Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika

Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie

Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla che autorizza, al verificarsi di certe situazioni, i creditori internazionali a richiedere all’esecutivo i licenziamenti collettivi nel settore pubblico.

Sembra che le categorie maggiormente colpite, in caso di eventuali licenziamenti, sarebbero le addette alle pulizie dei ministeri e i giornalisti della televisione pubblica Ert. Lavoratori che rappresentano i due bacini di riferimento di una possibile richiesta da Berlino.

Possibili licenziamenti collettivi per le donne delle pulizie dei ministeri

Dopo aver subito il taglio con l’esecutivo Samaras, le addette alle pulizie erano state riassunte da Tsipras nei primi cento giorni di governo, dopo numerose proteste, lo scorso marzo. in quei giorni Lili Giannakaki, leader del movimento delle donne delle pulizie, manifestava tutta la sua soddisfazione.

Ma dopo che l’allora ministro dell’economia Varoufakis, aveva indicato la riassunzione come una delle prime misure del governo Tsipras, Lili aveva smesso di fare presidi sotto i palazzi del Governo greco in tende da campeggio, e organizzare manifestazioni con scope e stracci in mano.

Ma probabilmente dovrà ricominciare molto presto, dato che entro domani (mercoledì 15 luglio) il Governo deve approvare le riforme concordate con i creditori. A quel punto, se da Berlino venissero sollecitati dei licenziamenti collettivi, Tsipras e il suo governo dovrebbero eseguire quanto richiesto.

Conseguenze del licenziamento giornalisti Ert

Per quanto riguarda invece i giornalisti di Ert, questi sono appena stati reintegrati da Tsipras, dopo la chiusura del 2013. Si tratta di lavoratori che per un anno e mezzo sono stati i primi ed unici in Europa ad aver perso il posto dopo la ristrutturazione di trasmissione televisiva, su pressioni della troika. Una decisione annunciata da Simos Kedikoglou, allora sottosegretario alla presidenza del consiglio, che mise in crisi ben 2700 famiglie.

Erano i mesi in cui il governo Samaras decise, da solo, del destino della televisione di Stato. Dal giorno della sua chiusura ad oggi, la tv pubblica greca, accusata anche di avere i bilanci in rosso, non ha prodotto alcun vantaggio. La chiusura infatti non ha portato alle casse dello Stato neanche un euro di guadagno, anzi.

Sono in molti i lavoratori, colpiti dai licenziamenti collettivi, che hanno fatto causa allo Stato per ottenere il risarcimento dei danni. Senza contare che la Grecia dovrà pagare le penali relative all’annullamento di contratti siglati da Ert, come ad esempio quelli per gare sportive mai trasmesse e programmi già finanziati.

 

Licenziamento Giusta Causa

Orari controllo Inps 2015: quali sanzioni in caso di assenza? Orari visita fiscale 2015 dipendenti privati e pubblici Una recente circolare Inps ha modificato le disposizioni in materia di visite medico fiscali. Tra i principali cambiamenti troviamo i nuovi orari controllo Inps per le visite medico fiscali, una tipologia di accertamento, prevista dallo Statuto dei Lavoratori e volta a verificare l’effettiva ...
Jobs Act lavoro stagionale: contratti anche oltre 36 mesi Jobs Act lavoro stagionale cosa cambia con il D.Lgs. 81/2015 Sono scattate le novità per il lavoro stagionale. A fine giugno è entrato in vigore il D.Lgs. 81/2015, quarto decreto attuativo del Jobs Act. La nuova normativa riscrive la disciplina di molti contratti di lavoro modificando sia il Codice Civile, che diverse leggi. Al centro della riform...
Jobs Act congedo parentale a ore, procedura sospesa Jobs Act congedo parentale a ore bloccato: disagi per i genitori italiani Bloccato il congedo parentale a ore. La novità introdotta dal Jobs Act si è fermata prima ancora di partire. Per far sì che questo strumento prenda il via infatti, infatti, è necessario aspettare la relativa circolare dell’Inps. Documento che però, dopo quasi due mesi dall’a...
Licenziamenti Auchan, a rischio oltre 1400 posti di lavoro Sciopero dei lavoratori contro i licenziamenti Auchan 2015 Scioperi e proteste nelle piazze di tutta Italia contro i licenziamenti Auchan. È successo lo scorso 9 maggio, quando folle di lavoratori sono scese nelle strade italiane per manifestare contro il piano di rilancio avviato dal noto gruppo francese. Auchan ha infatti recesso in modo unil...
Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contra...
Jobs Act contratti: sanatoria per chi regolarizza i cococo Jobs Act contratti co co co: in arrivo il Decreto Dopo il passaggio alle Commissioni del Lavoro di Camera e Senato, il testo del D.lgs. sul riordino dei contratti, conferma la restrizione sui contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Il Governo varerà a breve un decreto che da gennaio 2016 farà inquadrare ope legis tali rapporti come ...
Assunzioni Jobs Act: come ottenere il bonus 2016? A chi spetta? Jobs Act assunzioni: la Legge di Stabilità modifica le condizioni del bonus La Legge di Stabilità 2016, presentata dal Governo la scorsa settimana, ha riconfermato il bonus assunzioni fino al 31 dicembre 2016. Hanno diritto allo sgravio contributivo i datori di lavoro che assumono personale a contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e qu...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
licenziamenti collettivi