Naspi Inps: partono le erogazioni. Ecco come richiederla

Naspi Inps domanda: attivate le procedure dal 15 luglio

Dal 15 luglio 2015 è possibile usufruire della Naspi. È questa la novità che sta mettendo in moto migliaia di disoccupati italiani per la richiesta della nuova misura di sostengo al reddito. Dopo oltre due mesi di rodaggio, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act è diventata finalmente accessibile.

La nuova sigla, infatti, sarebbe dovuta partire lo scorso primo maggio, data in cui entrava a regime secondo le direttive dei relativi testi di legge. L’Inps invece ha avuto bisogno di altri 50 giorni per mettere a punto l’indennità di disoccupazione, nonostante la miriade di richieste inviate nel frattempo.

Secondo ai primi dati pubblicati dall’istituto di previdenza, infatti, sarebbero oltre 200 mila le domande presentate prima del 15 luglio. Nello specifico, nel mese di maggio le richieste sono state poco meno di 70 mila, mentre a giugno sono quasi raddoppiate con ben 136580 istanze.

Naspi Inps requisiti: a chi si rivolge

Nonostante i numeri così elevati, però, l’Istituto di previdenza si dice certo di riuscire ad esaudire la totalità delle richieste pervenute in breve tempo. Luca Sabatini, direttore Prestazioni a sostegno del reddito dell’Inps, ha infatti dichiarato che nonostante il ritardo dell’Inps, dovuto alla complessità che la Naspi ha introdotto nei sistemi di calcolo, l’Istituto conta di tornare a regime nel mese di luglio. 5 mila domande sono state saldate solo il 15 luglio.

Ma a chi si rivolge la Naspi Inps? La nuova assicurazione sociale riguarda tutti i soggetti che hanno perso involontariamente il lavoro, compresi quanti sono stati licenziati per motivi disciplinari. Il requisito minimo per accedere al credito è disporre di 13 settimane di contribuzione negli ultimi quattro anni o, in alternativa, aver lavorato almeno 30 giorni negli ultimi 12 mesi.

Come inoltrare la richiesta Naspi Inps

Agli aventi diritto viene conferita una quota pari al 75% della retribuzione media percepita negli ultimi 4 anni, fermo restando un tetto massimo di 1195 euro. A partire dalla quarta mensilità, la prestazione si riduce ogni mese del 3%. La Naspi è erogata per un lasso di tempo pari alla metà dei periodi retributivi riconosciuti al lavoratore negli ultimi quattro anni, per un massimo di 24 mesi. Tetto massimo che dal 2017 passerà a 18 mesi.

Per quanto riguarda la richiesta della prestazione, la procedura online è attiva dal 15 luglio 2015 sul sito ufficiale dell’Inps (ww.inps.it). Per inoltrare domanda è necessario accedere all’area Servizi Online del sito con il proprio codice Pin Inps e selezionare la voce “Invio online domanda Naspi”. Chi non dispone del Pin può richiederlo direttamente online tramite il portale Inps, seguendo la procedura guidata “Richiedi Pin”.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
Licenziamento manager Pearson dopo l’orgia del figlio Licenziamento manager e difensore: congedati i Pearson Suo figlio insulta le prostitute thailandesi e lui perde il posto. Nigel Pearson, 51 anni, manager dei Leicester City da lungo tempo (anche se con una parentesi all'Hull City nel 2010-11) avrebbe dovuto essere riconfermato dopo la salvezza dei Foxes. La squadra, sempre agli ultimi posti della ...
Jobs Act congedo parentale a ore, procedura sospesa Jobs Act congedo parentale a ore bloccato: disagi per i genitori italiani Bloccato il congedo parentale a ore. La novità introdotta dal Jobs Act si è fermata prima ancora di partire. Per far sì che questo strumento prenda il via infatti, infatti, è necessario aspettare la relativa circolare dell’Inps. Documento che però, dopo quasi due mesi dall’a...
Come dimettersi per via telematica? – Guida per la procedura online Dal 16 marzo 2016 grazie al Jobs Act, è possibile presentare le proprie dimissioni tramite procedura online. La modalità telematica è obbligatoria e l'unica possibile per i lavoratori dipendenti che vogliano interrompere il rapporto lavorativo volontariamente. Tuttavia per questa categoria, esistono delle eccezioni che tratteremo nello specifico...
Jobs Act lavoro a tempo parziale più flessibile Jobs Act lavoro a tempo parziale: le nuove regole di flessibilità Il “Codice dei contratti” del Jobs Act modifica la disciplina del lavoro a tempo parziale, intervenendo su aspetti sostanziali. Nello specifico gli artt. 4-12 della sezione I del Capo II del decreto n. 81/2015 (“Lavoro ad orario ridotto e flessibile”) prevedono, in materia di rappor...
Jobs Act e demansionamento: la questione legittimità Jobs Act e demansionamento: cosa cambia con i nuovi decreti attuativi Con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act è stato introdotto il demansionamento dei lavoratori. Ma cosa significa? Quali sono gli effetti? Il demansionamento consiste nell’assegnazione di mansioni inferiori a quelle per le quali è stato assunto. La normativa...
Jobs Act assunzioni in aumento: tutto merito dell’estate? Jobs Act assunzioni in crescita a maggio: ecco le ragioni In aumento i rapporti di lavoro in Italia. Lo ha detto il Ministero del Lavoro, dichiarando che a maggio 2015 sono stati sottoscritti 184707 nuovi contratti. Un dato senza dubbio positivo, ma che certo non deve sorprendere. Le nuove assunzioni sono, infatti, piuttosto in linea con quelle re...
Conciliazione licenziamento: guida sulle procedure da seguire Conciliazione licenziamento individuale: quali le procedure? Quando utilizzarle? Con il Jobs Act il Governo Renzi ha modificato la normativa riguardante la conciliazione in caso di licenziamento di un lavoratore dipendente. A seconda della situazione, in caso di contenzioso sul lavoro, è possibile applicare una delle seguenti procedure: conciliazi...
naspi inps