Licenziamenti UnipolSai: 26 dipendenti licenziati in tronco

Licenziamenti UnipolSai: a casa 26 dipendenti

UnipolSai licenzia 26 dipendenti per “esubero anagrafico”. “La tristissima vicenda dei licenziamenti collettivi non poteva avere un epilogo peggiore” hanno commentano i Coordinamenti dei sindacati Fna e Snfia, ricordando che tali provvedimenti sono conseguenti all’accordo per l’inversione dei criteri, sottoscritto dalle Organizzazioni Confederali.

Tale intesa prevedeva infatti il licenziamento di 26 dipendenti ex Legge 223/91 in seguito all’attivazione di una procedura volta a scardinare il principio della volontarietà, utilizzando “come pretesto” quello che le associazioni sindacali hanno definito “ un settore importante e sofferente come è quello dei Sinistri”.

Stando a quanto riportato dai rappresentanti dei lavoratori che a fine 2014 non hanno sottoscritto l’accordo, l’azienda avrebbe convocato i soggetti interessati dal provvedimento “per comunicazioni inerenti il rapporto di lavoro”, consegnando poi le lettere di licenziamento “con effetto immediato”. UnipolSai avrebbe quindi impedito ai dipendenti di avvalersi dell’assistenza sindacale, negando ai rappresentati l’ingresso durante i colloqui.

Scorrettezze nei licenziamenti UnipolSai

Tra i licenziati figurano anche lavoratori assenti per malattia, nonostante questa sia una pratica in netto contrasto con la normativa vigente. La procedura adottata, inoltre, ha obbligato i soggetti licenziati ad abbandonare immediatamente il posto di lavoro, scortati dal servizio di sorveglianza, che gli ha consentito solo di ritirare gli effetti personali.

Un trattamento, rimarcano Fna e Snfia, che non è stato riservato nemmeno a “dipendenti che hanno commesso gravi illeciti e che vengono licenziati in tronco”. I licenziamenti UnipolSai, sempre secondo i sindacati, si sarebbero basati su un presupposto ingiustificato, soprattutto se si tiene conto che il Gruppo dichiara, grazie all’impegno dei propri dipendenti, diverse centinaia di milioni di utile e preannuncia investimenti per circa 300 milioni di euro.

UnipolSai licenziamenti: quali le conseguenze

Ma a cosa ha condotto la misura riorganizzativa applicata da UnipolSai? Secondo le associazioni sindacali a poco, dato che non ha generato i risultati attesi ed evidenzia una flessione degli incassi e inefficienze in vari settori dell’azienda. Senza contare che è già stata annunciata la chiusura di un vasto numero di centri di liquidazione sinistri.

Una manovra che porterebbe a un peggioramento del servizio offerto e notevoli disagi ai lavoratori addetti presso le sedi in chiusura, che potrebbero doversi trasferire presso un’altra sede, o cambiare residenza in un’altra città. Insomma un comportamento in netto contrasto con la politica aziendale, dato che UnipolSai si è sempre detta attenta ai propri lavoratori e alle ricadute sociali delle proprie decisioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

Lavoratori Assenteisti: Attenti agli Investigatori Assenteismo nel privato: i datori di lavoro si rivolgono alle agenzie di investigazione Aumentano i controlli per i lavoratori assenteisti. Oltre alle leggi e ai controlli medico-fiscali, ora i furbetti dovranno vedersela anche con gli investigatori privati, chiamati a verificare la trasparenza dei comportamenti condotti dai lavoratori. Pare, i...
Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla ch...
Jobs Act decreti attuativi: passano gli ultimi quattro Jobs Act decreti attuativi: arriva il sì del Senato Il Senato si è espresso positivamente in merito agli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act. Dopo il via libera del Cdm e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le nuove normative saranno legge, completando così il percorso della riforma del lavoro. A dare la notizia è stata Anna Maria...
Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contra...
Licenziamento del tecnico dopo scazzottata con Anelka Licenziamento del tecnico dell’Hussein Dey Il mondo del lavoro è una realtà complessa dove convivono esperienze molto diverse, sia per il contesto professionale che in termini di profitto. Ma questo non significa che le cause che portano al licenziamento siano diverse, e in certi casi le incompatibilità caratteriali conducono al peggio, come inseg...
Jobs Act conciliazione delle controversie Jobs act conciliazione delle controversie e contratto a tutele crescenti Tra le tante novità apportate dal Jobs Act, troviamo l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che ha riscritto la disciplina per i licenziamenti individuali e ha modificato lo strumento della conciliazione, atto a sanare le eventuali controversie tra datore di lavoro ...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
Lavoro: si può parlare davvero di ripresa? Lavoro in ripresa: parla il presidente dell’Istat Il lavoro sta davvero ripartendo? È questa la domanda che sorge spontanea dopo l’intervista rilasciata dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, a Il Fatto Quotidiano. Alleva ha, infatti, dichiarato, senza mezzi termini, che i dati forniti dal Ministero del Lavoro e dall’Inps sono molto confusiona...
licenziamenti unipolsai