare un dossier di 30 pagine in cui erano riportati tutti i suoi spostamenti, registrati grazie ad un gps.

Ma questo non l’unico caso e neppure l’unica tipologia di assenteisti. Ci sono infatti anche quelli che invece di andare al lavoro vanno dalle escort, e chi simula l’influenza per andare a fare la vendemmia con gli stagionali. “Nelle zone del Chianti e Franciacorta ne abbiamo trovati parecchi” dicono quelli dell’osservatorio Axerta Consulting.

Stessa storia vale per la raccolta delle mele, soprattutto nel veneto. Mentre nel periodo di Natale in tutto il nostro Paese si registrano assenteisti che si dicono malati, ma in realtà vanno a dare una mano ai negozianti, che hanno bisogno di un aiuto extra.

Accertare assenteismo dal posto di lavoro: tutte le fasi dell’investigazione

Ma come vengono scovati i lavoratori assenteisti che simulano infortuni e malattie? Il lavoro dell’investigatore privato parte di solito dal contatto con l’imprenditore, o col capo del personale, che ha avuto una soffiata su un collega. Dopo le prime indagini si passa ai pedinamenti che di solito durano 8-9 ore al giorno per 4-5 giorni.

In questa fase è assolutamente legale scattare foto e utilizzare telecamere, ma sono vietate le microspie. La normativa vigente consente inoltre di seguire il soggetto in auto dopo aver piazzato un Gps sotto il veicolo.

Per quanto riguarda le spese sostenute dall’azienda, lo sforzo economico di affidarsi ad un’agenzia di investigazione ripaga in termini di indennità e stipendi risparmianti.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act assunzioni in aumento: tutto merito dell’estate? Jobs Act assunzioni in crescita a maggio: ecco le ragioni In aumento i rapporti di lavoro in Italia. Lo ha detto il Ministero del Lavoro, dichiarando che a maggio 2015 sono stati sottoscritti 184707 nuovi contratti. Un dato senza dubbio positivo, ma che certo non deve sorprendere. Le nuove assunzioni sono, infatti, piuttosto in linea con quelle re...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
indagini licenziamento per giusta causa Indagini licenziamento per giusta causa: di cosa si tratta La giusta causa di licenziamento è una situazione che con conoscente la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria, a causa di una condotta scorretta tenuta dal dipendente. Stando a quanto definito dalla normativa vigente, in sede di giudizio è possibile rilevare la giu...
Jobs Act contratti: sanatoria per chi regolarizza i cococo Jobs Act contratti co co co: in arrivo il Decreto Dopo il passaggio alle Commissioni del Lavoro di Camera e Senato, il testo del D.lgs. sul riordino dei contratti, conferma la restrizione sui contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Il Governo varerà a breve un decreto che da gennaio 2016 farà inquadrare ope legis tali rapporti come ...
Jobs Act decreti attuativi: passano gli ultimi quattro Jobs Act decreti attuativi: arriva il sì del Senato Il Senato si è espresso positivamente in merito agli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act. Dopo il via libera del Cdm e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le nuove normative saranno legge, completando così il percorso della riforma del lavoro. A dare la notizia è stata Anna Maria...
Licenziamento per permessi legge 104 Licenziamento per permessi legge 104, legittimo anche in mancanza del codice Con la sentenza n. 8784 del 30 aprile 2015 la Corte di Cassazione ha definito legittimo il licenziamento per utilizzo improprio dei permessi legge 104/92, anche in caso di mancata affissione in azienda del codice disciplinare. La decisione della Suprema Corte si basa n...
Jobs Act e cassa integrazione: cosa ci aspetta dal 2016 Jobs Act e cassa integrazione: cosa cambia con la riforma del lavoro Oltre ad affiancare il sostegno al reddito dei lavoratori disoccupati, il riordino degli ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act sottolinea l’abolizione della cassa integrazione in deroga a partire dal 2016. Rimarranno in vigore la cassa integrazione ordinaria e straordin...
Lavoro: si può parlare davvero di ripresa? Lavoro in ripresa: parla il presidente dell’Istat Il lavoro sta davvero ripartendo? È questa la domanda che sorge spontanea dopo l’intervista rilasciata dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, a Il Fatto Quotidiano. Alleva ha, infatti, dichiarato, senza mezzi termini, che i dati forniti dal Ministero del Lavoro e dall’Inps sono molto confusiona...
lavoratori assenteisti